Passa ai contenuti principali

COME CURARE LA PAURA DI VOLARE

Volare

Non sono poche le persone che rinuncerebbero a prendere un volo per le Maldive o verso un altro paradiso esotico, per la paura di un viaggio a lungo raggio tra le nuvole. 

Secondo gli studi più recenti almeno il 5% della popolazione è affetto da ansia da volo, il risultato della fusione di diverse fobie, come acrofobia (paura del vuoto), claustrofobia, paura dei germi, vertigini, agorofobia, paura degli incidenti…un quadro piuttosto variegato. Ecco alcuni buoni consigli per vincere queste paure in volo.

Impara a fidarti

Se non riuscite a convincervi che l’aereo sia uno dei mezzi di trasporto più sicuri al mondo, fate qualche ricerca in rete ed informatevi per combattere il vostro scetticismo irrazionale. Prima di partire, documentatevi, ad esempio, sulla formazione che ogni pilota deve affrontare prima di poter volare con un aereo civile, sul funzionamento generale degli apparecchi aerei, sul servizio svolto dai controllori del traffico aereo, su come le condizioni metereologiche possano essere causa di eventuali turbolenze.

Queste informazioni ti aiuteranno a razionalizzare ed esorcizzare la tua fobia di volare: se infatti le paure, soprattuto quelle irrazionali, sono figlie dall’ignoranza, conoscere ed informarsi è il modo migliore per combatterle.
Frequenta un corso per superare la paura del volo

Negli ultimi anni sono nati in Italia e non solo innumerevoli corsi tenuti da specialisti, finalizzati a combattere l’aerofobia dei viaggiatori. Fra le aziende del settore più note e importanti in Italia segnaliamo Paura di volare che organizza, in collaborazione con Lufthansa ed Air Dolomiti, seminari e incontri individuali o di gruppo, dove psicologi specializzati aiutano le vittime dell’aviofobia a superare le proprie paure.

Respira, dannazione, respira!

Non molti lo sanno: una respirazione troppo veloce è causa di vertigini, nausea, nodi alla gola, mal di testa e persino svenimento. Dunque, meglio cercare di stare tranquilli e provare a mantenere il respiro sotto controllo, attraverso lente e profonde inspirazioni ed espirazioni. Una corretta respirazione ti aiuterà a calmare mente e corpo.

Accetta la tua paura

Lo sapevi che tentare di sopprimere l’ansia non fa altro che acuirla? Invece di lottare contro i sintomi, meglio usare una frase mantra, del tipo: “Va bene, sono nervoso, è una situazione che posso gestire“. Certo, ripeterlo soltanto non è abbastanza: meglio crederci sul serio. E cercate di sdrammatizzare: una risata è sempre il migliore antidoto alla paura!

Rilassa i muscoli

Rilassare i muscoli è uno dei metodi più efficaci per scacciare l’ansia. Come fare nello spazio angusto di un aereo? Afferrate per 10 secondi i braccioli del vostro sedile, tendendo i muscoli delle braccia, dello stomaco e delle gambe, e poi lasciate i braccioli, respirando lentamente per alcuni istanti. Ripetete l’esercizio per tre volte, facendo ondeggiare il collo avanti e indietro e toccando il petto con il mento. Infine chiudete gli occhi e concentratevi su una respirazione lenta (…ma non troppo!).

Cosa bere

Riduci il consumo di zuccheri e caffeina il giorno prima di partire e rimpiazzali con acqua e succhi di frutta. L’aria nelle cabine degli aerei, inoltre, è piuttosto secca, ragion per cui, per evitare il rischio di disidratazione, è bene non assumere bevande alcoliche prima o durante il volo.

Evita lo stress del ritardo

Assicurati di raggiungere l’aeroporto per tempo, evitando inutili corse e lo stress generato dalla paura di perdere l’aereo. Per scongiurare questo rischio, meglio programmare l’arrivo in aeroporto un’ora e mezzo prima l’orario del decollo del proprio volo.

Tieni la mente occupata

Non dimenticare ciò di cui hai bisogno per l’intrattenimento a bordo: libri, sudoku, criciverba, lettore mp3, qualche snack. Tutto è utile per tenere la mente occupata, una volta che l’aereo ha raggiunto la sua altezza di crociera.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…
Top