COME RINNOVARE IL PASSAPORTO NEL 2019

Rinnovo Passaporto 2019

Siete in partenza per una destinazione esotica e avete appena realizzato di avere il passaporto scaduto o di doverlo rinnovare prima del termine? 

Volete partire per un viaggio all’estero e desiderate capire cosa sia il passaporto elettronico? 

Oppure avete un’avventura in programma e non siete sicuri di quale documento valido per l’espatrio abbiate bisogno?

In questa guida, vi spiegheremo passo per passo come rinnovare il vostro passaporto nel 2019 o, se non ne avete mai fatto uno, come richiederlo per la prima volta. 

Infatti, che viviate a Milano o a Palermo, non avete di che preoccuparvi: la procedura è identica in tutta Italia ed è piuttosto semplice da sbrigare. 

Tutto quello che dovrete fare sarà recarvi presso l’ufficio passaporti della Questura più vicina e richiedere il nuovo documento elettronico.

Inoltre vedremo alcuni casi particolari, ad esempio le regole per l’immigrazione USA, e affronteremo la questione del passaporto elettronico e tutte le verifiche fondamentali da mettere in pratica prima di intraprendere il vostro viaggio. 

Ecco quindi le informazioni necessarie per ottenere un passaporto, dalla questura al bollettino, dalla richiesta al ritiro del documento.

Non ho il Passaporto o è Scaduto: Posso Comunque Viaggiare?

L’incubo di ogni viaggiatore è decidere di organizzare un viaggio all’estero e accorgersi all’improvviso che il proprio passaporto è in scadenza o addirittura già scaduto. 

In questi casi niente panico: se si ha poco tempo a disposizione per effettuare il rinnovo prima delle vacanze o se proprio non si possiede il documento, la scelta più semplice è optare per una destinazione che non richiede un passaporto per l’ingresso nel paese.

Infatti, fortunatamente, i cittadini italiani possono recarsi in ben 45 stati del mondo senza aver bisogno di un passaporto, utilizzando la carta di identità valida per l’espatrio come documento di ingresso nel paese. 

Vediamo dunque quali sono le destinazioni dove il passaporto non è necessario:

Paesi dell’Unione Europea aderenti al Trattato di Shengen: 

i cittadini italiani possono visitare tutti e i 22 paesi appartenenti all’area Shenghen con la sola carta di identità, più Bulgaria, Croazia, Cipro e Romania.

Dipendenze territoriali extra europee di stati UE: 

come ad esempio le Antille francesi, le Isole Canarie, le Isole Azzorre, Madeira e la Guyana francese.

Paesi non UE aderenti a Shengen: ovvero Norvegia, Islanda, Svizzera e Lichtenstein.

Paesi UE con controllo alla frontiera: Regno Unito e Irlanda.

Altri stati europei non UE: Andorra, Principato di Monaco, Città del Vaticano, San Marino, Bosnia-Erzegovina, Albania, Macedonia, Montenegro e Serbia.

Alcuni stati non europei: è possibile visitare anche Turchia, Egitto, Tunisia e Marocco con la sola carta di identità valida per l’espatrio. 

Tuttavia, in questo caso, vi consigliamo di informarvi in anticipo su eventuali eccezioni o restrizioni (ad esempio potrebbe essere possibile entrare senza passaporto solo in caso di viaggio organizzato).

Cosa Occorre nelle Destinazioni Dove Non è Ammessa la Carta di Identità?

Se invece sognate un viaggio più lontano dai confini nazionali, avrete quasi sicuramente bisogno di un passaporto individuale in corso di validità. 

Tuttavia, in alcune condizioni molto particolari, come ad esempio un viaggio di gruppo o alcune vacanze in crociera, potrebbe essere sufficiente un documento sostitutivo. 

L’esempio più classico è il passaporto collettivo, una carta valida per l’espatrio temporaneo richiedibile solo da Tour Operator specializzati e valida unicamente per il periodo di durata del viaggio.

In ogni altro caso, quando si affronta un viaggio all’estero, avere un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi è non solo fondamentale per la sicurezza, ma anche indispensabile per evitare di dover rientrare in Italia prima del dovuto e rischiare di terminare in anticipo l’avventura per un mero motivo burocratico.

Tuttavia tenete ben presente: se vi dovesse capitare di ritrovarvi all’improvviso con i documenti per l’espatrio smarriti, strappati, rubati o scaduti, potrete comunque fare richiesta per un passaporto d’urgenza prima della partenza. 

In questo caso però, sarà necessario dimostrare con la documentazione adeguata il motivo della fretta.

Invece, se lo smarrimento o l’eventuale furto si verifica all’estero, sarà necessario recarsi in ambasciata e richiedere il rilascio di un documento provvisorio di viaggio. 

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di capire cosa è necessario fare per ottenere un passaporto.

Come e Dove Fare il Rinnovo del Passaporto?

Come prima cosa, è importante sapere che non è propriamente corretto parlare di rinnovo del passaporto. 

Infatti, alla scadenza del documento, è necessario sostituirlo con uno completamente nuovo. 

Ancora, dal 20 maggio 2010, tutti i passaporti rilasciati in Italia sono di tipo elettronico, dotati quindi di microchip, dati anagrafici, firma digitale, fotografia e impronte del proprietario.

Il documento ha una validità di 10 anni dalla data della sua emissione, per cui i passaporti di tipo tradizionale, rilasciati prima del 2010, sono ormai quasi scomparsi. 

Inoltre, solo con il passaporto elettronico è possibile aderire al programma ESTA che permette di entrare negli Stati Uniti senza visto.Ma dove richiedere il nuovo passaporto?

Quando il documento è scaduto o ha una validità residua inferiore a 6 mesi, è necessario procurare la documentazione necessaria per ottenerne uno nuovo e consegnarla presso i seguenti uffici:

  • La Questura della vostra città
  • La stazione dei Carabinieri
  • L’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza

Tuttavia, poiché per ottenere il passaporto elettronico è comunque necessario recarsi in Questura per farsi prendere le impronte digitali, noi vi consigliamo di seguire questa strada. 

Ancora, poiché i tempi per il rinnovo possono variare moltissimo a seconda dei periodi e dell’ufficio presso cui si è fatta richiesta, il nostro suggerimento è di intraprendere le pratiche necessarie con almeno sei mesi di anticipo rispetto alla data di partenza del vostro viaggio.

Infatti, le tempistiche vanno da circa una quindicina di giorni per la consegna presso la Questura di residenza, a due o tre mesi (o anche più) se si decide di rinnovare il passaporto nel comune di domicilio. 

Ancora, grazie ad una convenzione con le Poste Italiane, è possibile anche richiedere la spedizione del nuovo documento direttamente a casa, al costo di 9,05 euro.

Infine, per evitare lunghe code e inutili tempi di attesa presso gli uffici, è possibile utilizzare il servizio passaporti online della Polizia di Stato per fare richiesta online e prenotare ora, data e luogo di consegna della documentazione. 

Per ulteriori informazioni, consultate il sito della Polizia di Stato alla pagina dedicata, dove troverete tutti i dettagli relativi al passaporto.

Posso Richiedere il Passaporto all’Estero?

Per ragioni diverse, potrebbe essere necessario richiedere il vostro passaporto all’estero. 

Capita infatti di essere via per lavoro o di aver spostato il proprio domicilio in un Paese fuori dell’Italia e dover seguire la procedura per il rinnovo del passaporto internazionale. 

In questo caso, è necessario recarsi presso le rappresentanze diplomatico-consolari dello stato in cui cu su trova.

Fissando per tempo un appuntamento, gli impiegati del Consolato si prenderanno in carico il rinnovo del vostro passaporto. 

Per conoscere tutti i dettagli a riguardo, visitate la pagina dedicata della Farnesina

Ancora, alle pagine dei singoli paesi del portale www.viaggiaresicuri.it, potrete trovare i contatti della rappresentanza cui fare riferimento.

Costo del Passaporto

La spesa per ottenere il passaporto italiano ammonta a 116 euro ed è la stessa presso tutti gli uffici competenti. 

A questa cifra vanno aggiunti il prezzo per le fototessere (dai 5 ai 10 euro) ed eventualmente il costo della spedizione del documento al domicilio. 

Il costo totale è così ripartito:

  • 42,50 euro per il costo del libretto, da versare tramite bollettino postale
  • 73,50 euro di contrassegno amministrativo

Inoltre, è importante sottolineare che dal 24 giugno 2014 è stata abolita la tassa annuale del passaporto ordinario e, di conseguenza, è possibile utilizzare senza problemi e senza costi aggiuntivi tutti i passaporti (compresi quelli rilasciati prima di tale data) fino al momento della scadenza.

Documentazione Necessaria

Alla scadenza o in seguito allo smarrimento, al furto o al deterioramento del passaporto, occorre procurare i documenti necessariper ottenerne uno nuovo e consegnarli agli uffici competenti. 

A questo punto quindi, dopo aver conosciuto i costi da considerare, vediamo cosa serve per il rilascio del passaporto nel 2019:

  • Il modulo compilato e stampato con la richiesta di rilascio del passaporto (diverso per maggiorenni e minorenni) disponibile presso gli uffici della Questura o sul sito della Polizia di Stato.
  • 2 fototessere identiche e recenti, scattate frontalmente e a viso scoperto, con sfondo bianco e di dimensioni 35-40 mm.
  • Un documento di riconoscimento ed una fotocopia dello stesso (carta di identità, patente, ecc.);
  • Ricevuta di pagamento del bollettino postale che attesta l’avvenuto versamento della quota per il costo del libretto (42,50 euro) sul c/c n.67422808 intestato al Ministero dell’Economia e Finanze – Dipartimento del Tesoro, che abbia come causale “importo rilascio passaporto elettronico”;
  • Marche da bollo per un importo totale di 73,50 euro, che potete acquistare nelle rivendite autorizzate o presso i tabaccai;
  • Eventuale denuncia di furto o smarrimento.

Ora che sapete cosa serve per richiedere e rinnovare il passaporto, non vi resta che iniziare a predisporre tutti i documenti necessari, affinché possa esservi consegnato per tempo e prima di intraprendere la vostra nuova avventura di viaggio! 

Se avete ancora dei dubbi, date uno sguardo a questo video ufficiale della Polizia di Stato che spiega tutte le procedure necessarie per il rilascio del passaporto.

Tempi di Rilascio

Di solito, dalla richiesta del passaporto al rilascio dello stesso trascorrono alcune settimane. 

Tuttavia, le tempistiche possono variare in base all’ufficio presso il quale si decide di consegnare la documentazione.

Come dicevamo infatti, i tempi possono essere molto laschi: nella migliore delle ipotesi, potreste ottenere il vostro documento già dopo 2 giorni dalla richiesta, mentre nel caso peggiore sarà necessario aspettare fino a 2 o 3 mesi. 

Questo è particolarmente vero specialmente se la vostra richiesta è a ridosso dei mesi estivi e dei periodi di vacanza in genere, durante i quali si registra un carico di domande molto elevato. 

In ogni caso, la media delle tempistiche di rilascio del passaporto è comunque di circa 15 giorni.

Come Funziona la Richiesta del Passaporto per i Minorenni?

Per quando riguarda i figli minori, dal 2012 non è più possibile iscriverli sul documento di uno dei due genitori. 

Al contrario, ad oggi è necessario che tutti i cittadini italiani minorenni che viaggiano all’estero siano forniti di un passaporto individuale. 

Quindi, non esiste più un’età minima per il passaporto, ma è necessario richiederne il rilascio fin dalla nascita. 

Inoltre, la validità di questi documenti per l’espatrio ha una durata inferiore rispetto a quella degli adulti, in particolare:

Passaporto per bambini da 0 a 3 anni: validità 3 anni

Passaporto per bambini e ragazzi da 4 a 18 anni: validità 5 anni

I documenti necessari per il rilascio sono gli stessi richiesti per gli adulti, con la differenza che in questo caso è assolutamente necessario l‘assenso di entrambi i genitori del minore, i quali devono recarsi congiuntamente presso il Pubblico Ufficiale e firmare di comune accordo. 

La procedura non cambia anche in caso di genitori divorziati. Inoltre, ai minori di età superiore ai 12 anni, è anche richiesto di depositare le impronte digitali.

Cosa Succede se ho Bisogno di un Passaporto Urgente?

Nel caso si presenti un’improvvisa necessità di recarsi all’estero, dovuta a motivi di lavoro, familiari o di qualsiasi altra natura, potrebbe essere necessario il rilascio di un passaporto urgente. 

Cosa fare in questi casi? 

Niente panico! Esiste una procedura ad hoc, tramite la quale si riesce ad ottenere il passaporto in tempi rapidissimi.

La prima cosa da fare per velocizzare i tempi, è innanzitutto scegliere di recarsi direttamente in Questura o presso l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza e richiedere l’iter di richiesta rapida. 

Tuttavia, tenete presente che per ottenere la procedura d’urgenza dovrete presentare della documentazione che attesti il carattere d’urgenza della vostra richiesta. 

Solitamente la richiesta è accolta solo per comprovati motivi di salute, lavoro o studio.