VENEZIA VILLA FARSETTI : LA GRANDE FESTA DEL VINO

VENEZIA VILLA FARSETTI : LA GRANDE FESTA DEL VINO

Venezia villa Farsetti

Torna, da sabato 07 a domenica 08 settembre 2019 in Veneto e precisamente a Santa Maria di Sala la 12° edizione della Grande Festa del Vino, l’evento dedicato al vino che vede protagonisti 90 tra i migliori produttori nazionali e mondiali. 

Per due giorni incontri e cene gourmet fanno da cornice alle degustazioni che si svolgeranno, dalle 10 alle 20, presso Villa Farsetti. 

Un evento straordinario

Oltre 7.000 bottiglie di vini (350 etichette) presenti potranno essere degustate in Villa Farsetti (a Santa Maria di Sala, in Via Roma 1).

Un tour dell’Italia e da 19 paesi del Mondo calice alla mano per conoscere le tipicità e le eccellenze dei terroir italiani e mondiali, scoprire vitigni alloctoni, autoctoni, nazionali e internazionali, rari e ricercati, vini convenzionali, naturali, biologici, biodinamici, di montagna (da viticultura eroica), di mare, di collina, di pianura, di vignaioli indipendenti e di piccole realtà emergenti o di quelle già affermate.

Vini dell’eccellenza made in Italy

Alla 12° edizione della Grande Festa del Vino si avrà la possibilità di degustare vini provenienti da ogni regione italiana, da 7 stati europei e da 12 dal resto del Mondo. 

Si degusteranno vini premiati, come il Sassicaia di Tenuta San Guido annata 2015 considerato il miglior vino al mondo secondo Wine Spectator nel novembre 2018, il Riviera Ligure di Ponente Pigato Bon in da Bon di Bio Vio (3 bicchieri “vino dell’eccellenza” dalla Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2019 e 5 grappoli "vino dell'eccellenza" Guida Bibenda 2019), il Cirò Rosso Classico Superiore Ripe del Falco Riserva della cantina Ippolito 1845 (5 grappoli "vino dell'eccellenza" Guida Bibenda 2019), Il Pecorello della cantina Ippolito 1845 (3 bicchieri “vino dell’eccellenza” dalla Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2019), Il Senatore Primitivo Gioia del Colle della cantina Coppi (3 bicchieri “vino dell’eccellenza” dalla Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2019), il Frascati Superiore di Castel de Paolis (Corona nella Guida Vini Buoni d’Italia 2019), il Taurasi DOCG Vigna Macchia dei Goti delle Cantine Antonio Caggiano (3 bicchieri “vino dell’eccellenza” dalla Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2019 e 5 grappoli "vino dell'eccellenza" Guida Bibenda 2019, nel 2015 oscar del vino “migliore vino rosso d’Italia” Fondazione Italiana Sommelier), il Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore San Michele di Vallerosa Bonci (4 viti “vino dell’eccellenza” Guida Vitae 2019), Il Pietrone Verdicchio Riserva di Vallerosa Bonci (3 bicchieri “vino dell’eccellenza” dalla Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2019), il Tintilia del Molise Macchiarossa (4 viti “vino dell’eccellenza” Guida Vitae 2019), Barone di Serramarrocco della cantina Barone di Serramarrocco (3 bicchieri “vino dell’eccellenza” dalla Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2019), il Greco di Tufo Devon delle Cantine Antonio Caggiano (Corona nella Guida Vini Buoni d’Italia 2019), il Colli del Mancuso Cirò DOC Riserva di Ippolito 1845 (Corona nella Guida Vini Buoni d’Italia 2019), il Brunello di Montalcino Riserva della cantina Mocali (95/100 Wine Spectator), il Nobile di Montepulciano 2016 della Tenuta di Gracciano della Seta (93/100 Decanter), il Bianco di Custoza Superiore DOC La Guglia di Tamburino Sardo (Medaglia d’Oro al Concours Mondial del Bruxelles 2018), il Canneto della Casa Vinicola d’Angelo ( 93 +Vinous), l’Aglianico del Vulture Riserva Caselle della Casa Vinicola d’Angelo ( 91/100 Wine Spectator), il Morellino di Scansano Suberli ( 91/100 James Suckling) , solo per citarne alcuni italiani.

Vini straordinari dall’Europa 

Alla 12° edizione della Grande Festa del Vino si avrà la possibilità di degustare vini provenienti dalla Francia come i grandi vini a denominazione AOC Alsace Grand Cru e gli Champagne di Voigny; i potenti vini di Goriška Brda in anfora, i prestigiosi vini della Mosella in Germania, le bollicine di Cava “la seduttrice catalana”, il Porto “il vino liquoroso” più famoso al mondo, i preziosi e rinomati vini austriaci del Burgenland tra cui i muffati Trockenbeerenauslese e gli speciali vini ungheresi Tokaji Furmint, Aszu e Ice Wine.

Vini dal Resto del Mondo 

Alla 12° edizione della Grande Festa del Vino si avrà per la prima volta la possibilità di degustare vini provenienti dalla Georgia, oltre ai paesi già presenti dalla 11° edizione come il Perù, Uruguay, Messico, Brasile, Sudafrica, Cile, Stati Uniti d’America, Argentina, Nuova Zelanda, Australia e Israele. 

Location: 

Villa Farsetti – Santa Maria di Sala (VE)

L’evento si svolgerà per la seconda volta nella splendida villa veneta (la prima volta nel 2016).

Villa Farsetti fu costruita nella seconda metà del XVIII secolo dall'Architetto Paolo Posi per il nobile Filippo Farsetti, famoso collezionista d'arte e appassionato di botanica, Villa Farsetti ricorda un castello rococò francese, con la tipica fisionomia del tardo barocco "internazionale".

Villa Farsetti piano terra: 

Degustazione di vini italiani “Tradizionali” e selezione food.

Sala “Cedraie”: Saranno in scena i vini italiani “biologici, biodinamici o naturali”.

Sala “Teatro”: Degustazione di vini internazionali e selezione food. 

Sala “Teatro” al primo piano: Masterclass.

Apertura al pubblico

ore 10:00 la degustazione apre al pubblico. 

Con il costo dell’entrata è previsto in omaggio un calice professionale con tracolla che accompagnerà durante le degustazioni.

Ai banchi di assaggio saranno presenti produttori e sommelier.

La partecipazione alla manifestazione non necessita di prenotazione, il servizio mescita terminerà alle ore 19:30, alle ore 20:00 chiusura della Villa Farsetti.

È possibile che alcuni prodotti in degustazione si esauriscono prima della fine della manifestazione. 

Il pubblico partecipante all'evento sarà anche un giudice, potrà infatti votare i migliori vini e la migliore cantina della manifestazione. L’evento si terrà anche in caso di pioggia.

Prezzi Biglietto

Acquista i biglietti online in modo sicuro e veloce

Biglietto giornaliero adulti (iva inclusa)

Aprile: € 20,00 (ricevi in omaggio un cavatappi direttamente alla manifestazione)

Maggio: € 22,00 (ricevi in omaggio un panettoncino da 100 gr. Loison direttamente alla manifestazione)

Giugno: € 25,00 (ricevi in omaggio un tappo stopper direttamente alla manifestazione)

Luglio: € 28,00 

Agosto: € 30,00 

Settembre (dal 1 al 5): € 33,00

Il giorno dell’evento direttamente alla manifestazione: € 35,00

Biglietto bi-giornaliero adulti (iva inclusa)

Aprile: € 35,00 (ricevi in omaggio un cavatappi direttamente alla manifestazione)

Maggio: € 40,00 (ricevi in omaggio un panettoncino da 100 gr. Loison direttamente alla manifestazione)

Giugno: € 45,00 (ricevi in omaggio un tappo stopper direttamente alla manifestazione)

Luglio: € 50,00 

Agosto: € 55,00 

Settembre (dal 1 al 5): € 60,00

Il giorno dell’evento direttamente alla manifestazione: € 65,00

DIMENSIONI E PESO BAGAGLIO A MANO E STIVA VOLOTEA

DIMENSIONI E PESO BAGAGLIO A MANO E STIVA VOLOTEA

Bagaglio Volotea

Bagaglio a mano Volotea

Con Volotea ogni passeggero può portare con sé in cabina un bagaglio a mano e una seconda borsa più piccola oppure uno zaino o una valigetta. 

Per quanto riguarda le dimensioni massime consentite il primo bagaglio a mano non deve essere più grande di 55x40x20 cm. 

Per il secondo, invece, le dimensioni massime sono pari a 35x20x20cm. 

In entrambi i casi queste misure comprendono anche le eventuali maniglie, ruote oppure elementi aggiuntivi della valigia e del secondo bagaglio a mano. 

Questa limitazione deve essere seguita con grande attenzione perché al momento dell’imbarco si verifica che entrambi i bagagli a mano soddisfino i requisiti previsti dal regolamento di volo. 

In caso contrario, i bagagli che non rispettano i parametri indicati vengono direttamente imbarcati in stiva.

Di conseguenza il viaggiatore deve pagare un sovrapprezzo pari a 40 euro per bagaglio se la registrazione avviene al momento del check-in. 

Nel caso in cui il bagaglio aggiuntivo venga destinato al viaggio in stiva al momento dell’imbarco, il sovrapprezzo risulta essere invece di 60 euro

Lo stesso vale per le situazioni in cui non si rispettino i requisiti prescritti per quanto riguarda il peso del bagaglio a mano. 

Il regolamento della compagnia aerea Volotea non prevede limitazioni specifiche per ogni singolo bagaglio. 

Tuttavia il peso complessivo della valigia che si porta in cabina e quello della seconda borsa non devono essere superiori a 10 chili.

Vengono considerati come bagaglio a mano:
  • la borsa porta computer;
  • la valigetta porta documenti;
  • la macchina fotografica;
  • un abito da sposa;
  • un porta abiti;
  • uno strumento musicale.

Volotea

Bagaglio da stiva Volotea

Se invece si hanno molte cose da trasportare, allora è consigliabile optare sin da subito per la preparazione e l’indicazione del bagaglio da stiva, che si dovrà restare entro i 20 Kg. di peso.

Se si ha bisogno di imbarcare colli più pesanti, allora lo si potrà indicare tramite Servizio Clienti o direttamente al banco del check-in in aeroporto, considerando che ogni chilo così aggiunto avrà un prezzo di 12 euro extra.

Volotea fa presente che è possibile viaggiare con un massimo di 5 bagagli a persona, a patto che il peso complessivo di tutti i colli non superi i 50 chilogrammi di peso.

DIMENSIONI E PESO BAGAGLIO A MANO E STIVA ETIHAD

DIMENSIONI E PESO BAGAGLIO A MANO E STIVA ETIHAD

Bagaglio Etihad

Etihad Airways ha introdotto una nuova policy bagagli, che per tutti i mercati esclusi Usa e Canada sarà basata sul peso totale anziché sul numero dei bagagli imbarcati.

Bagaglio Etihad
 
I passeggeri potranno imbarcare valigie del peso totale di 23 kg con la tariffa Economy Deal, 30 kg con Economy Saver e Classic, 35 kg con Economy Flex

I clienti di tutte le categorie tariffarie di Business Class hanno diritto a una franchigia bagagli di 40 kg, mentre gli ospiti di First Class godono di 50 kg di franchigia. 

Gli ospiti di The Residence a bordo dell’Airbus A380, l’ammiraglia della flotta Etihad Airways, possono registrare fino a quattro bagagli di 32 kg ciascuno. 

Eccezioni a queste norme saranno applicate a mercati selezionati. 

I membri Etihad Guest Silver, Gold e Platinum continueranno a beneficiare gratuitamente di una franchigia bagaglio in eccesso di 32 kg per viaggiare verso Stati Uniti e Canada, mentre per tutte le altre destinazioni saranno accettati bagagli in eccesso di 20 kg per i membri Platinum, di 15 kg per i membri Gold e di 20 kg per i membri Silver.

DIMENSIONI E PESO BAGAGLIO A MANO E STIVA ALITALIA

DIMENSIONI E PESO BAGAGLIO A MANO E STIVA ALITALIA

Bagaglio Alitalia

Dimensioni e peso del bagaglio a mano

Il bagaglio non deve pesare più di 8 kg e per quanto riguarda le misure Alitalia richiede che sia compreso anche l'ingombro delle ruote e della maniglia: le dimensioni non possono essere superiori a 55x35x25 cm. 

È consentita anche una seconda borsa, senza sovrapprezzo, che deve misurare al massimo 36x45x20 cm. 

A bordo possono essere portati gli acquisti fatti presso lo scalo aeroportuale che dovranno essere sigillati.

Bagaglio Alitalia

Dimensioni e peso del bagaglio in stiva

La dimensione massima del collo deve essere di 158 cm, misura data dalla somma di altezza, larghezza e profondità. 

Una domanda legittima è se per il bagaglio in stiva con Alitalia si paga. 

La classe tariffaria Light non consente il trasporto di alcun bagaglio che deve essere aggiunto a pagamento.

Con la tariffa Economy il bagaglio può pesare 23 kg mentre con la Premium i colli possono essere due da 23 kg. 

I passeggeri con biglietto Business, invece, possono portare gratuitamente due bagagli da 32 kg. 

Sono presenti alcune eccezioni: i voli per il Giappone e per il Brasile consentono il trasporto di due colli da 23 kg mentre quelli per l'Iran solo uno da 32 kg.

Peso o dimensioni superiori pagano l'eccedenza a seconda della destinazione. 

Il suggerimento è di rispettare i limiti imposti: come per le dimensioni del bagaglio a mano Alitalia applica lo stesso rigore, a tutela del viaggiatore, per quelle da stiva.

Se si supera il peso e/o le dimensioni consentite

Se le dimensioni del bagaglio a mano Alitalia e il peso vengono superati, la compagnia può rifiutare le valigie che saranno caricate nella stiva pagando un sovrapprezzo in base alla classe di viaggio. 

L'imbarco, però, non è mai consentito nel caso di oggetti su cui vige il divieto.

COME FARE IL CHECK-IN IN AEROPORTO

COME FARE IL CHECK-IN IN AEROPORTO

Compagnie aeree

Può essere che tu non abbia mai fatto il check-in in aeroporto.

Sarà la tua prima volta in aereo, quindi non sai bene come muoverti in aeroporto e come fare il check-in, il controllo di sicurezza e trovare il gate.

Se ti stai chiedendo cos’è il check-in e non hai mai volato prima, girare negli aeroporti può generare confusione e stress.

Quindi, tranquilli tutti, si può anche NON essere esperti di viaggi. 

Ti spiego come fare il check-in in aeroporto:

Per farlo non c’è nulla di così complicato, basta avere il biglietto aereo, il passaporto o carta d’identità (dipendendo dalla destinazione).

Vediamo passo passo cosa dovrai fare per effettuare il check-in in aeroporto.

1. Cerca il tuo banco check-in

Appena entri in aeroporto devi cercare il banco check-in corretto. Lo trovi guardando sugli schermi e cercando la città di destinazione, il numero del volo ed il numero del banco.

2. Trova la fila corretta

Trovato il banco, mettiti in fila.

Se hai un biglietto di prima classe o business puoi accedere alla fila apposita riducendo il tempo d’attesa, l’altra fila (o le file) sono per chi ha un biglietto per classe economica.

3. Ritira la carta d’imbarco

Quando tocca a te, consegna all’operatore il biglietto aereo e la carta d’identità o passaporto.

L’operatore richiamerà i dettagli della tua prenotazione e inizierà la procedura per il check-in.

Ti chiederà se ha del bagaglio da consegnare in stiva. 

Se sì, la metterai sul nastro trasportatore e verrà pesata. 

Se non ci sono problemi di peso allora verrà apposto il barcode che ti ho spiegato prima.

Se il peso della valigia eccede il peso massimo consentito puoi svuotarla di qualche oggetto mettendoli nella borsa o valigia a mano, oppure puoi pagare qualcosina in più e caricare il peso in eccesso.

4. Carta d’imbarco

Tieni sempre con te la carta d’imbarco sul quale sono indicati il numero del gate, il numero del posto a sedere in aereo e altre informazioni.

Oltre a questo, ti verrà consegnato anche un biglietto con i dati della valigia. Una sorta di carta d’imbarco dedicata solo al bagaglio in stiva.

Questo è quanto.

Ovviamente questa procedura non va effettuata se hai già fatto il check-in online e se non hai bagagli da consegnare.

Se hai fatto il check-in online, ma devi consegnare qualcosa in stiva, allora dovrai comunque presentarti ai banchi per pesare e consegnare la valigia.

Quanto tempo prima presentarsi in aeroporto?

Beh, tutto dipende dal tipo di volo che devi fare. Per un volo nazionale con check-in fatto online, 1 ora prima dell’orario di partenza è sufficiente se parti da un aeroporto piccolo dove c’è meno gente e quindi i controlli di sicurezza sono veloci.

Se invece parti da un aeroporto con molto movimento di passeggeri, come sd esempio Venezia, Milano, Bologna o Roma, meglio presentarsi 1 ora e mezza prima.

Solitamente il check-in chiude 40 minuti prima dell’orario previsto per il decollo. L’imbarco inizia 30 minuti prima.

Questo vale per i voli in partenza da aeroporti piccoli e per voli nazionali abbiamo detto.

Cosa fare se devi prendere un volo internazionale?

In questo caso meglio presentarsi almeno 2 ore e mezza prima (anche 3 ore prima in certi casi) perchè ci saranno molte persone che arriveranno all’ultimo momento e ci sarà una lunga fila per il check-in.

Rischi di aspettare anche per 1 ora o più.

Oltre ad un lungo check-in dovrai anche passare i controlli di sicurezza e poi il controllo passaporto.

Ci vuole tempo insomma.

Viaggiare in aereo non è una passeggiata per chi non ha mai volato o ha volato poco. 

Per gli esperti diventa come prendere l’autobus.

Frequent Flyer

Ci sono alcune persone che per motivi di lavoro prendono l’aereo anche ogni settimana o più volte alla settimana.

Oramai non consegnano nemmeno la valigia. 

Un viaggiatore esperto sa benissimo come sistemare i vestiti per viaggi invernali di 10 giorni in un trolley a mano evitando il check-in, bagaglio smarrito o qualunque seccatura possa nascere.

Inoltre, se sei un frequent flyer saprai sicuramente come funziona un volo e cosa devi fare, ma se desideri sapere come funziona un aereo, cosa fanno i piloti e cosa succede attorno a te durante un volo.

Concludendo, fare il check-in in aeroporto è molto semplice. 

Preparati bene prima di arrivare in aeroporto, soprattutto prepara bene la valigia per evitare brutte sorprese.

COME SCEGLIERE LE MIGLIORI VALIGIE PER IL TUO VIAGGIO

COME SCEGLIERE LE MIGLIORI VALIGIE PER IL TUO VIAGGIO

Valigie per il viaggio

Una vacanza alle porte solleva sempre un paio di questioni ineliminabili: cosa infilare in valigia e con quali bagagli partire. 

A monte si trova senz’altro il secondo degli interrogativi e per questo ci siamo chiesti come scegliere un set di valigie. 

Poco importa se la vacanza è breve, un set bene assortito ti consente di scegliere la valigia di volta in volta più opportuna.

Set di valigie: pregi e difetti

Tanto per cominciare, hai la possibilità di scegliere tra bagagli di dimensioni diverse a seconda della durata e della modalità del viaggio. 

Inoltre, il tris (ma anche la coppia o il poker) di valigie costa sempre meno di tre articoli comprati singolarmente. 

E se poi hai in programma una lunga vacanza oppure per solito viaggi in famiglia lo stile unico del set è un valore aggiunto, ammesso che tu voglia evitare l’effetto Fantozzi in vacanza.

Se hai in animo di concederti un weekend fuori porta opterai per la valigia meno capiente del set. 

Se invece ti aspetta un viaggio lungo una settimana potresti propendere per la valigia di medie dimensioni. 

Porterai con te quella più capiente, oppure le due più piccole, in caso il viaggio lo richieda. Insomma, il set di valigie si presta a ogni tipo di opzione e risponde a qualsivoglia esigenza di spazio. 

Oltretutto, i modelli del set sono facilmente riponibili in quanto di solito funzionano da scatole cinesi o Matrioske: a viaggio finito puoi infilarli uno nell’altro.

Valigia o trolley? 

Nel 1987 un pilota americano ha pensato che un paio di rotelle avrebbero reso più agevoli i viaggi di milioni di persone, anche se probabilmente a lui importava soltanto il suo volo. 

Fatto è che così è nato il trolley. 

Oggi pare che la diatriba tra valigia e trolley sia stata risolta definitivamente a favore del secondo e non poteva essere altrimenti. 

In effetti, il trolley è leggero e facile da trasportare, scorre su quasi tutte le superfici, è perfetto per il trasporto di oggetti anche molto fragili. 

Anzi, sempre più spesso si dice valigia e si intende trolley per metonimia, anche perché un trolley può essere utilizzato come valigia per via della maniglia laterale, mentre non vale il contrario. 

Il trolley ridiventa una valigia classica soltanto in assenza di scale mobili o ascensori.

Dimensioni dei bagagli

L’andamento orizzontale della valigia tradizionale ha lasciato il posto allo sviluppo verticale del moderno trolley, che si è adattato alla nuova modalità di traino. 

Questo tipo di andamento accomuna tutti i trolley, ma il mercato offre una vasta gamma di scelta in quanto al resto delle caratteristiche. 

Ecco di cosa devi tenere conto per scegliere il set di valigie più congeniale alle tue esigenze.


Considera che il bagaglio da portare in cabina deve essere inferiore a 55x40x20 cmper compagnie come la Ryanair, la Meridiana e la Vueling, mentre Alitalia richiede che il bagaglio a mano (ruote e maniglie incluse) non debba superare le dimensioni 55x35x25 cm.

Valigie rigide

Aspetto fondamentale da considerare quando acquisti un set di valigie è il materiale con cui sono realizzate. 

Ed anche qui la tipologia di viaggio influisce sulla scelta. 

Se sei solito spostarti in aereo potresti orientarti verso le valigie rigide, che assicurano maggiore protezione ed evitano il danneggiamento di oggetti fragili. 

Del resto, è noto come gli addetti aeroportuali non trattino le nostre valigie con particolare riguardo. 

Voluminose, impermeabili e praticamente indistruttibili, questo tipo di valigie sono un must have del cosiddetto frequent flyer.

Le valigie rigide possono essere realizzate essenzialmente in polipropilene, in policarbonato, in ABS o in ABS-policarbonato

Le valigie in polipropilene sono parecchio rigide e resistenti, quelle in ABS hanno l’ulteriore pregio di essere particolarmente leggere. 

I trolley in policarbonato sono oltremodo resistenti ma presentano costi proibitivi, ecco perché è comune la fusione tra ABS e policarbonato

Se sei un amante del design estroso opta per una valigia in ABS, materiale che può essere rivestito con una pellicola trasparente e personalizzabile.

Valigie semirigide

Se è vero che le valigie rigide reagiscono bene agli urti e ai colpi, è anche vero che hanno costi mediamente più alti rispetto alle valigie morbide o semirigide. 

Senza contare che una valigia rigida è più voluminosa in quanto non deformabile. 

Se sei solito viaggiare in auto o in treno la valigia morbida può rivelarsi una preziosa soluzione salvaspazio. 

Uno dei materiali più utilizzati per i bagagli morbidi è il poliammide balistico.

C’è chi ritiene che la valigia rigida sia congeniale ai viaggiatori organizzati e che invece quella morbida sia apprezzata da coloro che non sanno mai quanti effetti personali infilare. 

Questo è soltanto un modo di vedere le cose. 

Fatto è che l’innovazione tecnologica ha fatto sì che le valigie rigide abbiano quasi eguagliato in leggerezza quelle semirigide e queste ultime abbiano guadagnato in robustezza. 

Con il risultato evidente di avvicinare le due tipologie di bagaglio. 

Per la nostra scelta quindi, non ci resta che volgere lo sguardo altrove, vediamo a cos’altro.

Composizione interna

Quali altre caratteristiche deve avere un set di valigie che risponda perfettamente alle tue esigenze di viaggio? 

Grandi o piccole, rigide o morbide che siano, le valigie si differenziano anche per composizione interna. 

I molteplici scomparti ti consentono di organizzare al meglio i tuoi effetti personali. 

Il che significa che non dovrai frugare a lungo per dissotterrare un piccolo souvenir. 

In questo senso si rivelano preziosi lo scomparto destinato alle calzature e quello dei panni sporchi. 

Molto utile è anche la tasca esterna cui accedere senza dover ogni volta aprire il bagaglio.

Ad ogni modo, è sempre possibile guadagnare spazio usando il metodo del sottovuoto, tappando i vari buchi (per esempio l’interno delle scarpe) oppure arrotolando gli indumenti sporchi. 

Non è un caso che i viaggiatori si dividano tra chi piega con cura e chi invece preferisce arrotolare i vestiti per ottimizzare gli spazi. 

Tutti quanti però farebbero bene a preoccuparsi di avvolgere i colletti rigidi delle camicie con una maglia intima onde evitare che si affloscino, non prima di averle abbottonate.

Viaggiare sicuri

Le valigie dal guscio rigido offrono una maggiore protezione rispetto a quelle semirigide, ma chi ti assicura che l’interno non sia violato? 

Ecco perché prima di acquistare un set di valigie devi badare anche al tipo di chiusura. 

Se hai in programma un viaggio negli Stati Uniti dovresti orientarti verso un modello con serratura a combinazione TSA

Si tratta di un lucchetto che gli agenti aeroportuali americani hanno il diritto di aprire per controllare il contenuto dei bagagli. 

Non dovessi esserne provvisto, potrebbero anche forzare la tua valigia fino a romperla.

Opta comunque per un sistema di sicurezza integrata, anche se gli States non sono tra le tue mete usuali. 

Così, dormirai fra due guanciali quando caricherai il tuo set nella stiva di un treno o di un aereo. 

Puoi optare per i trolley muniti di chiusura integrata, dagli intramontabili lucchetti alla cinghia per valigia con combinazioni numeriche, fino ai cavi di sicurezza per computer portatile.

Maneggevolezza

Le rotelle del trolley hanno mandato in soffitta la valigia tradizionale e, a esser sinceri, non si capisce come mai s’è dovuto attendere la fine degli anni Ottanta per dotare i bagagli di ruote. 

La scelta del set di valigie deve tenere conto anche del numero di rotelle. 

Le 4 ruote multidirezionali si fanno preferire in quanto offrono la possibilità di spostare la valigia anziché trainarla. 

Se sei abituato invece alle 2 ruote puoi sempre decidere di trainare il trolley a 4 ruote.

Ulteriore manegevolezza è data dalle maniglie ergonomiche. Un’impugnatura telescopica estraibile offre il massimo del comfort, soprattutto se è provvista di diverse posizioni di bloccaggio. 

Peraltro, il carico dei bagagli è agevolato dalla presenza di maniglie laterali.

Quale set di valigie rigide comprare

Set Amazon trolley by AmazonBasics

Opta per il set di trolley rigidi AmazonBasics se desideri estendere a piacimento la capacità delle valigie: il design estensibile ha il pregio di offrirti fino al 15% di spazio in più. 

I 3 pezzi del set sono dotati di 4 ruote multidirezionali e manico telescopico, interno foderato con divisorio e con scomparto portaoggetti.

Set di valigie American Tourister Wavebreaker

Il tris di valigie rigide American Tourister Wavebreaker è dotato di chiusura con combinazione TSA, 4 ruote piroettanti a 360 gradi e maniglia estensibile. 

Gli interni sono provvisti di pratiche cinghie fermabiti e di tasche portaoggetti. 

La texture a dots rende la superficie ancora più resistente ai graffi.

Set trolley Alistar Fly

Anche il set di trolley Alistair Fly si compone di modelli muniti di 4 ruote piroettanti a 360 gradi e di maniglia telescopica. 

L’interno dispone di due ampi vani portaoggetti e di cinghia fermabiti incrociata. 

Il guscio esterno è realizzato in ABS ultraleggero e resistente.

Set di 3 valigie Hauptstadtkoffer modello Alex

Realizzate in ABS-policarbonato, le tre valigie di cui si compone il set Hauptstadtkoffer sono particolarmente resistenti agli urti. 

Sono fornite di lucchetto con combinazione TSA e dispongono di 4 ruote omnidirezionali. 

Il design impercettibilmente bombato rafforza l’idea di solidità.

Set semirigido Gianmarco Venturi

Se sei un amante dei modelli morbidi potresti affidarti al tris di trolley Gianmarco Venturi. 

Disporrai sia di manico superiore estraibile sia di maniglie laterali. 

Dotate di lucchetto TSA, gli interni sono completamente foderati e presentano due cinghie elastiche assicuravestiti.