Passa ai contenuti principali

PARIGI: VISITARE IL QUARTIERE LATINO

Quartiere latino a Parigi

Il quartiere Latino a Parigi si estende per tra il V ed il VI Arrondissement ed ha come centro principale l’università La Sorbonne, una dei più prestigiosi atenei della città.

Il quartiere Latino è affascinante, divertente, vivo tutto l’anno, sempre pieno di negozi, locali, pub, birrerie e offre al visitatore una faccia di Parigi che solo alcuni quartiere della città potranno offrire.

Passeggiare per il quartiere vi permetterà di vedere sia tutti i locali dove mangiare, ma anche antiche librerie, negozi vintage, negozi di souvenir, negozi che vendono dischi in vinile, pasticcerie e bistrot. Parigi è una città molto grande, ed a volte si ha la sensazione di perdersi tra i monumenti, le piazze molto grandi.

Ma quando si arriva in certi quartieri come ad esempio Montmartre, St.Germain de Pres, e lo stesso quartiere Latino, si ha la sensazione di scoprire una Parigi diversa, più viva, più affabile, più calorosa.

Se avete deciso di trascorrere un fine settimana a Parigi, andate al quartiere Latino perché è davvero divertente, e scoprirete una Parigi ben diversa da quella che vi descrivono guide e documentari.

Dove si trova il quartiere Latino

Il quartiere Latino si estende dal V al VI Arrondissement della città. Non è un vero e proprio quartiere ma è più che altro una zona che si identifica con questo nome.

Si trova sulla riva sinistra della Senna e le vie più frequentate da studenti e turisti sono Boulevard Saint-Michel e Boulevard Saint-Germain.

Le viuzze interne come ad esempio Rue de la Huchette sono piene di bistrot, locali dove andare a mangiare, taverne e negozi di souvenir.

Per raggiungere il quartiere latino, vi consiglio la metropolitana e potrete scegliere tra varie fermate per poter raggiungere facilmente questo quartiere.

Metropolitana:

Linea 10 scendendo alla fermata Cardinal – Lemoine

Linea 10 scendendo alla fermata Cluny-La Sorbonne

Linea 4 e 10 fermata Odèon

Linea 4 fermata Saint-Michel

RER: Linea B e C con fermata a Saint-Michel – Notre-Dame da qui sono circa 300 metri a piedi per raggiungere il Quartiere Latino.

Bus:

Le linee 21, 27, 38, 82, 84, 85, 89 passano tutte per quella zona. Sarà vostra cura chiedere a quale è la fermata più vicina al quartiere Latino.

Perché si chiama quartiere Latino

Il quartiere Latino si chiama così proprio perché è circondato da numerosi atenei, licei, collegi, e scuole e di conseguenza le strade di questo quartiere erano, ancora oggi, affollate di studenti e professori.

Il quartiere, sede della Sorbona e del Collegio di Francia prende il nome “Latino” perché in questa zona di Parigi un tempo si parlava solo il Latino.

Studenti e professori si riversavano nelle strade e l’unica lingua parlata era appunto il Latino. Molti pensano che il nome sia dato dal tipo di taverne che vi sono al suo interno, non è raro trovare taverne greche, spagnole e molto altro, ma invece l’origine è ben diversa.

Dove mangiare al quartiere Latino

Il quartiere Latino è un luogo divenuto col tempo molto turistico ma allo stesso tempo è sempre molto frequentato anche dai francesi.

E’ un luogo molto frequentato durante tutta la settimana, maggiormente durante il fine settimana dove molti giovani universitari hanno come punto d’incontro le piccole piazze del quartiere.

I locali dove si mangia, offrono tutti dei menù turistici, e questo può lasciar pensare che la qualità del cibo non sia buona, ed invece io, su tre sere, ne ho provati almeno 3 o 4 e posso dirvi che anche la qualità dei menù turistici non è affatto male.

La spesa media si aggira dai 10€ per un menù base, fino 20€ per un menù abbondante con i piatti tipici francesi. In un ristorante ad esempio ho preso un menù da 15€ (Bibite escluse) che prevedeva: Soupe à l’oignon come primo (la famosa zuppa di cipolle francese) e come secondo il Rumsteck una fetta di carne in salsa e per finire un dolce a scelta tra profiterole, crema catalana o anche il formaggio che spesso viene servito a fine pasto.

La cosa a cui dovete stare a attenti è il costo delle bibite.

A Parigi l’acqua costa tantissimo, quindi vi conviene ordinarla (une carafe d’eau) e ve la porteranno gratis. Il costo di birre, acqua in bottiglia tipo Evian, e altre bibite costano davvero tanto, quindi di conseguenza una volta che avete ordinato un menù da 15€ per esempio, se ci accostate una birra piccola da 25cc il costo sarà di 19€.

Tutto sommato nell’insieme non è carissimo, ma tutti i giorni non è tanto conveniente. Il mio consiglio è variare, ci sono tanti locali dove poter mangiare al quartiere Latino, ci sono pub, birrerie, ma anche locali tipici greci, kebab, tipico francese, e diversi bistrot dove poter provare.

A pranzo si può scegliere tra una baguette al volo e per merenda un croissant che vengono sfornati in continuazione nelle pasticcerie e boulangerie della zona.

Articoli più letti:

PIANA DI GIZA: LE PIRAMIDI E LA SFINGE

Nulla del mondo antico si avvicina per fama alla Piana di Giza e alle Piramidi di Giza. 
Basti pensare che la sola Piramide di Cheope (o Grande Piramide) è l’unica tra le Sette Meraviglie del Mondo Antico giunta sino ai giorni nostri.
La Piramide di Cheope è la più grande delle tre piramidi della Piana di Giza. 
Costruita secondo le fonti dell’archeologia ufficiale intorno al 2570 a.C., è rimasta l’edificio più alto del mondo per circa 3800 anni. 
Fu eretta come monumento funebre da Cheope, faraone della IV dinastia dell’Egitto antico e realizzata su disegno dell’architetto reale Hemiunu.
L’intera necropoli è una testimonianza della gloria e della potenza dei faraoni dell’Antico Regno. 
Appena fuori del Cairo, sull’altopiano sorgono, oltre la Piramide di Cheope, anche quelle minori di Chefren e Micerino, la Grande Sfinge, alcune piramidi di piccole dimensioni, la Barca Solare, il villaggio operaio e alcuni cimiteri. 
Fin’ora, scienziati e archeologi non sono stati in grado di capire esattame…

CRIMEA E SOCI: LE LOCALITA' BALNEARI PREFERITE DAI RUSSI

A livello nazionale la Crimea e Soči occupano i primi posti per popolarità tra le destinazioni per le vacanze estive mentre la prima posizione tra i luoghi esteri è occupata dalla Turchia
A dichiararlo è il portale ufficiale dell’Associazione dei Tour operator della Russia ATOR.
Nella dichiarazione si legge come “In Russia i tour operator ricevono le maggiori richieste per località balneari quali Soči (Distretto di Adler) e la Crimea (Costa Meridionale e Distretto di Eupatoria)”.
Secondo i dati di ATOR, basati sui dati dei tour operator e del totale dei pacchetti vacanza su internet tra le destinazioni preferite di questa estate vi sono: Turchia, Russia, Grecia, Cipro, Spagna, Bulgaria, Montenegro, Tunisia e Italia. “Tra questi la posizione leader è, in modo in pratica irraggiungibile, della Turchia. 
Senza dubbio tale paese resterà il leader di questa estate” affermano all’interno dell’associazione.
La Russia balneare quest’anno, nonostante una generale tendenza di caduta del numero di …

AFFASCINANTE OMAN: TRA MUSCAT E DESERTO

Il Sultanato di Oman è uno dei paesi più affascinate del Medio Oriente ed una meta turistica in piena espansione.
Dalla baia di Musandam a nord alle spiagge di Salalah a sud, passando per i deserti dell’entroterra centrale, l’Oman vi lascerà senza parole. 
Se avete pochi giorni a disposizione ovviamente non potrete visitare tutto, quindi vi consiglio la zona di Muscat e dintorni, con over night nel deserto.
Quando andare
Il periodo migliore per visitare l’Oman e la penisola araba è da Ottobre a Marzo, quando il clima è piacevole e non fa caldo. 
Al contrario gli altri mesi saranno bollenti. Informatevi sul periodo del Ramadan ed evitate di andare durante quel periodo per non incorrere in divieti che non vi farebbero godere appieno della vacanza.
Dove alloggiare
Se decidete di fermarvi nel deserto per una notte potrete dormire come dormono i beduini nelle tende. 
L’esperienza è pazzesca ed estremamente emozionante. Vi verranno a prendere nella cittadina più vicina e vi guideranno nel deserto, …

I DOCUMENTI INDISPENSABILI DA PORTARE IN VIAGGIO

Le tanto attese ferie estive sono finalmente arrivate, se state per partire in vacanza, non vi resta che preparare la valigia. 
Ma quali sono i documenti utili che dovrete portare con voi in viaggio?
Il documento che non dovrebbe mai mancare nei vostri viaggi è quello di identificazione.
In caso di viaggi sul territorio nazionale, il DPR n. 445 del 2000 stabilisce che è sufficiente la carta d’identità o uno dei documenti equipollenti (“il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato”).
Per i viaggi nei paesi dell’Unione Europea o all’interno dello spazio Schengen (e in tutti quei Paesi con cui sono in vigore particolari accordi di reciprocità) è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio.
Per tutti gli altri Paesi ric…

ROAD TRIP ALLA SCOPERTA DELLA SARDEGNA

Famosa in tutto il mondo per la sue spiagge paradisiache e il suo mare cristallino, la Sardegna offre al visitatore anche incantevoli località, riserve naturali e siti archeologici.
La Sardegna è la seconda più grande isola del Mediterraneo ed è una delle destinazioni estive più amate in Europa. 
L’auto è il mezzo migliore per visitare in lungo e in largo l’isola e scoprire le sue spiagge più belle e le località più incantevoli. 
Ecco la nostra guida per un viaggio on the road nella magnifica isola.
Olbia e la Costa Smeralda
Facilmente raggiungibile attraverso i numerosi voli low cost che la collegano al resto d’Italia e del continente, Olbia, quarta città della Sardegna e importante polo tustico, è il punto di partenza del tour in macchina dell’isola che vi proponiamo. 
Una volta atterrati in città, potrete infatti noleggiare un’auto ad Olbia e partire alla scoperta della famosa e bellissima Costa Smeralda, riconosciuta come uno dei litorali più belli al mondo.
Non mancate di fare un salt…
Top