Passa ai contenuti principali

GLI STATI FANTASMA NON RICONOSCIUTI NEL MONDO

Transistria, Moldavia

Quali stati a riconoscimento limitato non sono riconosciuti dall’Italia e dagli altri membri dell’ONU? 

Dalla Transnistria in Moldavia a Somaliland nel Corno d’Africa, scopri quali sono gli stati fantasma e i paesi non riconosciuti nel mondo.

"No Man's Land", titolo che ricorre spesso nella cinematografia, nel teatro e nella musica e che fa riecheggiare i nomi di Davis, Pinter, Hevia e Tanović, giusto per citare i più famosi. 

Questo termine tradotto in italiano significa "Terra di nessuno": ma è solo nell'arte che possiamo usare questa denominazione? 

No, non solo nell'arte, perché anche nella realtà esistono i cosiddetti "Stati fantastma": chi l'avrebbe mai detto? Scopriamo di più.

Qual è il significato di stato fantasma?

Uno Stato fantasma, tecnicamente uno "Stato a riconoscimento limitato", è un Paese non riconosciuto ufficialmente dagli altri Stati, oppure è riconosciuto solo da alcuni di essi. 

Questo mancato riconoscimento ha spesso radici storiche e storiografiche: in molti casi, gli Stati fantasma nascono in seguito a guerre ed episodi di sangue, dichiarando un'indipendenza che però non viene riconosciuta dal resto del mondo, o per lo meno non da tutti i Paesi.

Uno Stato fantasma de facto a seconda dei casi può controllare e governare la popolazione e può anche intrattenere relazioni diplomatiche con altri Paesi, specialmente quelli che lo riconoscono.

Lista di Paesi non riconosciuti nel mondo

Gli Stati fantasma sono in tutto una ventina: alcuni non sono riconosciuti da nessun altro Paese del mondo, mentre altri sono riconosciuti solo da certe nazioni: in pratica, uno Stato può esistere secondo una nazione, mentre per un'altra esso è come se non ci fosse: interessante questo fenomeno, vero? 

Andiamo a scoprire insieme alcuni degli Stati fantasma più famosi.

1. Somaliland, Africa

Stato riconosciuto da: Nessuno

La Somaliland è di fatto l'unico Stato fantasma al 100%: non è infatti riconosciuto da alcun membro della comunità internazionale. La Somaliland nel 1990 ha dichiarato la propria indipendenza dalla Repubblica Somala, andando a ricercare una sovranità autonoma. Tuttavia la Somaliland intrattiene rapporti politici con alcuni Paesi tra cui il Regno Unito, il Ruanda, la Norvegia e l'Etiopia. Diverse le richieste di riconoscimento alla comunità internazionale, anche da parte dell'Unione Africana.

2. Transistria, Moldavia

Stato riconosciuto da: Abcasia, Nagorno Karabakh e Ossezia del Sud

La Transistria è uno stato indipendente de facto, non riconosciuto dai Paesi membri dell'ONU che invece lo reputano parte della Repubblica di Moldavia. In realtà questa regione ha dichiarato la propria indipendenza dalla Moldavia nel 1990, stabilendo una propria amministrazione autonoma nella città di Tiraspol.

3. Repubblica del Nagorno Karabakh, Azerbaigian

Stato riconosciuto da: Abcasia, Ossezia del Sud e Transnistria

Anche questo Stato fantasma non è riconosciuto dai Paesi membri dell'ONU. Proclamatosi autonomo dall'Azerbaigian al termine di una sanguinosa guerra del 1992, alcune parti del territorio sono ancora controllati dalla popolazione azera.

4. Abcasia, Georgia

Stato riconosciuto da: Russia, Nicaragua, Venezuela, Nauru, Vanuatu, Tuvalu, Ossezia del Sud, Transnistria e Nagorno Karabakh

Territorio rivendicato dalla Georgia, è riconosciuto da 6 Paesi membri dell'ONU e da 3 non membri. L'indipendenza dalla Georgia fu raggiunta nel 1991, anche in questo caso in seguito a una rovinosa guerra e in un periodo altamente già critico per l'intera Unione Sovietica.

5. Cipro del Nord, Turchia

Stato riconosciuto da: Turchia

Stato indipendente sorto nel 1983, è in realtà una repubblica auto-proclamata e riconosciuta unicamente dalla Turchia, di cui faceva parte precedentemente. Nonostante la Repubblica di Cipro sia membro dell'UE dal 2004, Cipro del Nord resta uno Stato fantasma sé stante.

6. Palestina, Vicino Oriente

Stato riconosciuto da: 135 Paesi membri dell'ONU e da 1 Paese non membro (Sahara Occidentale)

Anche se se ne sente così spesso parlare, e nonostante sia ampiamente riconosciuto da molti Stati del mondo, la Palestina è in realtà uno Stato fantasma, a oggi ancora privo di un'organizzazione statale stabile. Inoltre è parzialmente occupata da Israele, mentre la Striscia di Gaza è sottoposta a blocco navale, terrestre e aereo sempre da parte di Israele. La capitale rivendicata è Gerusalemme Est, mentre la capitale de facto è Ramallah.

7. Israele, Vicino Oriente

Stato riconosciuto da: 32 membri dell'ONU

Anche Israele è per molte nazioni uno Stato fantasma. Il motivo principale di questo mancato riconoscimento è il fatto che Israele, a causa della questione palestinese, è uno Stato che crea continue tensioni nel mondo arabo, e infatti non è riconosciuto dai Paesi islamici a eccezione della Turchia, dell'Egitto, della Giordania e della Mauritania, con cui intrattiene normali relazioni politiche.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

REGOLE BAGAGLIO A MANO E DA STIVA CON EASYJET

EasyJet è una delle compagnie di voli low cost più utilizzate in Europa. 
Le restrizioni che questo vettore applica sul bagaglio non sono così rigide come quelle per le valigie Ryanair, ma per evitare inconvenienti, non rischiare di dover alleggerire il portafoglio e viaggiare tranquilli è meglio avere chiare alcune regole.
Se volate solo con il bagaglio a mano
Il bagaglio a mano consentito con easyJet è uno solo. 

Eventuali borsette, laptop, macchine fotografiche o altri oggetti dovranno quindi essere inseriti all’interno di un unico trolley/zaino da portare in cabina. 
Le uniche eccezioni sono costituite da soprabito, ombrello, sciarpa e sacchetto di dimensioni standard (contenente prodotti acquistati nell’aeroporto di partenza), che possono essere trasportati a parte, gratuitamente.
Ad ogni modo i titolari della tessera easyJet Plus, i passeggeri che abbiamo scelto la tariffa FLEXI o quelli che viaggeranno in un sedile con maggiore spazio (vicino alle uscite di emergenza o nella fila 1) …
Top