Passa ai contenuti principali

PARIGI: VISITARE IL QUARTIERE LATINO

Quartiere latino a Parigi

Il quartiere Latino a Parigi si estende per tra il V ed il VI Arrondissement ed ha come centro principale l’università La Sorbonne, una dei più prestigiosi atenei della città.

Il quartiere Latino è affascinante, divertente, vivo tutto l’anno, sempre pieno di negozi, locali, pub, birrerie e offre al visitatore una faccia di Parigi che solo alcuni quartiere della città potranno offrire.

Passeggiare per il quartiere vi permetterà di vedere sia tutti i locali dove mangiare, ma anche antiche librerie, negozi vintage, negozi di souvenir, negozi che vendono dischi in vinile, pasticcerie e bistrot. Parigi è una città molto grande, ed a volte si ha la sensazione di perdersi tra i monumenti, le piazze molto grandi.

Ma quando si arriva in certi quartieri come ad esempio Montmartre, St.Germain de Pres, e lo stesso quartiere Latino, si ha la sensazione di scoprire una Parigi diversa, più viva, più affabile, più calorosa.

Se avete deciso di trascorrere un fine settimana a Parigi, andate al quartiere Latino perché è davvero divertente, e scoprirete una Parigi ben diversa da quella che vi descrivono guide e documentari.

Dove si trova il quartiere Latino

Il quartiere Latino si estende dal V al VI Arrondissement della città. Non è un vero e proprio quartiere ma è più che altro una zona che si identifica con questo nome.

Si trova sulla riva sinistra della Senna e le vie più frequentate da studenti e turisti sono Boulevard Saint-Michel e Boulevard Saint-Germain.

Le viuzze interne come ad esempio Rue de la Huchette sono piene di bistrot, locali dove andare a mangiare, taverne e negozi di souvenir.

Per raggiungere il quartiere latino, vi consiglio la metropolitana e potrete scegliere tra varie fermate per poter raggiungere facilmente questo quartiere.

Metropolitana:

Linea 10 scendendo alla fermata Cardinal – Lemoine

Linea 10 scendendo alla fermata Cluny-La Sorbonne

Linea 4 e 10 fermata Odèon

Linea 4 fermata Saint-Michel

RER: Linea B e C con fermata a Saint-Michel – Notre-Dame da qui sono circa 300 metri a piedi per raggiungere il Quartiere Latino.

Bus:

Le linee 21, 27, 38, 82, 84, 85, 89 passano tutte per quella zona. Sarà vostra cura chiedere a quale è la fermata più vicina al quartiere Latino.

Perché si chiama quartiere Latino

Il quartiere Latino si chiama così proprio perché è circondato da numerosi atenei, licei, collegi, e scuole e di conseguenza le strade di questo quartiere erano, ancora oggi, affollate di studenti e professori.

Il quartiere, sede della Sorbona e del Collegio di Francia prende il nome “Latino” perché in questa zona di Parigi un tempo si parlava solo il Latino.

Studenti e professori si riversavano nelle strade e l’unica lingua parlata era appunto il Latino. Molti pensano che il nome sia dato dal tipo di taverne che vi sono al suo interno, non è raro trovare taverne greche, spagnole e molto altro, ma invece l’origine è ben diversa.

Dove mangiare al quartiere Latino

Il quartiere Latino è un luogo divenuto col tempo molto turistico ma allo stesso tempo è sempre molto frequentato anche dai francesi.

E’ un luogo molto frequentato durante tutta la settimana, maggiormente durante il fine settimana dove molti giovani universitari hanno come punto d’incontro le piccole piazze del quartiere.

I locali dove si mangia, offrono tutti dei menù turistici, e questo può lasciar pensare che la qualità del cibo non sia buona, ed invece io, su tre sere, ne ho provati almeno 3 o 4 e posso dirvi che anche la qualità dei menù turistici non è affatto male.

La spesa media si aggira dai 10€ per un menù base, fino 20€ per un menù abbondante con i piatti tipici francesi. In un ristorante ad esempio ho preso un menù da 15€ (Bibite escluse) che prevedeva: Soupe à l’oignon come primo (la famosa zuppa di cipolle francese) e come secondo il Rumsteck una fetta di carne in salsa e per finire un dolce a scelta tra profiterole, crema catalana o anche il formaggio che spesso viene servito a fine pasto.

La cosa a cui dovete stare a attenti è il costo delle bibite.

A Parigi l’acqua costa tantissimo, quindi vi conviene ordinarla (une carafe d’eau) e ve la porteranno gratis. Il costo di birre, acqua in bottiglia tipo Evian, e altre bibite costano davvero tanto, quindi di conseguenza una volta che avete ordinato un menù da 15€ per esempio, se ci accostate una birra piccola da 25cc il costo sarà di 19€.

Tutto sommato nell’insieme non è carissimo, ma tutti i giorni non è tanto conveniente. Il mio consiglio è variare, ci sono tanti locali dove poter mangiare al quartiere Latino, ci sono pub, birrerie, ma anche locali tipici greci, kebab, tipico francese, e diversi bistrot dove poter provare.

A pranzo si può scegliere tra una baguette al volo e per merenda un croissant che vengono sfornati in continuazione nelle pasticcerie e boulangerie della zona.

Ti potrebbe anche interessare:

REGOLE BAGAGLIO A MANO E DA STIVA CON EASYJET

EasyJet è una delle compagnie di voli low cost più utilizzate in Europa. 
Le restrizioni che questo vettore applica sul bagaglio non sono così rigide come quelle per le valigie Ryanair, ma per evitare inconvenienti, non rischiare di dover alleggerire il portafoglio e viaggiare tranquilli è meglio avere chiare alcune regole.
Se volate solo con il bagaglio a mano
Il bagaglio a mano consentito con easyJet è uno solo. 

Eventuali borsette, laptop, macchine fotografiche o altri oggetti dovranno quindi essere inseriti all’interno di un unico trolley/zaino da portare in cabina. 
Le uniche eccezioni sono costituite da soprabito, ombrello, sciarpa e sacchetto di dimensioni standard (contenente prodotti acquistati nell’aeroporto di partenza), che possono essere trasportati a parte, gratuitamente.
Ad ogni modo i titolari della tessera easyJet Plus, i passeggeri che abbiamo scelto la tariffa FLEXI o quelli che viaggeranno in un sedile con maggiore spazio (vicino alle uscite di emergenza o nella fila 1) …

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. 

Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. 
I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. 
Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. 
Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. 
In realtà il ‘centro’…
Top