Passa ai contenuti principali

GLI HOTEL DI GHIACCIO PIU' FAMOSI DEL MONDO

Gli hotel di ghiaccio

Gli hotel di ghiaccio sono strutture meravigliose ed effimere, dato che sono legati alle temperature rigide di certe regioni della terra, soprattutto dell’Alaska e della Scandinavia, ma anche di Canada e Giappone: vengono ricostruite ogni anno, funzionano da dicembre ad aprile, poi vengono lasciare sciogliere fino alle gelate dell’anno successivo.

Storicamente, l’origine degli hotel di ghiaccio risale alla cultura delle popolazioni Inuit stanziate in Alaska e nel Nord del Canada, le quali hanno sempre adoperato blocchi di neve gelata per la costruzione delle loro abitazioni. In Europa, il primo utilizzo del ghiaccio per un edificio risale al rigido inverno del 1739, quando a San Pietroburgo l’imperatrice Anna I di Russia commissionò un edificio di ghiaccio per celebrare la vittoria sull’Impero Ottomano all'architetto Pyotr Yeropkin.

In tempi moderni, invece, il primo albergo di ghiaccio risale al 1990. La struttura, un semplice igloo, fu realizzata in Svezia nei pressi della città di Kiruna, sede di un festival di sculture di ghiaccio, per ospitare una mostra d’arte, ma per varie ragione fu utilizzata anche per il pernottamento di alcuni ospiti che non avevano trovato posto negli alberghi locali.

Gli ospiti mostrarono di gradire l’esperienza, tanto che da allora gli Ice Hotel si sono moltiplicati e riscuotono sempre un notevole successo. Le strutture di questo tipo sono caratterizzate da alcuni elementi comuni: sono realizzate completamente con blocchi di ghiaccio, tanto nella struttura dell’edificio, quanto negli arredi e negli elementi architettonici che le compongono.

Le strutture complesse sono tenute insieme da un mix di neve e ghiaccio (snice), utilizzata come nelle costruzioni tradizionali si usa la malta, a volte irrobustito da intelaiature di acciaio. La temperatura interna oscilla di solito tra i -3 e i -8 gradi: non possono dunque avere carattere permanente, ma sono destinati a sciogliersi ai primi tepori primaverili e ad essere ricostruiti l’anno successivo.

Nella maggior parte dei casi, questi alberghi hanno grandi ambienti comuni, come atri e saloni, abbelliti da sculture. Molto frequente è anche la presenza di una cappella, visto molte coppie apprezzano questo gelido e inconsueto scenario per celebrare il loro matrimonio, di un ice bare di un ice restaurant, con menù appositamente studiato.

Di notte si dorme in lussuose camere o suites di ghiaccio, su letti fatti dello stesso gelido materiale. Il tepore però è garantito da lenzuola, coperte di pelliccia e sacchi a pelo appositi, in modo da garantire un discreto comfort. Si tratta di solito di alberghi di gran lusso, tanto che una notte nel ghiaccio può oscillare nel prezzo tra i 300 e i 3.000 dollari.

Ecco gli alberghi di ghiaccio più famosi del mondo.


ICEHOTEL DI JUKKASJÄRVI - KIRANA - SVEZIA - E' stato il primo in assoluto e funziona dal 1991, di solito da gennaio ad aprile. Viene costruito tutti gli anni con blocchi di ghiaccio e neve compattata, prelevata dal vicino fiume Torne e ospita anche l'Absolut Icebar, dal quale è nato un franchising mondiale con altri locali simili a Stoccolma, Oslo e Londra.

KIRKENES SNOW HOTEL - KIRKENES - NORVEGIA - L'albergo si trova all’estremità nord orientale del Paese. Aperto nell'inverno 2006-07, nei pressi si trovano un parco di renne e un allevamento di cani husky.

ICE LODGE - NORVEGIA
- Fa parte dell'Hotel Bjorligard, ed è una delle più grandi costruzioni di questo genere della Norvegia. Questa struttura riesce a vivere un po' più a lungo rispetto alla maggior parte degli hotel di ghiaccio perché è costruito a circa 1.250 metri di altitudine e si trova quindi a temperature esterne più rigide.

SORRISNIVA IGLOO HOTEL - ALTA - NORVEGIA
- Questo albergo viene riaperto ogni inverno dal 2000. È quello situato alle latitudini più settentrionali d'Europa: si trova infatti nella regione del Finnmark a circa 250 km da Capo Nord. Offre 30 stanze, tra cui 2 suite, è decorato con sculture e arredi di ghiaccio, compresi i sistemi di illuminazione. Tutti di ghiaccio sono anche la cappella, la galleria e il bar, in cui cibo e bevande vengono serviti in piatti e bicchieri di ghiaccio. L'albergo di solito viene ricostruito secondo temi diversi ogni anno: nel 2004 il tema era l'epoca vichinga, nel 2005 le favole norvegesi e nel 2006 gli animali selvatici della zona.

LAINIO SNOW VILLAGE - LAPPONIA ORIENTALE - FINLANDIA - Sorge nei pressi del monte Ylläs su un'area pari a 20.000 m². Il design architettonico ed i temi della decorazione interna variano di anno in anno. I visitatori possono trovare anche un ristorante à la carte con tavoli di ghiaccio scolpito e bar, oltre a gallerie illuminate con sculture di ghiaccio.

BÂLEA LAKE ICE HOTEL - ROMANIA - Aperto nel 2006, è il primo dell'Europa Orientale. Sorge in una posizione isolata tra i Monti Făgăraș ad un'altitudine di 2.034 metri ed è raggiungibile solo in funivia. L'albergo sorge nei pressi del lago Bâlea: quando il lago gela, gli artigiani locali prelevano il ghiaccio necessario a costruire le 14 camere dell'albergo e la piccola chiesa adiacente. Generalmente, l'hotel è in attività da dicembre a fine aprile o metà maggio.

VILLAGGIO DI IGLOO - GSTAAD - SVIZZERA
- Non è un vero e proprio hotel di ghiaccio, ma uno ski resort in cui si dorme in piccoli igloo di blocchi di neve, attrezzati con tappeti, pellicce e sacchi a pelo speciali. Negli igloo non c'è corrente elettrica per cui la luce è fornita dalle candele.

HÔTEL DE GLACE - LAC-SAINT-JOSEPH - CANADA
- E' stato aperto nel gennaio 2001 a circa 30 minuti da Québec City, ma ha recentemente traslocato avvicinandosi ala città: E' attivo da inizio gennaio a fine marzo. Oltre ai soggiorni classici, è possibile effettuare escursioni guidate della struttura che comprendono l’uso dell’Ice Bar fino a mezzanotte.

SNOW VILLAGE - PARC JEAN-DRAPEAU – CANADA – E’ un villaggio situate a est di Montreal, in Quebec, aperto dal 2012. E’ composta da una ventina tra camere standard, suites e igloo, e dispone di un ice bar, ice restaurant, patio, cappella e bagni caldi esterni.

ALPHA RESORT TOMAMU - GIAPPONE - E' l'unica struttura di questo genere dell'Asia. Si trova a Shimukappu, nell'isola di Hokkaido, nel Giappone settentrionale. L'albergo è una grande cupola di 15 metri di larghezza, gli arredi sono realizzati completamente di ghiaccio; la temperatura interna è mantenuta costantemente tra i -3 e i -5 gradi centigradi.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

REGOLE BAGAGLIO A MANO E DA STIVA CON EASYJET

EasyJet è una delle compagnie di voli low cost più utilizzate in Europa. 
Le restrizioni che questo vettore applica sul bagaglio non sono così rigide come quelle per le valigie Ryanair, ma per evitare inconvenienti, non rischiare di dover alleggerire il portafoglio e viaggiare tranquilli è meglio avere chiare alcune regole.
Se volate solo con il bagaglio a mano
Il bagaglio a mano consentito con easyJet è uno solo. 

Eventuali borsette, laptop, macchine fotografiche o altri oggetti dovranno quindi essere inseriti all’interno di un unico trolley/zaino da portare in cabina. 
Le uniche eccezioni sono costituite da soprabito, ombrello, sciarpa e sacchetto di dimensioni standard (contenente prodotti acquistati nell’aeroporto di partenza), che possono essere trasportati a parte, gratuitamente.
Ad ogni modo i titolari della tessera easyJet Plus, i passeggeri che abbiamo scelto la tariffa FLEXI o quelli che viaggeranno in un sedile con maggiore spazio (vicino alle uscite di emergenza o nella fila 1) …
Top