Passa ai contenuti principali

COME RISPARMIARE QUANDO SI VIAGGIA

Risparmiare in viaggio

Abbiamo già parlato di come sia possibile viaggiare dormendo gratis in un altro post ma, se questa vi sembra un’impresa quasi impossibile, sappiate che partire senza dover necessariamente spendere una fortuna è semplice. 

Ecco qualche consiglio pratico per ridurre le spese: bastano solo un pizzico di pazienza e creatività per ottenere il massimo dall’esperienza con il minimo di budget.

1. Viaggiate in bassa stagione

Potreste risparmiare centinaia di euro sul biglietto aereo. Tenetelo in considerazione se il vostro lavoro ve lo permette e se la destinazione scelta ha un clima più o meno favorevole tutto l’anno, ricordate comunque che ogni stagione ha i suoi pro e contro: in quella delle piogge, per esempio, ci sono sì temporali, ma piove solo qualche ora al giorno e la vegetazione è più verde e rigogliosa.

2. Prenotate in anticipo

Chi può concedersi le vacanze solo nei periodi estivi e invernali più trafficati, dovrebbe cercare di prenotare con vari mesi di anticipo, possibilmente anche un anno prima.

3. Volate durante la settimana

La maggior parte delle persone preferisce volare durante il week end, per questo i voli infrasettimanali spesso costano meno. Se partite il mercoledì, ad esempio, potreste risparmiare un bel po’ di euro.

4. Considerate una sosta

Ok, i voli con più scali sono spesso scomodi. Ma se da un lato vi fanno “perderete” un po’ di tempo, dall’altro è probabile che i soldi risparmiati valgano la seccatura!

5. Pasti fai da te

Cercate hotel che mettono a disposizione l’angolo cottura in modo da potervi comprare cibo economico al supermercato e cucinare da soli. Quando questa opzione non è possibile, lo street food è la scelta migliore: le bancarelle e i chioschi sulla strada, oltre ad essere un modo delizioso per scoprire la gastronomia locale, sono supereconomici. Evitate le principali aree turistiche e sbirciate dove la coda di “locals” è più lunga.

6. Attrazioni gratuite

Chi l’ha detto che per visitare i posti più belli bisogna pagare? I musei nazionali spesso sono gratis, e i mercati, centri storici, parchi, piazze, chiese, spiagge sono luoghi imperdibili dove entrare in contatto con la gente e la cultura del luogo, senza sborsare un euro! Non dimenticate l’arte di strada, che aguzzando un po’ l’occhio si può trovare negli spazi più inaspettati.

7. Appartamento, ostello o campeggio

Un’alternativa valida agli hotel è quella di affittare un appartamento, ottima opzione specialmente per lunghe permanenze, perchè il costo dell’affitto è di solito più basso di quello di una stanza d’albergo; arrivate sul posto, guardatevi intorno e andate a vedere di persona.

L’ostello è indubbiamente tra le soluzioni più economiche: i letti costano pochi euro, specialmente se sono in camerata, e la mancanza di comodità viene ripagata da un’atmosfera divertente e informale, perfetta per fare conoscenza. Cercate i più sicuri e puliti sul web o chiedete a chi ci è già stato. Campeggiare è una buona idea se volete stare fuori città, al mare o durante le escursioni, e in molti paesi può essere completamente gratuito.

8. Utilizzate i mezzi pubblici

Soprattutto nelle grandi città, bus e metro sono efficienti e capillari. Procuratevi una mappa delle linee, comprate un pass giornaliero o settimanale e lanciatevi nell’esplorazione! Anche per i treni potete troverete ottime offerte per gli abbonamenti e il percorso è scenografico, tranquillo e veloce.

9. Noleggiate un mezzo di trasporto

Se i mezzi di trasporto pubblici sono scadenti o non vi danno la libertà di andare dove volete, noleggiate un auto. Come per gli appartamenti, il costo diminuisce se programmate di fermarvi nello stesso posto per un po’. Assicuratevi solo di conoscere le regole scritte della strada.

10. Vita notturna low cost

La Spagna fa scuola: invece di spendere nei locali dove di solito i cocktail sono cari, comprate da bere al supermercato/drink shop e bevete prima di uscire o improvvisate un “botellón” per strada. Cercate poi di infilarvi nelle serate per studenti o gratuite, lasciate a casa la carta di credito e uscite solo con contanti, contati. A serata inoltrata, si sa, è facile dimenticarsi del budget.

11. Pianificate l’itinerario

Qualsiasi mezzo di trasporto scegliate, potete risparmiare creando un itinerario dettagliato. Avendo chiare le distanze e le connessioni, riuscirete ad esempio a concentrare le visite alle attrazioni vicine nello stesso giorno, invece di girare da una parte all’altra della città buttando via tempo e denaro.

12. Rispolverate la rubrica

Cercate di sfruttare al massimo i contatti che avete in una destinazione, anche se non conoscete queste persone troppo bene. Magari saranno contenti di mostrarvi dove vivono e darvi una mano. In ogni caso, tentar non nuoce.

13. Condividete

Cercate qualcuno che va nello stesso posto, dividete le spese del taxi, negoziate un prezzo migliore per un’escursione. Condividere è ciò che vi farà risparmiare in moltissime occasioni.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

REGOLE BAGAGLIO A MANO E DA STIVA CON EASYJET

EasyJet è una delle compagnie di voli low cost più utilizzate in Europa. 
Le restrizioni che questo vettore applica sul bagaglio non sono così rigide come quelle per le valigie Ryanair, ma per evitare inconvenienti, non rischiare di dover alleggerire il portafoglio e viaggiare tranquilli è meglio avere chiare alcune regole.
Se volate solo con il bagaglio a mano
Il bagaglio a mano consentito con easyJet è uno solo. 

Eventuali borsette, laptop, macchine fotografiche o altri oggetti dovranno quindi essere inseriti all’interno di un unico trolley/zaino da portare in cabina. 
Le uniche eccezioni sono costituite da soprabito, ombrello, sciarpa e sacchetto di dimensioni standard (contenente prodotti acquistati nell’aeroporto di partenza), che possono essere trasportati a parte, gratuitamente.
Ad ogni modo i titolari della tessera easyJet Plus, i passeggeri che abbiamo scelto la tariffa FLEXI o quelli che viaggeranno in un sedile con maggiore spazio (vicino alle uscite di emergenza o nella fila 1) …
Top