Passa ai contenuti principali

QUANDO VISITARE LA MOSCHEA SHEIKH ZAYED

Abu Dhabi

Quando si decide di andare negli Emirati Arabi, molti pensano solo a Dubai, invece sfogliando le pagine di una rivista fummo colpiti da un articolo “cosa fare ad Abu Dhabi” ed in special modo dalle immagini di una moschea, nello specifico la Moschea Sheikh Zayed. 

Se la si guarda con attenzione si può cogliere con facilità il fascino particolare che riserva questa imponente struttura.

Da lì ci salì sempre più forte il desiderio di porre grande attenzione alla città degli emirati, visitare Abu Dhabi, le sue bellezze naturali e storiche.

Quest’ultima oltre ad essere la capitale degli Emirati Arabi Uniti e capoluogo dell’emirato omonimo è uno dei riferimenti della penisola arabica.

Nel suo piccolo offre molte cose da vedere ma in assoluto la cosa che non si può in assoluto non vedere è la Moschea Sheikh Zayed.

Le caratteristiche della Moschea di Abu Dhabi

La grande moschea è una delle più belle attrazioni di Abu Dhabi.

La maestosa struttura, conosciuta anche con il nome di moschea bianca si trova nella prima periferia della città dell’emiro.

La costruzione fu decisa dallo sceicco Zayed Bin Sultan Al Nahyan, ad oggi rappresenta uno dei più importanti esempi di architettura islamica contemporanea del mondo. 

L’opera d’arte architettonica, luogo di culto islamico è una delle più grande moschee del mondo, in grado di ospitare 40.000 fedeli.

Dispone di 80 cupole, 1.000 colonne, lampadari, placcato in oro 24 carati, il tessuto del tappeto è annodato a mano ed è uno dei più grandi al mondo: si tratta di un lavoro realizzato pazientemente da 1200 donne della regione di Mashhadin Iran utilizzando trentacinque tonnellate di lana e cotone per un totale di 7119 metri quadrati di superficie. 

Vasche d’acqua riflettenti circondano la moschea amplificandone la bellezza. 

I colori delle pareti le colonne ed il tappeto sono armonizzati per rendere l’intera moschea un capolavoro unico. 

La sala di preghiera principale dove pregano i musulmani è dominato da uno dei più grandi lampadari del mondo: 10 metri di diametro, alto 15 metri e più di 9 tonnellate di peso.

La prima cerimonia della moschea è stato il funerale di Sheikh Zayed, che prende il nome della moschea, il cui corpo fu sepolto qui.

Vi trovate numerose fontane intorno alla moschea, con quei fantastici riflessi ne amplificano la sua bellezza.

Siamo rimasti molto colpiti da quel binomio scintillante bianco e oro, creano effetti molto forti sotto il sole, di notte sono sostituiti da un sistema di illuminazione unico nel suo genere, che riflette le fasi lunari.

L’ingresso alla Moschea Sheikh Zayed:

Quando arrivate all’ingresso non c’è un biglietto da pagare: difatti sia l’ingresso che l’eventuale tour sono completamente gratuiti. 

Puoi usufruire del tour e lo consigliamo vivamente in quanto vi sarà spiegato ogni dettaglio.

Le spiegazioni che ascolterete saranno in lingua inglese, ma volendo potrete chiedere una auricolare per l’ascolto della guida in italiano.

Le donne devono indossare un abaya e shayla, per richiederla dovrete andare all’ingresso, sarà sufficiente mostrare la patente di guida.

Orari della Moschea Sheikh Zayed:

E’ aperta ai visitatori tutti i giorni escluso il venerdì mattina, quando l’ingresso è consentito solo ai fedeli, giorno dedicato alla preghiera paragonabile alla nostra domenica.

Orari di apertura: 09:00 – 22:00 (ora abu dhabi) 

Potendo scegliere cercare di arrivare verso l’imbrunire, questo orario si rivelerà il migliore sia per evitare il caldo torrido sia perché avrete una luce calda che colorerà le cupole bianche della moschea.

Meglio arrivare in tarda sera, la nostra visita gratuita era prevista per le ore 5:00 PM. 

 Vi consigliamo questa perché la potrete visitare con molta calma, non ci sarà molta gente e si può potrà vedere il tramonto alle spalle della moschea. 

Uno spettacolo da togliere il fiato. 

All’interno del cosa vedere ad Abu Dhabi potete metterci tranquillamente questo grande capolavoro.

Articoli più letti:

PIANA DI GIZA: LE PIRAMIDI E LA SFINGE

Nulla del mondo antico si avvicina per fama alla Piana di Giza e alle Piramidi di Giza. 
Basti pensare che la sola Piramide di Cheope (o Grande Piramide) è l’unica tra le Sette Meraviglie del Mondo Antico giunta sino ai giorni nostri.
La Piramide di Cheope è la più grande delle tre piramidi della Piana di Giza. 
Costruita secondo le fonti dell’archeologia ufficiale intorno al 2570 a.C., è rimasta l’edificio più alto del mondo per circa 3800 anni. 
Fu eretta come monumento funebre da Cheope, faraone della IV dinastia dell’Egitto antico e realizzata su disegno dell’architetto reale Hemiunu.
L’intera necropoli è una testimonianza della gloria e della potenza dei faraoni dell’Antico Regno. 
Appena fuori del Cairo, sull’altopiano sorgono, oltre la Piramide di Cheope, anche quelle minori di Chefren e Micerino, la Grande Sfinge, alcune piramidi di piccole dimensioni, la Barca Solare, il villaggio operaio e alcuni cimiteri. 
Fin’ora, scienziati e archeologi non sono stati in grado di capire esattame…

CRIMEA E SOCI: LE LOCALITA' BALNEARI PREFERITE DAI RUSSI

A livello nazionale la Crimea e Soči occupano i primi posti per popolarità tra le destinazioni per le vacanze estive mentre la prima posizione tra i luoghi esteri è occupata dalla Turchia
A dichiararlo è il portale ufficiale dell’Associazione dei Tour operator della Russia ATOR.
Nella dichiarazione si legge come “In Russia i tour operator ricevono le maggiori richieste per località balneari quali Soči (Distretto di Adler) e la Crimea (Costa Meridionale e Distretto di Eupatoria)”.
Secondo i dati di ATOR, basati sui dati dei tour operator e del totale dei pacchetti vacanza su internet tra le destinazioni preferite di questa estate vi sono: Turchia, Russia, Grecia, Cipro, Spagna, Bulgaria, Montenegro, Tunisia e Italia. “Tra questi la posizione leader è, in modo in pratica irraggiungibile, della Turchia. 
Senza dubbio tale paese resterà il leader di questa estate” affermano all’interno dell’associazione.
La Russia balneare quest’anno, nonostante una generale tendenza di caduta del numero di …

AFFASCINANTE OMAN: TRA MUSCAT E DESERTO

Il Sultanato di Oman è uno dei paesi più affascinate del Medio Oriente ed una meta turistica in piena espansione.
Dalla baia di Musandam a nord alle spiagge di Salalah a sud, passando per i deserti dell’entroterra centrale, l’Oman vi lascerà senza parole. 
Se avete pochi giorni a disposizione ovviamente non potrete visitare tutto, quindi vi consiglio la zona di Muscat e dintorni, con over night nel deserto.
Quando andare
Il periodo migliore per visitare l’Oman e la penisola araba è da Ottobre a Marzo, quando il clima è piacevole e non fa caldo. 
Al contrario gli altri mesi saranno bollenti. Informatevi sul periodo del Ramadan ed evitate di andare durante quel periodo per non incorrere in divieti che non vi farebbero godere appieno della vacanza.
Dove alloggiare
Se decidete di fermarvi nel deserto per una notte potrete dormire come dormono i beduini nelle tende. 
L’esperienza è pazzesca ed estremamente emozionante. Vi verranno a prendere nella cittadina più vicina e vi guideranno nel deserto, …

I DOCUMENTI INDISPENSABILI DA PORTARE IN VIAGGIO

Le tanto attese ferie estive sono finalmente arrivate, se state per partire in vacanza, non vi resta che preparare la valigia. 
Ma quali sono i documenti utili che dovrete portare con voi in viaggio?
Il documento che non dovrebbe mai mancare nei vostri viaggi è quello di identificazione.
In caso di viaggi sul territorio nazionale, il DPR n. 445 del 2000 stabilisce che è sufficiente la carta d’identità o uno dei documenti equipollenti (“il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato”).
Per i viaggi nei paesi dell’Unione Europea o all’interno dello spazio Schengen (e in tutti quei Paesi con cui sono in vigore particolari accordi di reciprocità) è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio.
Per tutti gli altri Paesi ric…

ROAD TRIP ALLA SCOPERTA DELLA SARDEGNA

Famosa in tutto il mondo per la sue spiagge paradisiache e il suo mare cristallino, la Sardegna offre al visitatore anche incantevoli località, riserve naturali e siti archeologici.
La Sardegna è la seconda più grande isola del Mediterraneo ed è una delle destinazioni estive più amate in Europa. 
L’auto è il mezzo migliore per visitare in lungo e in largo l’isola e scoprire le sue spiagge più belle e le località più incantevoli. 
Ecco la nostra guida per un viaggio on the road nella magnifica isola.
Olbia e la Costa Smeralda
Facilmente raggiungibile attraverso i numerosi voli low cost che la collegano al resto d’Italia e del continente, Olbia, quarta città della Sardegna e importante polo tustico, è il punto di partenza del tour in macchina dell’isola che vi proponiamo. 
Una volta atterrati in città, potrete infatti noleggiare un’auto ad Olbia e partire alla scoperta della famosa e bellissima Costa Smeralda, riconosciuta come uno dei litorali più belli al mondo.
Non mancate di fare un salt…
Top