Passa ai contenuti principali

COMPAGNIE AEREE: VOLI LOW COST O VOLI DI LINEA

Voli low cost o di linea

Prenotare un viaggio racchiude sempre un’emozione, la voglia di partire e di vedere un posto nuovo oppure di tornare in uno che ci ha rapito il cuore. 

A volte però nasconde anche delle piccole insidie, dovute alla difficoltà di scegliere quale volo sia più adatto al nostro tipo di viaggio. 

E così ci troviamo di fronte ad un grande quesito: meglio scegliere una compagnia low-cost o una compagnia di linea?

Le compagnie di linea offrono servizi di trasporto aereo che seguono un orario pubblicato con regolarità e frequenza, mentre le compagnie low cost offrono voli a basso costo che spesso hanno orari più scomodi e meno frequenti, oltre che una qualità di servizio a bordo nettamente diversa.

Non è raro che i viaggiatori le confondano tra loro, facciamo perciò un attimo di chiarezza: 

Alitalia, Air France, Iberia, TAP Portugal, British Airways, KLM, Lufthansa, Austrian, Turkish Airlines e Emirates sono un esempio di compagnie di linea, mentre Ryanair, WindJet, WizzAir e Easy Jet sono solo alcune delle compagnie low-cost presenti sul mercato. 

A volte i timori di chi non ha particolare esperienza derivano dal fatto che si pensa che la qualità degli aeromobili e della loro gestione sia differente, invece è identica, come anche gli standard di sicurezza. 

Anche i costi di gestione, relativi quindi ad esempio a carburante e tasse aeroportuali sono identici. 

Cosa cambia allora? Perché dovrei scegliere una compagnia di linea oppure una low cost?

I vantaggi delle compagnie di Linea

- In anticipo è low cost: se acquisti i biglietti in anticipo, anche viaggiando su una compagnia di linea puoi risparmiare e spendere più o meno quanto un volo low-cost, con il vantaggio di avere più servizi a disposizione.

- Tipologia di biglietto: ormai anche molte compagnia di linea si stanno adeguando alla politica tariffaria delle low cost, inserendo tariffe smart (a basso costo) che però non prevedono ulteriori benefit come l’annullamento del biglietti, cambi data o la possibilità di portare bagagli extra.

- Sicurezza e protezione in caso di disagi: una compagnia di linea difficilmente ti lascerà a terra, anche in caso di ritardo aereo.

- Costi dei bagagli: se si acquista un biglietto per un volo di linea, in molte tariffe sono già compresi il bagaglio a mano (da 8 Kg in su) e un bagaglio da stiva di 23 Kg.

- Rispetto degli orari: in casi di disagio di qualunque tipo, ad esempio metereologici, gli aerei di linea saranno i primi a decollare / atterrare, mentre dovranno attendere le compagnie low cost. 

- Servizio a bordo: su questi voli verrai coccolato con snack e bevande incluse nella tariffa.

- Comfort di viaggio: la qualità del riposo sui voli di linea è migliore in quanto le hostess disturbano poco durante il volo.

Hub principale e molteplicità dell’offerta: le compagnie di linea offrono la possibilità di molteplici combinazioni di volo grazie a voli in code share e facendo scalo nei propri hub principali. 

In questo modo, dovrai imbarcare il bagaglio solo alla partenza e non dovrai più curarti di lui fino a fine volo. 

Gli svantaggi delle compagnie di Linea

- Lo scalo: se hai una tratta breve l’inserimento di uno scalo prolungherà inevitabilmente il tuo viaggio. 

- Last second costoso: se sei costretto a prenotare a ridosso della data di partenza, le tariffe possono essere piuttosto alte. (Questo però vale anche per le low cost)

I vantaggi delle compagnie low cost: 

- Costo del biglietto: più basso per scelta commerciale, in particolare se prenotato con largo anticipo. Normalmente la politica dei prezzi usa il metodo del “prima prenoti meno spendi”.

- Voli diretti: A volte le compagnie low cost offrono più possibilità di voli diretti da aeroporti considerati minori. 

Gli svantaggi delle compagnie low cost

- Bagagli di dimensioni ridotte: spesso un bagaglio a mano più piccolo, anche 5 Kg max., e quello in stiva di massimo 20 Kg.

- Limitazioni bagagli: A volte questi voli sono soggetti a limitazioni anche per quanto riguarda la possibilità di portare un ulteriore piccolo bagaglio, come una borsetta o un portatile.

- Bagagli in stiva da pagare extra: La media del costo extra è di circa 30 Euro a valigia (fino a 20 Kg).

- Difficoltà nei rimborsi: in caso di voli cancellati, difficilmente le compagnie low-cost sono propense ad un rimborso. 

- Extra a pagamento: le compagnie low cost normalmente fanno pagare come extra bevande e snack.

- No comfort di viaggio: una delle più grandi pecche dei voli low-cost è la continua interruzione da parte di hostess e steward che propongono la vendita di ogni tipo di bene o servizio.

- Più ritardi e annullamenti: se dovesse esserci qualche ritardo o problema, esso si ripercuoterà soprattutto sulle low cost, quindi anche le cancellazioni potrebbero essere più frequenti.

Come scegliere tra un volo di linea e un volo low cost

A questo punto, resta il dubbio: 

cosa scegliere quindi tra un volo di linea e un volo low cost? 

La risposta come sempre è dipende, eccoti qualche spunto utile per prendere una decisione.

- Dipende da dove devi recarti: se si tratta di una meta abbastanza vicina e per pochi giorni, e se il motivo per cui parti non è un impegno irrinunciabile, allora è preferibile una compagnia low cost.

- Se viaggi fuori dall’Europa: ad oggi non si pone il problema, anche se presto potrebbero arrivare i primi voli low cost extra europei. 

- Se fai scalo, meglio di linea: se cerchi un volo ad esempio per Amsterdam e da lì hai il volo di linea intercontinentale, per spendere meno molti scelgono di utilizzare voli low cost, ma è un problema in caso di cancellazione e ritardi, in quanto in questo caso perderesti entrambi i viaggi. 

Meglio quindi scegliere un volo di linea con più possibilità durante la giornata.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…
Top