Passa ai contenuti principali

BALI: SPIAGGE, TEMPLI E NATURA

Bali

Dicono che l'isola di Bali sia il paradiso, ed in effetti se un paradiso esiste, deve assomigliarle molto. Circondata dalle calde acque dell'Oceano Indiano, Bali è solo una delle 17.500 isole dell'arcipelago indonesiano, e anche dopo decenni di sviluppo turistico, preserva la sua incomparabile bellezza. Fa parte del Triangolo dei Coralli, che ha la più alta diversità di specie marine.

Onde degne dei migliori surfisti, antichi templi e palazzi, vulcani attivi e giungle selvagge, spiagge di sabbia bianca a sud, e di sabbia nera a nord e ad ovest, misticismo e cultura spirituale ed eclettica: tutto questo è Bali. Dunque, seppur l'isola sia piccola, le cose da fare a Bali sono infinite! 

Cosa vedere a Bali

Bali attira persone con gli interessi più svariati: surfisti, compratori in cerca di arredo in stile coloniale, sub, golfisti, coppie in luna di miele, giapponesi a caccia di antichi templi buddisti o australiani amanti del trekking alle pendici dei vulcani.

Perché Bali ne ha per tutti i gusti: ha tratti di litorale noti per le alte onde, o spiagge più tranquille con un sacco di pesci di tutti i colori, forme e dimensioni che puoi osservare senza essere un provetto nuotatore e dover andare a largo. Ha vulcani maestosi, come il venerato Agung. Ha foreste protette nell'interiore, in cui nessuno può entrare. Ha distese di palme da cocco, di alberi di chiodi di garofano, di alberi della gomma, di teak. Caffè, cacao e soprattutto riso vengono coltivati.

Il nome Bali, ovvero "dono, non è un puro caso, perché Bali è la terra delle offerte, riti e cerimonie.

Se decidete di trascorrere le vacanze a Bali, anche se non potete fare a meno di stare sulla costa, non dimenticate di fare un viaggio anche nell'interiore dell'isola, per scoprire i suoi lussureggianti paesaggi tropicali di fiori, foreste, laghi e vulcani. Un bel tour di Bali vi permetterà anche di conoscere la sua gente e le usanze.

Il monte Batur

Il Monte Batur, noto anche come vulcano Kintamani, è la meta turistica più gettonata della parte montuosa di Bali. Il suo magnifico cratere, occupato in gran parte dal Lago Batur, si estende su 13 km. La vista di cui si può godere è il motivo principale per andarci. Circondati dalla natura accattivante del Monte Batur, troverete un sacco più motivi per fermarvi nel cratere., noto anche come vulcano Kintamani, è la meta turistica più gettonata della parte montuosa di Bali. Il suo magnifico cratere, occupato in gran parte dal Lago Batur, si estende su 13 km. La vista di cui si può godere è il motivo principale per andarci. Circondati dalla natura accattivante del Monte Batur, troverete un sacco più motivi per fermarvi nel cratere.
 
La foresta delle scimmie di Ubud

The Monkey Ubud Sacred Forest, o Foresta delle scimmie di Ubud, è abitata dai macachi dalla lunga coda, scimmie dal pelo grigio considerate sacre. Di facile accesso, è conosciuta anche come Foresta sacra delle scimmie di Padangtegal, è un luogo di ricerca scientifica, e santificata dagli abitanti locali che, tra l'altro, se prendono cura.
 
Gli elefanti di Bali

I maestosi elefanti di Bali si possono trovare presso il Bali Elephant Safari Park di Desa Taro, a nord di Ubud. Questo parco offre ai visitatori la possibilità di osservare da vicino e familiarizzare con questi giganti buoni, e anche di fare un'escursione sul dorso di questi meravigliosi pachidermi.

Luoghi sacri a Bali: il Tempio madre di Besakih o Pura Besakih

Il Tempio di Besakih, noto come 'Tempio Madre' fu costruito oltre 1.000 anni fa a 1.000 metri di altezza sulle pendici sud-occidentali del monte Agung. Besakih è il più grande e il più sacro dei templi di Bali ed è circondato da un paesaggio meraviglioso ricco di piantagioni di riso, colline, montagne, ruscelli, e altro ancora.

Il Tempio di Besakih è in realtà un complesso artistico e unico che comprende almeno 86 templi. Tre sono i principali, dedicati alla trinità indù: quello a nord, nero, è dedicato a Visnù, quello al centro, bianco, chiamato Pura Panataran , è dedicato a Shiva, e quello a sud, rosso, è consacrato a Brahma.

Il tempio di Tanah Lot

Il tempio di Tanah Lot è uno dei più importanti monumenti di Bali, un antico tempio indù arroccato sulla cima di uno sperone che con l'alta marea diventa un isolotto e da cui si possono godere meravigliosi tramonti. Costruito nel XVI secolo, questo piccolo tempio riceve ancora oggi una marea di pellegrini, richiamati dal fascino delle leggende che circondano le origini del tempio: secondo la credenza popolare, Dang Hyang Nirartha, un sommo sacerdote del Regno Majapahit si recò a Bali nel 1489 per diffondere l'induismo; raggiunta l'isola dedicò un sito al dio del mare, Baruna e cominciò a diffondere il suo credo tra gli abitanti del villaggio prima di affrontare l'opposizione del capo villaggio, che a sua volta raccolse i suoi fedeli seguaci per dissipare Nirartha. Il sacerdote resisté spostando una grande roccia nel mare e trasformando i suoi telai in serpenti di mare a guardia alla sua casa. Il nome originale della roccia, Tengah Lod, significa 'in mare'.

Ma se non amate i luoghi affollati dai turisti, potete cercare un altro luogo per un tramonto romantico. L'isola ne ha un'infinità!
 
Il santuario Goa Gajah o Elephant Cave

Il Goa Gajah, o Elephant Cave, è un sito archeologico situato a sei chilometri dal centro di Ubud. Si tratta di un santuario creato all'interno di una caverna ricca di incisioni rupestri, vasche da bagno e fontane. Il nome è dovuto alle gigantesche dimensioni del complesso sacro.
 
Spiagge di Bali

Ovviamente Bali offre una varietà di spiagge incredibile, per tutti i gusti e bisogni. Noi ne abbiamo selezionate alcune per le diverse esigenze.

Jimbaran Beach è una spiaggia situata a sud di Denpasar. È un luogo tranquillo, diventato popolare tra gli amanti del windsurf o della barca a vela. Se invece preferite la vita mondana e le feste di giorno e di notte, scegliete la lunghissima spiaggia di Kuta Beach.

Per chi ama lo snorkeling o le immersioni, senza dubbio Sanur è una delle migliori spiagge di Bali offrendo fondali marini da esplorare. Inoltre, se siete in viaggio a Bali con i bambini a Sanur avrete la possibilità di prendere una barca dotata di fondo di vetro che permetterà anche ai piccoli di scrutare animali marini e barriere coralline.

Infine, se amate il lusso Seminyak è la spiaggia che fa al caso vostro: una lunga spiaggia di sabbia bianca, divenuta uno dei punti più lussuosi di Bali, con negozi di lusso, ristoranti di alta classe e alberghi eleganti. Ma Seminyak offre anche qualcosa che non si può comprare con denaro: tramonti mozzafiato che non dimenticherete facilmente!
 
Shopping a Bali: l'Art Market di Ubud

L'Art Market di Ubud, localmente denominato 'Pasar Seni Ubud', si trova di fronte al palazzo reale ed è aperto tutti i giorni. Qui si possono trovare bellissimi foulard di seta, camicie, borse fatte a mano, tessuti, cesti e cappelli, statue e molti altri prodotti dell'artigianato locale dei vicini villaggi di Pengosekan, Tegallalang, Payangan e Peliatan.

Quando andare a Bali


La stagione delle piogge dura da ottobre fino marzo, dunque non sono i mesi migliori per visitare l'isola. Invece, il momento migliore per visitare l'isola è da aprile a ottobre, durante la stagione secca, mentre il periodo perfetto per cercare offerte di viaggio a Bali è tra settembre e dicembre.

Articoli più letti:

DOVE SI PUO' VIAGGIARE SENZA PASSAPORTO

Siete in procinto di volare a Tenerife per trascorrere una rilassante vacanza nelle splendide isole Canarie, ma vi siete accorti che il vostro passaporto è scaduto? 
Niente paura: 

sarà sufficiente la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio) per recarvi nelle belle isole atlantiche, poiché, pur non appartenendo geograficamente all’Europa, esse sono considerate parte integrante dello spazio Schengen (il trattato sulla libera circolazione delle persone all’interno della UE), in quanto appartenenti alla Spagna, cioè ad uno Stato membro dell’Ue.
Prima di fornirvi il quadro completo delle destinazioni in cui ci si può recare senza visa o addirittura senza passaporto, vi segnaliamo che il passaporto italiano consente di viaggiare in ben 171 Paesi.
Inoltre vi ricordiamo che tale articolo ha valore informativo e che la documentazione necessaria per volare in un Paese straniero può subire modifiche in ogni momento; per cui vi consigliamo di consultare sempre, prima della partenza, il sito…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO A MANO

Il bagaglio a mano dovrebbe esser quello che dà meno preoccupazioni, invece sempre più spesso è quello che ci mette più dubbi. Ce ne togliamo alcuni? 
Bene, cominciamo dalle misure.
Le misure consentite dalle compagnie aeree sono come segue: 55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità, le misure comunque non devono superare i 115 cm in totale. 

Soprattutto l’altezza, perché è quella fondamentale affinché il bagaglio possa entrare nello scompartimento apposito sopra i sedili. (overhead locker)

Và però detto che alcune compagnie low cost richiedono queste misure: 56 x 45 x 25 cm, che come vedrete supera la somma di 115 cm. 

Quindi il consiglio è quello di mantenersi comunque sulle misure di un classico trolley di quelli piccoli, che non abbia un’altezza (con questo intendo lo spazio dal retro al fronte del trolley, mentre per altezza si intende dalla ruote alla maniglia superiore) superiore ai 35 cm. 

Ed eventualmente controllare le misure specifiche sui vari siti web delle comp…

COMPAGNIE AEREE: TUTTO SUL BAGAGLIO DA STIVA

Le seguenti informazioni sono adatte sia per voli di linea che per voli low cost, tranne dove diversamente specificato. 
Oramai siamo un po’ tutti abituati alla regolamentazione sul trasporto dei liquidi e sappiamo bene che le compagnie aeree ci impongono un limite massimo di kg per la nostra valigia da stiva. 

Ogni sito web di ogni compagnia aerea riporta dettagliati dati in merito. 

Ma c’è ancora chi ha le idee confuse e si pone domande. 

Vediamo insieme di chiarire qualche dubbio.

Il peso del bagaglio da stiva

Con questo si intende chiaramente la valigia che imbarchiamo e che non rivedremo più sino all’atterraggio. 

La quantità di kg che ci è permesso portare si chiama “allowance”, cioè la franchigia. 

Ma è bene conoscere il termine tecnico in inglese perché la documentazione di viaggio spesso riporta questa parola appunto in inglese, spesso abbreviato con “Allwnce”. 

Normalmente l’allowance che ogni passeggero ha varia dai 15 kg ai 23kg. 

Questo cambia in base alla compagnia aerea (normalm…

SHARM: IN CHE ZONA ALLOGGIARE?

Diversi anni fa Sharm El Sheik era una meta per pochi, conosciuta per essere destinazione di vacanza di personaggi famosi che andavano a godersi il suo bellissimo mare cristallino. Oggigiorno Sharm è alla portata di tutti, o quasi. I pacchetti turistici che la vedono protagonista, spesso abbinata come seconda settimana dopo un soggiorno in crociera sul Nilo, sono veramente tanti, e per tutte le tasche. Dall’hotel 5 stelle con tutti i comfort, agli hotel più economici con la sola prima colazione inclusa, per chi ama godersi le giornate a fare snorkeling.
Se decidiamo di andare in vacanza in questa località per godere del suo bellissimo mare, scegliamo l’hotel che sia collocato nei tratti di costa più belli. Quando diciamo “Sharm” intendiamo la destinazione, ma in realtà questa si divide in aree, che sono quelle che fanno la vera differenza.
“Old Sharm” è il quartiere più antico che ha dato poi il nome a tutta l’area su cui sono distribuiti i tantissimi hotel. In realtà il ‘centro’ vitale…

QUALI SONO I 7 EMIRATI ARABI UNITI

Terra di contrasti e contraddizioni, ultramoderna ma allo stesso tempo legata alle più antiche tradizioni locali. 
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU), perla del Medio Oriente al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono tutto e il contrario di tutto. 
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e le distese del deserto con i beduini, i centri commerciali ultramoderni insieme agli antichi villaggi dei pescatori. 
Di solito si identifica il Paese con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: 
Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.
Tra le nazioni più ricche al mondo, trovano la loro principale fonte di guadagno nel petrolio ma anche, perlomeno a Dubai, nel turismo e nel commercio visto che è Abu Dhabi a detenere il 90% delle risorse di oro nero nel Paese.
Cosa deve aspettarsi chi fa un viaggio negli EAU?
Se la meta è Dubai sicuramente il lusso, l’esagerazione e l’abbondanza (negli hotel, nei negozi, nel cibo). 
Ma…
Top