Passa ai contenuti principali

UN PARADISO CHIAMATO GUADALUPA

Le isole di Guadalupa

Le Isole di Guadalupa sono un incantevole arcipelago composto da cinque isole principali e da una miriade di isolette: ammirate dall’alto, sembrano una bellissima farfalla le cui ali sono composte dall’isola Basse-Terre, montuosa, selvaggia, e caratterizzata da un’incredibile foresta tropicale dichiarata Parco Nazionale, e dall’isola Grande-Terre, pianeggiante e famosa oltre che per le sue spiagge sabbiose per suo paesaggio dominato da piantagioni di canna da zucchero.

Accarezzate dagli Alisei in queste isole incantate si può assistere alla nascita delle testuggini sulle spiagge, ascoltare l’incessante chiacchericcio degli animali della foresta tropicale, oppure gettarsi con il paracadute su Grande Terre.

L’arcipelago delle Guadalupe con le sue acque cristalline offre la possibilità di praticare un’ampia gamma di sport nautici nelle acque cristalline dell’arcipelago, avventure alla scoperta di una natura incontaminata, ma anche viaggi di cultura e sapori per apprezzare il gusto autentico di luoghi affascinanti e ricchi di tradizioni. Il folclore delle Guadalupe, fascinosamente creolo, un impasto fascinoso tra tradizioni caribiche e eleganza francese si scatena in mille occasioni.

La natura è intatta e incontaminata: anche all’interno si possono trovare luoghi di una bellezza mozzafiato, magari all’ombra della Soufrière, il vulcano attivo dell’isola nella basse terre, dai costoni costellati da magnifiche cascate.

La tradizione gastronomica, tutta da assaggiare, frutto di sapidissime contaminazioni meticce , in cui si mescolano la frutta e la verdura dei Caraibi e dell’ Africa, le spezie indiane e il savoir-faire europeo, la confettura di anacardi della Désirade,i tipici dolci chiamati Tourments d'Amour di Les Saintes, il sorbetto al cocco, così rinfrescante e i migliori rum di Marie-Galante.

Il tutto corroborato dagli aromi inebrianti dei mercati delle spezie, del caffè e del cacao, la fragranza del pimento a Terre-de-Bas, il dolce profumo di zucchero che avvolge Marie-Galante nel periodo del taglio della canna da zucchero.

Oltre allo straordinario carnevale, Guadalupa offre eventi durante tutto l’anno. Interessantissimo e da vedere l’ormai famosissimo Ilojazz che si terrà quest’anno dal 7 al 13 dicembre: questo festival favorisce gli incontri tra i grandi nomi della musica jazz internazionale e i maggiori interpreti del’affascinante e sensuale musica creola.

Dalla nascita, accoglie artisti come Nina Simone, Dee Dee Bridgewater, The Temptation, Dominik Coco e Susheela Raman. Sono previsti anche master class e stage, ampliando così il festival ad un pubblico sempre più ampio. Le Isole di Guadalupa, hanno un fuso orario di meno 5 ore rispetto all’Italia sono raggiungibili dall'Italia con uno scalo a Parigi Orly o a Parigi Charles de Gaulle.

Il volo diretto, da Parigi, dura all’incirca 8 ore.

Ti potrebbe anche interessare:

REGOLE BAGAGLIO A MANO E DA STIVA CON EASYJET

EasyJet è una delle compagnie di voli low cost più utilizzate in Europa. 
Le restrizioni che questo vettore applica sul bagaglio non sono così rigide come quelle per le valigie Ryanair, ma per evitare inconvenienti, non rischiare di dover alleggerire il portafoglio e viaggiare tranquilli è meglio avere chiare alcune regole.
Se volate solo con il bagaglio a mano
Il bagaglio a mano consentito con easyJet è uno solo. 

Eventuali borsette, laptop, macchine fotografiche o altri oggetti dovranno quindi essere inseriti all’interno di un unico trolley/zaino da portare in cabina. 
Le uniche eccezioni sono costituite da soprabito, ombrello, sciarpa e sacchetto di dimensioni standard (contenente prodotti acquistati nell’aeroporto di partenza), che possono essere trasportati a parte, gratuitamente.
Ad ogni modo i titolari della tessera easyJet Plus, i passeggeri che abbiamo scelto la tariffa FLEXI o quelli che viaggeranno in un sedile con maggiore spazio (vicino alle uscite di emergenza o nella fila 1) …

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. 

Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. 
I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. 
Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. 
Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. 
In realtà il ‘centro’…
Top