COSA FARE E VEDERE AD ALGERI

Algeri

Algeri è la capitale dell’Algeria ed è anche il più importante porto del paese. La città divenne una colonia romana di diritto latino sotto l’imperatore Vespasiano. 

Nel 429 d.C. viene conquistata dai Vandali, nel VI secolo passa sotto il controllo bizantino e nel secolo successivo sotto quello arabo. 

L’attuale Algeri venne fondata nel 944 dal sovrano berbero Buluggin ibn Ziri, fondatore della dinastia Ziride, che ne modifica il nome in al-Jaza’ir. 

Da questo momento in poi vede aumentare progressivamente la propria importanza nell’area.

La temperatura media nell’anno è pari a 17,2 °C. Il mese più caldo è agosto mentre quello più freddo è gennaio con 10,8 °C. Le precipitazioni massime si hanno a dicembre e le minime in luglio.

Le attrazioni più importanti, per chi intende fare un viaggio ad Algeri e rimanere solo pochi giorni, da non perdere sono:

La Basilica di Nostra Signora d’Africa di Algeri

La Basilica di Nostra Signora d’Africa è una chiesa cattolica di Algeri, che ha dignità di basilica minore. La prima pietra fu posta nel 1855 dal vescovo di Algeri, monsignor Pavy.

Il Quartiere Qasba di Algeri

Il Quartiere Qasba di Algeri è un antico quartiere della città fondato sulle rovine della vecchia Icosium. Si tratta di una piccola città costruita su una collina che scende verso il mare. La Qasba è divisa in due piccoli quartieri: la città alta e la città bassa. Qui vi si trovano mura e moschee del XVII secolo come la moschea di Ketchaoua, la moschea el Djedid, la moschea El Kébir e la Moschea di Ali Betchnin.

La Moschea Grande di Algeri

La Moschea Grande è ritenuta la moschea più antica di Algeri. Sul pulpito vi è un’iscrizione che attesta l’esistenza dell’edificio nel 1018. Il minareto fu costruito da Abu Tachfin, sultano di Tlemcen, nel 1324. L’interno della moschea è a pianta quadra e diviso in navate da colonne unite con archi moreschi. È sede di un’importante scuola di teologia sunnita.

La Moschea Ketchaoua di Algeri

La Moschea Ketchaoua o Ketchawa è un edificio di culto di Algeri. Fu costruita nel 1612 dal Dey Baba Hassan. Nel 1848 fu trasformata in cattedrale di Saint Philippe dai francesi, che ne alterarono l’architettura originale. Torna a essere una moschea nel 1962, quando l’Algeria ottiene la sua indipendenza.

Bastion 23 di Algeri

Bastion 23 è un palazzo situato nei presso della medina di Algeri. L’edificio è un esempio dell’architettura ottomana in Algeria ed è stato convertito in un polo museale con differenti sezioni dedicate all’architettura, all’arte tradizionale e alla musica.

Il Memoriale dei Martiri di Algeri

Il Memoriale dei Martiri è un monumento per commemorare la Guerra di indipendenza. Fu aperto nel 1982.

Il Museo Nazionale di Bardo di Algeri

Il Museo Nazionale di Bardo è un museo che si trova in Algeri. Fu aperto nel 1920.

La cosa ottimale, quando si visita una nuova città, sarebbe quella di conoscere anche la storia, la cultura, le tradizioni, gli usi e i costumi, imparare qualche termine della loro lingua, assaporare i cibi, respirare l’atmosfera... 

Sicuramente per fare ciò serve molto tempo a disposizione, ma anche molto denaro che purtroppo la maggior parte delle persone non dispone.