Passa ai contenuti principali

BRUXELLES: COSA FARE E VEDERE IN UN WEEK END

Bruxelles

Bruxelles non è solo la capitale del Belgio, ma anche la capitale dell'Europa. È la città sede del Parlamento europeo e della Commissione europea.

Con i suoi 170.000 abitanti, Bruxelles non è molto grande, ma offre numerosi monumenti storico-culturali, e pertanto è la destinazione perfetta per un fine settimana fuori. Inoltre, la città e ben collegata all'Italia e si raggiunge facilmente sia in treno che in aereo.

Dall'aeroporto Brussels International al centro città ci vogliono solo 20 minuti e Bruxelles dispone di un'ottima rete di trasporti e perfino di una linea metro.

Ma parliamo invece di cosa vedere a Bruxelles.

La Grand Place: il centro di Bruxelles

Sia di giorno che di notte, la Grand Place a Bruxelles, Patrimonio Mondiale dell'Unesco, non può non colpire il visitatore che arriva da uno dei piccoli vicoli che la circondano. Il municipio in stile gotico e i palazzi delle corporazioni cittadine testimoniano in modo impressionante la storia della città di Bruxelles mentre nel ristorante “Maison du Cygne” preferivano mangiare già Karl Marx e Friedrich Engels durante i tre anni che hanno vissuto a Bruxelles.

Il castello reale di Laeken

Il castello di Laeken, situato nella città omonima a nord di Bruxelles, è la residenza dei re del Belgio ed è stato costruito tra il 1782 e il 1784. Oggi viene apprezzato e visitato soprattutto per il suo grande parco e per le sette serre reali, tra le più grandi al mondo, voute da Leopoldo II, il secondo re del Belgio.

Il Palazzo di Giustizia

Il Palazzo di Giustizia di Bruxelles si trova su una collina chiamata "collina del patibolo" e che segna il passaggio tra la città superiore e quella inferiore. L'edificio in stile neobraocco, è stato costruito tra il 1866 e il 1883 secondo il progetto di Joseph Poelaert, ed è il palazzo più grande costruito in Occidente in quel secolo.

I Musei Reali delle Belle Arti di Bruxelles


Nei Musei Reali delle Belle Arti, sparsi attraverso tutta la città, sono esposte le collezioni di sculture, dipinti e disegni della famiglia reale e dello Stato belga. Fanno parte dei Musei Reali il Museo d'Arte antica, il Museo d'Arte moderna, il Museo Magritte e il Museo Wiertz e Meunier. Tra le opere non mancano ovviamente i grandi maestri fiamminghi, esposte nel Museo d'Arte antica, mentre nel Museo d'Arte moderna si possono ammirare dipinti e disegni di Van Gogh, Renoir, Gaugin, Chagall o Picasso.

Lo stile liberty a Bruxelles

Bruxelles fu il luogo principale in cui operò Victor Horta, architetto belga e precursore dell'Art Nouveau. Non per niente, la città viene anche chiamata capitale dell'Art Nouveau. I tantissimi edifici in stile liberty sono disseminati per tutta la città, ma sono i quartieri di Ixelles, Saint-Gilles, Etterbeek, Elsene e Schaerbeek quelli che ospitano la maggior parte di edifici liberty. E infatti, era proprio a Schaerbeek dove nel 1893 fu costruito il primo edificio in stile liberty progettato da Horta, la Maison d'Autrique. L'architetto progettò inoltre la stazione centrale di Bruxelles che, però, fu completata soltanto dopo la sua morte.

I mercatini di Bruxelles

Bruxelles è famosa per i suoi tanti mercati e mercatini, disseminati per la città: mercati alimentari, di antiquariato o di fiori. Valgono una visita soprattutto il mercato di antiquariato sulla Places du Jeu de Balles nel quartiere Marolles, il mercato della Gare du Midi, la stazione di Bruxelles-Sud, con specialità fiamminghe, arabe, turche, greche e spagnole e il mercatino del biologico sulla Place du Châtelain con prodotti biologici belgi.

La birra belga a Bruxelles

È cosa risaputa che il Belgio, oltre ai cioccolatini, produce numerosi tipi di birra. Ogni bar offre una selezione di almeno dieci tipi di birra belga, mentre le birre locali più commercializzate, la Jupiter e la Stella Artois, si vendono ad ogni angolo di strada. Ma chi vuole davvero conoscere il mondo della birra belga, deve visitare il museo della birra nella Maison de la Brasserie oppure il Beer Mania nella Chaussée de Wavre 174 che offre più di 400 birre belghe tra cui la birra trappista Rochefort, la Chimay, l'Orval o la birra tipica di Bruxelles, la Geuze.

Cosa mangiare a Bruxelles?

Le cozze con patatine fritte, cioè moules-frites, sono una delle specialità tipiche di Bruxelles, anche se si possono mangiare soltanto nella stagione giusta. In compenso, chi ordina le cozze a Bruxelles ha l'imbarazzo della scelta: cozze alla birra, cozze con Roquefort, cozze con lo zafferano o Moules à la marinière, ossia cozze con sedano e cipolle. Se, invece, cercate le cozze più buone di Bruxelles fate un salto al Bonne Humeur nella Chaussée de Louvain!

Chi non conosce le patatine fritte belghe, les frites belges? La loro particolarità è che vengono fritte esclusivamente in grasso animale, di solito di origine bovina, e addirittura per due volte! E poi, naturalmente, le salse. Dimenticatevi di ketchup e maionese! A Bruxelles, avrete la scelta tra almeno dieci salse diverse.

Le cialde, in francese les gaufres, sono il dolce tipico del Belgio. In effetti, bisogna distinguere tra le cialde morbide, soffici e rettangolari di Bruxelles e le cialde rotonde e croccanti, perché caramellate nello zucchero perlato, di Liegi.

Di solito, queste cialde si mangiano semplicemente con una spolverata di zucchero a velo, ma non è raro trovare bar nel centro storico che le preparano con panna montata, cioccolato, Nutella o frutta.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

REGOLE BAGAGLIO A MANO E DA STIVA CON EASYJET

EasyJet è una delle compagnie di voli low cost più utilizzate in Europa. 
Le restrizioni che questo vettore applica sul bagaglio non sono così rigide come quelle per le valigie Ryanair, ma per evitare inconvenienti, non rischiare di dover alleggerire il portafoglio e viaggiare tranquilli è meglio avere chiare alcune regole.
Se volate solo con il bagaglio a mano
Il bagaglio a mano consentito con easyJet è uno solo. 

Eventuali borsette, laptop, macchine fotografiche o altri oggetti dovranno quindi essere inseriti all’interno di un unico trolley/zaino da portare in cabina. 
Le uniche eccezioni sono costituite da soprabito, ombrello, sciarpa e sacchetto di dimensioni standard (contenente prodotti acquistati nell’aeroporto di partenza), che possono essere trasportati a parte, gratuitamente.
Ad ogni modo i titolari della tessera easyJet Plus, i passeggeri che abbiamo scelto la tariffa FLEXI o quelli che viaggeranno in un sedile con maggiore spazio (vicino alle uscite di emergenza o nella fila 1) …
Top