Passa ai contenuti principali

BAHRAIN: CONSIGLI E INFO PER IL TUO VIAGGIO

Bahrain

L’arcipelago del Bahrain, situato presso la costa orientale della penisola arabica è formato da una trentina di isole del Golfo Persico, costituite in massima parte da banchi sabbiosi e barriere coralline. 

Dal punto di vista climatico la regione è contraddistinta da estati estremamente calde con (media a luglio oltre i 35 gradi) e inverni miti (a gennaio la media è 17 gradi), non piove praticamente mai. 

Salito alla ribalta delle cronache mondiali da poco tempo grazie al petrolio e alla Formula Uno, con il Gran Premio che si corre dal 2004 a Manama, la capitale il Bahrain ha in realtà un storia molto più antica, risalente alle origini della civiltà umana. 

L’arcipelago era abitato dall’uomo fin dall’epoca preistorica. Nel III millennio avanti Cristo era sede dell’impero commerciale di Dilmun, che sopravvisse per circa 2000 anni. 

L’epopea di Gilgamesh descriveva l’isola principale come un vero paradiso, dove gli eroi avevano il dono della vita eterna, mentre secondo alcuni studiosi in Bahrain sorgeva il biblico Giardino dell’Eden.

Nel corso dei secoli la regione fu conquistata dai Greci e poi ancora dagli Arabi. 

Nel XVI secolo furono i Portoghesi ad impadronirsi del Bahrain e a utilizzare le isole come scalo per i loro commerci. 

Nel secolo successivo vi fu la dominazione persiana e tra il 1810 e il 1970 l’arcipelago fu un protettorato britannico. 

Nel 1971 fu il primo Paese del Golfo Persico a raggiungere l’indipendenza. 

A partire dagli anni settanta iniziò anche il forte sviluppo economico e finanziario legato alle grandi risorse petrolifere. 

Oggi il Bahrain è un paese che concilia alla perfezione la storia millenaria con la modernità e il progresso ed è particolarmente attrattivo per i turisti. 

Nella capitale Manama merita una visita il Museo Nazionale, una moderna costruzione in cui si ripercorrono i 7000 anni di storia del Bahrain, con particolare attenzione alla sviluppo della cultura e della tradizione islamica, della scrittura e delle grafie arabe. Alla Bait al-Qur’an, la Casa del Corano, si possono ammirare splendidi manoscritti islamici e soprattutto, come è facile intuire dal nome, una vasta collezione di Corani, alcuni dei quali risalgono addirittura al VII secolo.

Chi conosce l’arabo e vuole provare a leggere alcuni versi del libro sacro scritti su un chicco di riso non può fare a meno di una lente d’ingrandimento. 

A Manama, come nel resto del Paese, la religione islamica è presente un po’ ovunque, e naturalmente anche nelle numerose moschee: quella di Al-Khamis, il cui nucleo originario è databile al 692 d. C. è un bellissimo esempio di architettura religiosa. 

La Moschea di Al-Fatih, che è la più grande di tutto il Bahrain e può essere visitata anche dai non musulmani, è invece un gigantesco edificio capace di accogliere fino a 7000 fedeli. 

Un altro interessante esempio di architettura araba è il Forte Arad, costruito nel XVI secolo e uno dei più begli esempi di ingegneria militare dell’epoca. 

Come in tutti i paesi islamici un ruolo fondamentale nella vita della città è ricoperto dai suk, i mercatini dove è possibile comprare di tutto con l’immancabile rito della contrattazione. 

I prodotti più venduti sono gli articoli di elettronica, l’oro e l’argento, l’abbigliamento e tutti i prodotti tipici dell’artigianato locale.

A un paio di km da Manama si può visitare Qal’at Al-Bahrain, noto anche come Portoguese Fort, il principale sito archeologico del paese. 

Gli scavi, iniziati alla metà del secolo scorso, portarono alla luce il forte costruito su una collina formata dalle rovine di città antiche, e proseguono ancora oggi. 

Sono stati infatti scoperti ben sette livelli archeologici differenti che risalgono alle diverse fasi del passato della città: il primo risale a circa il 2800 avanti Cristo, all’inizio dell’epoca Dilmun, di questo periodo è anche il Tempio di Ad-Dira. 

Nelle vicinanze è interessante anche il sito archeologico di Barbar, un complesso di templi risalenti al II e al III millennio dedicati a Enki, il dio della saggezza.

Articoli più letti:

LE MIGLIORI COMPAGNIE AEREE LOW COST IN EUROPA NEL 2018

Una guida ai più importanti vettori a basso costo in Europa con tutte le informazioni utili sulle destinazioni servite nel 2018, per sapersi orientare fra le migliori offerte di voli low cost nel Vecchio Continente.
Tuttavia l’aumento vertiginoso negli ultimi anni dei vettori e il moltiplicarsi delle offerte e delle destinazioni può facilmente disorientare il viaggiatore alla ricerca di un volo economico. 
Come orientarsi allora nell’era delle offerte e dei voli low cost?
Ecco le 20 migliori compagnie low cost d’Europa: 
1. Ryanair, Irlanda, (RYR)
Fondata nel 1985, il vettore irlandese è la compagnia che inaugurato le tariffe aeree low cost ed oggi conta oltre 200 destinazioni servite da/per 31 Paesi europei, oltre che da/per Marocco, Giordania, Israele. Ryanair è inoltre la compagnia aerea con più rotte e traffico passeggeri in Italia con ben 14 basi nelle principali città della Penisola. La sua grande popolarità deriva dalla politica dei prezzi estremamente conveniente, che ne fa il vett…

PIANA DI GIZA: LE PIRAMIDI E LA SFINGE

Nulla del mondo antico si avvicina per fama alla Piana di Giza e alle Piramidi di Giza. 
Basti pensare che la sola Piramide di Cheope (o Grande Piramide) è l’unica tra le Sette Meraviglie del Mondo Antico giunta sino ai giorni nostri.
La Piramide di Cheope è la più grande delle tre piramidi della Piana di Giza. 
Costruita secondo le fonti dell’archeologia ufficiale intorno al 2570 a.C., è rimasta l’edificio più alto del mondo per circa 3800 anni. 
Fu eretta come monumento funebre da Cheope, faraone della IV dinastia dell’Egitto antico e realizzata su disegno dell’architetto reale Hemiunu.
L’intera necropoli è una testimonianza della gloria e della potenza dei faraoni dell’Antico Regno. 
Appena fuori del Cairo, sull’altopiano sorgono, oltre la Piramide di Cheope, anche quelle minori di Chefren e Micerino, la Grande Sfinge, alcune piramidi di piccole dimensioni, la Barca Solare, il villaggio operaio e alcuni cimiteri. 
Fin’ora, scienziati e archeologi non sono stati in grado di capire esattame…

I DOCUMENTI INDISPENSABILI DA PORTARE IN VIAGGIO

Le tanto attese ferie estive sono finalmente arrivate, se state per partire in vacanza, non vi resta che preparare la valigia. 
Ma quali sono i documenti utili che dovrete portare con voi in viaggio?
Il documento che non dovrebbe mai mancare nei vostri viaggi è quello di identificazione.
In caso di viaggi sul territorio nazionale, il DPR n. 445 del 2000 stabilisce che è sufficiente la carta d’identità o uno dei documenti equipollenti (“il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato”).
Per i viaggi nei paesi dell’Unione Europea o all’interno dello spazio Schengen (e in tutti quei Paesi con cui sono in vigore particolari accordi di reciprocità) è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio.
Per tutti gli altri Paesi ric…

AFFASCINANTE OMAN: TRA MUSCAT E DESERTO

Il Sultanato di Oman è uno dei paesi più affascinate del Medio Oriente ed una meta turistica in piena espansione.
Dalla baia di Musandam a nord alle spiagge di Salalah a sud, passando per i deserti dell’entroterra centrale, l’Oman vi lascerà senza parole. 
Se avete pochi giorni a disposizione ovviamente non potrete visitare tutto, quindi vi consiglio la zona di Muscat e dintorni, con over night nel deserto.
Quando andare
Il periodo migliore per visitare l’Oman e la penisola araba è da Ottobre a Marzo, quando il clima è piacevole e non fa caldo. 
Al contrario gli altri mesi saranno bollenti. Informatevi sul periodo del Ramadan ed evitate di andare durante quel periodo per non incorrere in divieti che non vi farebbero godere appieno della vacanza.
Dove alloggiare
Se decidete di fermarvi nel deserto per una notte potrete dormire come dormono i beduini nelle tende. 
L’esperienza è pazzesca ed estremamente emozionante. Vi verranno a prendere nella cittadina più vicina e vi guideranno nel deserto, …

VISITARE LA CITTA' DEL VATICANO

Per chi trascorre una vacanza a Roma, ecco un itinerario nella Città del Vaticano, il più piccolo Stato del mondo, una visita che vale assolutamente fare almeno una volta nella vita. 
Dalla Basilica di San Pietro ai Giardini Vaticani, dalla Cappella Sistina alle aree archeologiche, il Vaticano è un concentrato di bellezze artistiche che non ha eguali.
Una volta arrivati, non potrete non restare affascinati da Piazza San Pietrocon le sue colonnate, realizzata dal Bernini nel 1600, dominata dalla Basilica la cui facciata è larga 115 m e dal ‘cupolone’. 
Dalla finestra centrale, la cosiddetta Loggia delle Benedizioni, si affaccia il Papa per rivolgere il messaggio augurale urbi et orbi (‘alla città e al mondo’) subito dopo l’elezione e in occasione delle festività religiose.
L’interno della Basilica è un condensato di opere d’arte e di architettura: da Michelangelo al Canova, qui si possono apprezzare i migliori capolavori italiani, come il Baldacchino e la cupola. 
Oltre alla Basilica di San…
Top