Passa ai contenuti principali

10 ECO RESORT DI LUSSO NEL MONDO

Maine, Usa

Immersi nella natura, costruiti con materiali naturali locali, offrono agli ospiti prodotti a chilometro zero, sono i resort di lusso più eco-sostenibili del mondo. 

Tre giornalisti esperti di turismo della CNN, Richard Hammond, Cate Starmer e Lauren Matison, ne hanno selezionati 10 in giro per il mondo. 

Tra questi anche un resort in Italia, il Lefay, affacciato sul Lago di Garda.

Alcuni si trovano nel Costa Rica, forse il Paese più sensibile all'ecologia, in Kenya, dove i campi tendati organizzati per il safari devono essere a impatto zero e in Nuova Zelanda, dove vengono impiegati materiali naturali per costruire gli edifici.

Altri, tuttavia, sono in città caotiche e inquinate, come Seattle, Copenhagen o ancora a Ibiza, che al contrario di quanto si possa pensare non è soltanto la patria della movida amata dai giovani, bensì una destinazione eco-sostenibile.

Inn by the Sea, Cape Elizabeth, Maine, Usa

E' un resort di lusso in una zona bellissima del Maine, affacciato sull'oceano, ma anche immerso tra giardini fioriti e piante rare dove vivono particolari esemplari di farfalle e di insetti. 

Hyatt at Olive 8, Seattle, Stati Uniti

Ha ricevuto un riconoscimento internazionale per il risparmio energetico, pur essendo in pieno centro città, nella zona dei teatri. Gli ospiti che arrivano con l'auto elettrica non pagano il parcheggio.

Arthur's Pass Wilderness Lodge, South Island, Nuova Zelanda

Immerso in un ambiente naturale paradisiaco, quello delle Alpi neozelandesi, questo resort di lusso è stato costruito con materiali naturali della zona. Al ristorante vengono serviti solo alimenti a chilometro zero prodotti direttamente qui.

Campi Ya Kanzi, Kenya

Si trova ai piedi del Kilimangiaro e offre agli ospiti la possibilità di soggiornare in un campo dell'Africa più selvaggia. Il campo tendato per il safari, una joint venture tra una coppia italiana e la comunità Maasai locale, ha vinto una serie di premi sul turismo eco-sostenibile.

Harmony Hotel, Nosara, Costa Rica

A partire dalla fonte di acqua all'interno del resort ai cibi organici offerti per la prima colazione, questo albergo è tra i più ecologici del mondo, secondo gli esperti, e ha ottenuto il Certificate for Sustainable Tourism. Anche le attività organizzate per gli ospiti sono adeguate: dallo yoga al surf alle mountain bike, tutto è a impatto zero.

Green House Hotel, Bournemouth, Gran Bretagna

Un boutique hotel immerso nella campagna inglese è anche il più ecosostenibile dell'intera Gran Bretagna. I letti sono fatti di materiali naturali, vengono impiegati pannelli solari e viene riciclata l'acqua piovana.

Kong Arthur Hotel, Copenhagen, Danimarca

A pochi minuti dal centro della città, offre ai propri ospiti biciclette a noleggio, auto elettriche e WiFi gratuito, il tutto allo scopo di ridurre la produzione di anidride carbonica.

Hotel Victoria, Friburgo, Germania

Un hotel 4 stelle a soli 200 metri dalla stazione con stanze dedicate agli ospiti che soffrono di allergie. L'elettricità dell'albergo è fornita da pannelli solari, legno e vento contro le emissioni di anidride carbonica.

Can Marti, Ibiza, Spagna

L'isola spagnola non è solo la meta prediletta dei giovani alla ricerca della movida, ma è anche una destinazione eco-compatibile. Un'antica fattoria di 400 anni è stata trasformata in hotel con appartamenti ecologici. Anche la piscina è bio e viene pulita con sostanze naturali anziché chimiche.

Lefay Resort and Spa, Lago di Garda

Affacciato sul Lago di Garda, questo resort è stato ideato per garantire un'ospitalità lussuosa e responsabilità ambientale. Immerso nella natura, a circa 80 km da Verona, impiega diversi sistemi a risparmio energetico: dai pannelli solari alle centraline energetiche che riscaldano l'acqua e alimentano l'impianto di condizionamento.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…
Top