Passa ai contenuti principali

COME FOTOGRAFARE ATTRAVERSO IL VETRO

Fotografia

A chi non è capitato, trovandosi di fronte alla finestra di un albergo o durante un viaggio in treno, in aereo, in bus o in auto, di voler immortalare con una foto paesaggi e soggetti che si trovano al di là del vetro? 

Ecco il vademecum con tutti i consigli tecnici e stilistici per rendere indimenticabili i vostri scatti.

Il vetro come soggetto

Integrare il vetro nello spazio visivo della vostra foto può essere un’ottima idea per arricchire la composizione del vostro scatto. In questo caso il consiglio è di indirizzare la messa a fuoco sul vetro o su un elemento sul vetro, come per esempio le gocce della pioggia, rendendo così sfocato lo sfondo dietro il vetro.

Eliminare i riflessi

Ecco 3 trucchi per eliminare o limitare l’effetto dei riflessi:

1. Obiettivo il più vicino possibile al vetro

Se volete evitare la messa a fuoco su un riflesso o su un’imperfezione del vetro, dovete avvicinare il più possible il vostro obiettivo al vetro.

Se utilizzate una reflex monobbiettivo, fate attenzione a non toccare il vetro, altrimenti l’effetto specchiatura potrebbe risultare eccessivo. Al contrario, con un obiettivo quadrangolare potete tenere la vostra macchina fotografica appoggiata sul vetro.

Avvertenza: questa tecnica non è consigliabile se vi trovate all’interno di un veicolo in movimento a causa delle inevitabili vibrazioni del vetro. Se proprio non volete rinunciare a questo tipo di scatti utilizzate almeno la tendina parasole per evitare il contatto diretto fra obiettivo e finestrino ed assorbire in questo modo parte delle vibrazioni.

2. Creare una zona d’ombra attorno al vostro obiettivo

Una soluzione per evitare i riflessi è che il luogo in cui scattate la foto sia meno illuminato del soggetto che si trova al di là del vetro.

E’ possibile creare artificialmente questa differenza di luce collocando un panno nero sull’obiettivo, prima di appoggiarlo sul vetro.

3. Polarizzatore

Il polarizzatore o lente polarizzata è probabilmente lo strumento migliore per evitare riflessi indesiderati. Questo filtro impedisce il passaggio delle onde luminose, causa delle riflessione della luce.

Oltre ad impedire i riflessi di luce, la lente polarizzata determina anche un cambiamento dei colori della foto, poiché il filtro riduce il contrasto globale dell’immagine.

Se decidete di utilizzare il polarizzatore, il consiglio è di non appoggiare l’obiettivo sul vetro, ma di inclinare leggermente l’apparecchio fotografico rispetto alla superficie del vetro.

Giocare con i riflessi

Nonostante questi suggerimenti, non riuscite ad eliminare i riflessi oppure credete che possano essere utili per personalizzare in senso artistico i vostri scatti? Nessun problema, potete sempre integrarli all’interno della composizione fotografica!

Giocare con gli effetti consente infatti di creare una composizione su più livelli visivi con una pluralità di soggetti che offre allo spettatore diversi livelli di lettura.

Piazzatevi di profilo rispetto alla finestra per non essere disturbati dal vostro stesso riflesso. Inclinate il vostro apparecchio di 40° e, naturalmente, non usate il flash.

Quale regolazione per la messa a fuoco?

Diciamo subito che, se non potete appoggiare l’obiettivo alla finestra, diventa alquanto complicato focalizzare in maniera ottimale il vostro soggetto. 

Il nostro suggerimento è in ogni caso di rimuovere l’autofocus e passare alla messa a fuoco manuale: troverete voi stessi più facilmente la regolazione più adatta per la vostra situazione di scatto specifica.

Quando il flash non è necessario

Scattare col flash una foto che ha per soggetto uno specchio, una finestra o del vetro in generale è un’impresa…pressoché impossibile! Il flash stesso infatti si rifletterà sul vetro.

Per evitare ciò, orientate il flash verso l’alto oppure, meglio ancora, eliminate del tutto in questo caso l’opzione del flash.

Scatti attraverso il finestrino dell’aereo

Se avete la possibilità di scegliere il posto sull’aereo, evitate, per ovvi motivi, le file centrali in prossimità delle ali, ma anche le file di sedili immediatamente dietro, poiché il calore emesso dai rettori crea della brina sulla superficie esterna dei finestrini vicini.

Fate le vostre foto all’inizio o alla fine del volo, evitando in questo modo la brina sul finestrino o le nuvole ad alta altitudine.

Scatti in macchina, bus o treno

Il suggerimento in questo caso è … scattate senza esitazioni e senza pensare troppo! E’ vero che se vi trovate su un mezzo in movimento il rischio di foto non riuscite è molto alto, ma con la filosofia “scattate a raffica prima, riflettete dopo” avrete buone possibilità di trovare fra decine di tentativi la vostro foto dell’anno!

Articoli più letti:

PIANA DI GIZA: LE PIRAMIDI E LA SFINGE

Nulla del mondo antico si avvicina per fama alla Piana di Giza e alle Piramidi di Giza. 
Basti pensare che la sola Piramide di Cheope (o Grande Piramide) è l’unica tra le Sette Meraviglie del Mondo Antico giunta sino ai giorni nostri.
La Piramide di Cheope è la più grande delle tre piramidi della Piana di Giza. 
Costruita secondo le fonti dell’archeologia ufficiale intorno al 2570 a.C., è rimasta l’edificio più alto del mondo per circa 3800 anni. 
Fu eretta come monumento funebre da Cheope, faraone della IV dinastia dell’Egitto antico e realizzata su disegno dell’architetto reale Hemiunu.
L’intera necropoli è una testimonianza della gloria e della potenza dei faraoni dell’Antico Regno. 
Appena fuori del Cairo, sull’altopiano sorgono, oltre la Piramide di Cheope, anche quelle minori di Chefren e Micerino, la Grande Sfinge, alcune piramidi di piccole dimensioni, la Barca Solare, il villaggio operaio e alcuni cimiteri. 
Fin’ora, scienziati e archeologi non sono stati in grado di capire esattame…

CRIMEA E SOCI: LE LOCALITA' BALNEARI PREFERITE DAI RUSSI

A livello nazionale la Crimea e Soči occupano i primi posti per popolarità tra le destinazioni per le vacanze estive mentre la prima posizione tra i luoghi esteri è occupata dalla Turchia
A dichiararlo è il portale ufficiale dell’Associazione dei Tour operator della Russia ATOR.
Nella dichiarazione si legge come “In Russia i tour operator ricevono le maggiori richieste per località balneari quali Soči (Distretto di Adler) e la Crimea (Costa Meridionale e Distretto di Eupatoria)”.
Secondo i dati di ATOR, basati sui dati dei tour operator e del totale dei pacchetti vacanza su internet tra le destinazioni preferite di questa estate vi sono: Turchia, Russia, Grecia, Cipro, Spagna, Bulgaria, Montenegro, Tunisia e Italia. “Tra questi la posizione leader è, in modo in pratica irraggiungibile, della Turchia. 
Senza dubbio tale paese resterà il leader di questa estate” affermano all’interno dell’associazione.
La Russia balneare quest’anno, nonostante una generale tendenza di caduta del numero di …

AFFASCINANTE OMAN: TRA MUSCAT E DESERTO

Il Sultanato di Oman è uno dei paesi più affascinate del Medio Oriente ed una meta turistica in piena espansione.
Dalla baia di Musandam a nord alle spiagge di Salalah a sud, passando per i deserti dell’entroterra centrale, l’Oman vi lascerà senza parole. 
Se avete pochi giorni a disposizione ovviamente non potrete visitare tutto, quindi vi consiglio la zona di Muscat e dintorni, con over night nel deserto.
Quando andare
Il periodo migliore per visitare l’Oman e la penisola araba è da Ottobre a Marzo, quando il clima è piacevole e non fa caldo. 
Al contrario gli altri mesi saranno bollenti. Informatevi sul periodo del Ramadan ed evitate di andare durante quel periodo per non incorrere in divieti che non vi farebbero godere appieno della vacanza.
Dove alloggiare
Se decidete di fermarvi nel deserto per una notte potrete dormire come dormono i beduini nelle tende. 
L’esperienza è pazzesca ed estremamente emozionante. Vi verranno a prendere nella cittadina più vicina e vi guideranno nel deserto, …

I DOCUMENTI INDISPENSABILI DA PORTARE IN VIAGGIO

Le tanto attese ferie estive sono finalmente arrivate, se state per partire in vacanza, non vi resta che preparare la valigia. 
Ma quali sono i documenti utili che dovrete portare con voi in viaggio?
Il documento che non dovrebbe mai mancare nei vostri viaggi è quello di identificazione.
In caso di viaggi sul territorio nazionale, il DPR n. 445 del 2000 stabilisce che è sufficiente la carta d’identità o uno dei documenti equipollenti (“il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato”).
Per i viaggi nei paesi dell’Unione Europea o all’interno dello spazio Schengen (e in tutti quei Paesi con cui sono in vigore particolari accordi di reciprocità) è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio.
Per tutti gli altri Paesi ric…

ROAD TRIP ALLA SCOPERTA DELLA SARDEGNA

Famosa in tutto il mondo per la sue spiagge paradisiache e il suo mare cristallino, la Sardegna offre al visitatore anche incantevoli località, riserve naturali e siti archeologici.
La Sardegna è la seconda più grande isola del Mediterraneo ed è una delle destinazioni estive più amate in Europa. 
L’auto è il mezzo migliore per visitare in lungo e in largo l’isola e scoprire le sue spiagge più belle e le località più incantevoli. 
Ecco la nostra guida per un viaggio on the road nella magnifica isola.
Olbia e la Costa Smeralda
Facilmente raggiungibile attraverso i numerosi voli low cost che la collegano al resto d’Italia e del continente, Olbia, quarta città della Sardegna e importante polo tustico, è il punto di partenza del tour in macchina dell’isola che vi proponiamo. 
Una volta atterrati in città, potrete infatti noleggiare un’auto ad Olbia e partire alla scoperta della famosa e bellissima Costa Smeralda, riconosciuta come uno dei litorali più belli al mondo.
Non mancate di fare un salt…
Top