Passa ai contenuti principali

AFFASCINANTE OMAN: TRA MUSCAT E DESERTO

Sultanato di Oman

Il Sultanato di Oman è uno dei paesi più affascinate del Medio Oriente ed una meta turistica in piena espansione.

Dalla baia di Musandam a nord alle spiagge di Salalah a sud, passando per i deserti dell’entroterra centrale, l’Oman vi lascerà senza parole. 

Se avete pochi giorni a disposizione ovviamente non potrete visitare tutto, quindi vi consiglio la zona di Muscat e dintorni, con over night nel deserto.

Quando andare

Il periodo migliore per visitare l’Oman e la penisola araba è da Ottobre a Marzo, quando il clima è piacevole e non fa caldo. 

Al contrario gli altri mesi saranno bollenti. Informatevi sul periodo del Ramadan ed evitate di andare durante quel periodo per non incorrere in divieti che non vi farebbero godere appieno della vacanza.

Dove alloggiare

Se decidete di fermarvi nel deserto per una notte potrete dormire come dormono i beduini nelle tende. 

L’esperienza è pazzesca ed estremamente emozionante. Vi verranno a prendere nella cittadina più vicina e vi guideranno nel deserto, fino al campo dove vi accoglieranno tre gentilissimi locali. 

C’è uno spazio comune dove si mangia e ci si può rilassare, il cosiddetto majlis. Quando tramonta il sole l’energia elettrica rimane in riserva per un altro paio d’ore e poi buio. 

Nessuna luce, solo il fuoco che lasciano bruciare davanti al majlis e una torcia elettrica per raggiungere la tua tenda. 

In realtà se siete fortunati da avere una bella luna piena rimarrete incantati dalla potenza dei suoi raggi in un deserto completamente buio e sterminato.

La tenda ha un arredamento estremamente basico, ma in puro stile arabo e il bagno è a parte in una piccola struttura senza soffitto. 

Intorno solo sabbia, nient’altro. Durante la notte non stupitevi troppo se sentirete dei passi pesanti nelle vicinanze della vostra tenda. 

Sono molto probabilmente cammelli selvatici che vagano indisturbati per il deserto.

Cosa fare

Muscat

Muscat è la capitale del Sultanato dell’Oman che vale assolutamente la pena visitare. La città intera é praticamente costruita in mezzo alla roccia. Le montagne sono ovunque e invadono quasi le strade cittadine, una cosa particolarissima.

Il Mutrah Souq è il bazaar principale di Muscat che vende di tutto: spezie, oro, frutta, verdura, giocattoli, vestiti, accessori, street food e cose per la casa. 

Come tutti i souq arabi che si rispettino è un labirinto che si dirama in mille stradine, affollato, rumoroso e profumato. 

Come ci si potrebbe immaginare l’abbigliamento da tenere in Oman è decisamente conservatore. Per rispetto verso la cultura araba evitate qualsiasi pantalone o gonna sopra il ginocchio e maglie che lascino scoperte le spalle o la pancia.

Passato il souq si arriva al Mutrah Corniche, una piacevole passeggiata lungo il mare ideale al tramonto per ammirare le silhouette delle moschee e dei palazzi.

Passeggiando lungo le corniche vi imbatterete in numerosi forti arroccati sulla roccia. Non perdete l’occasione di salirvi e godervi il panorama!

Proseguendo si arriva al palazzo del Sultano, una magnifica struttura in squisito stile arabo chiusa al pubblico, ma ben apprezzabile da fuori. Nel perimetro si può accedere ad un meraviglioso corridoio di colonne e archi.

La Sultan Qaboos Grand Mosque è la moschea principale del Sultanato dell’Oman. Fuori è piuttosto semplice, ma dentro è elegantemente decorata con oro e pietre preziose. 

Le donne devono essere completamente coperte per potervi entrare e tenete d’occhio gli orari d’ingresso e delle preghiere per l’accesso.

Fuori Muscat

Sulla strada lungo la costa verso sud il mare è davvero notevole, quindi sarà quasi impossibile non fermarvi per un bagno veloce nelle acque trasparenti.

Lungo la via tenete gli occhi aperti. Potrete infatti imbattervi in piccole cittadine che tengono mercati assolutamente folcloristici che vale la pena visitare.

Scendendo verso sud tra Muscat e Sur si arriva al famigerato Bimmah Sinkhole, una conca chiusa di roccia calcarea di quaranta metri contenente dell’acqua verde smeraldo, che va scurendosi man mano che diventa profonda, fino a diventare quasi nera. 

Sembrerebbe che lo specchio d’acqua sia collegato al mare da un tunnel sotterraneo.

Le origini del Bimmah Sinkhole sono ancora ignote, tanto che i geologi non sono ancora riusciti a darne una vera spiegazione. Tra le ipotesi più probabili c’è quella secondo cui la conca sia stata formata da un meteorite precipitato. 

Secondo altri la causa sarebbe dovuta al cedimento naturale del terreno. Gli abitanti del luogo sono tuttavia convinti che sia la casa del diavolo.

Assolutamente d’obbligo è pernottare nel deserto omanita Sharqiya Sands e visitare i villaggi beduini con le loro fattorie di cammelli e capre. Ah, e ovviamente sveglia prestissimo per vedere il sole sorgere sulle dune di sabbia.

Dopo l’esperienza del deserto, meta verso gli wadi, ovvero i tipici canyon dell’Oman, delle vere e proprie oasi nel deserto. 

Sono qualcosa che toglie il fiato, uno spettacolo per gli occhi. Queste piscine naturali sono incastonate tra le montagne e costeggiate da palme e da un verde rigoglioso. 

Potrete ‘scalare’ la roccia e passare da un canyon all’altro e fare il bagno liberamente. Io non me ne sarei mai andata.

Perché andare in Oman

Perché è un paese totalmente inaspettato, fatto di persone gentilissime, sorrisi enormi, cultura, meravigliosa arte, mare trasparente, deserto infinito e oasi splendide. 

Inoltre è uno dei paesi arabi assolutamente sicuri in cui viaggiare.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…
Top