01/04/17

TOSCANA: GUIDA ALLE STRADE DEL VINO

Toscana Italia

La Toscana non è solo un museo a cielo aperto ma racchiude tra i suoi borghi e sentieri il connubio indivisibile tra uomo e natura che qui ha dato risultati spettacolari. 

É possibile rendersene conto sorseggiando un bicchiere di vino. 

I vini toscani infatti sono famosi in tutto il mondo per la loro qualità e varietà ma quello che forse ancora non tutti sanno è che sono un ottimo pretesto per una visita nella terra dove nascono. 

Alcuni sono diventati famosi: nettari preferiti da personaggi noti, come Papi e mecenati, e nominati persino in opere di artisti e poeti, come nel caso del Vernaccia, citato nella Divina Commedia di Dante.

Un mondo magico, tutto a vivere a ritmo lento, sul posto, scegliendo se possibile tratti sterrati, e divertirsi a scoprirli in bicicletta, o a piedi, senza guardare l’orologio o il cellulare, ma solo il panorama. 

Per questo esistono in Toscana itinerari tra vigneti, cantine, degustazioni, vecchie osterie dai menù autentici, eventi e panorami. Sono le Strade del gusto di Toscana.

LE STRADE DEL GUSTO IN TOSCANA: SAPORI E PIACERI

Il termine Strade del Gusto, in Toscana racchiude un mondo fatto di paesaggi diversi, borghi storici e città d'arte, menù tradizionali e piatti tipici, colline, sagre ed eventi per scoprire una terra che ha tanto da raccontare in fatto di sapori.

Di questi percorsi, con mappe, esercizi convenzionati, musei ed eventi, fanno parte le Strade del Vino,dell'Olio e dei Sapori: viaggi per scoprire le eccellenze delle produzioni agroalimentari toscane declinate in molteplici itinerari dove è possibile scoprire la materia prima, la terra dove ha origine, la lavorazione, il contesto. 

Gli itinerari offrono anche riferimenti ambientali, storici e culturali indispensabili per comprendere e vivere al meglio il territorio e i suoi prodotti, con le dritte dei produttori. 

10 STRADE DEL VINO IN TOSCANA DA SCOPRIRE

Di questi itinerari fanno parte le Strade del Vino, circa una ventina di percorsi tematici attraverso città d’arte, borghi storici, pievi, vigneti, cantine, degustazioni, abbinamenti di vini a prodotti tipici del territorio, eventi dedicati al meglio dell’enogastronomia toscana. 

Eccone una decina di particolarmente interessanti, e informazioni sulle altre.

- La Strada del Vino dei Colli di Candia e Lunigiana: 

Attraverso la verde e selvatica Lunigiana, tra colline e borghi inerpicati che sembrano sospesi nel tempo e spiagge rinomate si snoda questo itinerario del vino alla scoperta dei nettari tipici del territorio, ovvero Candia dei Colli Apuani, Colli dei Luni doc, Val di Magra Igt e Toscana Igt.

- Strada del vino e dell’olio di Lucca, Montecarlo e Versilia: 

Destinazione d'arte e glamour rivela un animo autentico dai sapori intensi e si snoda tra frantoi, fattorie e cantine, mare e borghi, tra il Lucchese e la Valle del Serchio.

- Strada olio e vini del Montalbano le colline di Leonardo: 

Questo territorio fa scoprire il Montalbano, un massiccio collinare con un paesaggio costellato di vigneti, borghi e uliveti, terme e riserve naturali.

- Strada dei vini di Carmignano e dei sapori tipici pratesi: 

Alla scoperta dei vini e della gastronomia tipica del pratese. Nel comprensorio si possono conoscere e degustare oltre ai famosi vini DOC e DOCG anche olio, i famosi cantucci, e poi liquori, miele carni e insaccati di Cinto Toscano DOP e Calvanina.

- Strada del vino delle Colline Pisane: 

Itinerario enogastronomico che entusiasma gli amanti di natura, arte e storia. Se avete tempo, è bello da scoprire in mountain bike o con tratti a piedi. Passa dal celebre borgo di San Miniato, al già insediamento etrusco di Palaia, pievi e borghi. Soste per sognare a Montefoscoli dove possiamo visitare la mostra permanente della Civiltà Contadina e a Libbiano, sede dell’Osservatorio Astronomico.

- Strada del vino delle Terre d'Arezzo: 

L'enoturista può scoprire qui il cuore della Toscana e della sua campagna da cartolina, gustando con vini eccellenti, artigianato tradizionale e proposte gastronomiche tipiche e di qualità.

- Strada del vino e dell'olio Costa degli Etruschi:

Questa zona, conosciuta come l’”eldorado del vino italiano”, si divide in quattro zone di produzione dislocate tra dolci colline, filari di pioppi, mare, borghi gioiello. Si va dalle Colline Metallifere, all'entroterra pisano,all'Isola d'Elba; un comprensorio che sviluppa per la maggior parte nella provincia di Livorno ed un'area, quella del Montescudaio Doc, nell'entroterra pisano. Un viaggio enogastronomico tra i vini pregiati di Bolgheri, dell’Elba Doc, Aleatico, Vin Santo Occhio di Pernice, Val di Cornia. Un viaggio tra arte e natura anche, tra riserve naturali, spiagge, pinete, città di mare.

- Strada del vino vernaccia di San Gimignano: 

Alla scoperta del territorio dove è nato il Vernaccia di San Giminiano primo vino italiano riconosciuto a DOC nel 1966, e passato poi a DOCG, ha origini antichissime. Già rinomato nel XIII secolo, è citato persino nella Divina Commedia quando Dante, tra i golosi del Purgatorio, incontra Papa Martino IV “che purga per digiuno l’anguille di Bolsena e la Vernaccia”. In effetti, il pontefice era ghiotto di anguille arrostite dopo essere state annegate nella Vernaccia. Anche un altro Papa, Paolo III Farnese, amava questo vino bianco toscano, come testimonia il suo “bottigliere” (un sommelier ante litteram) Sante Lancerio.

- Strada del vino di Orcia. Alla scoperta della Val d’Orcia: 

Patrimonio Unesco per le sue bellezza naturali e paesaggistiche e “casa” del Chianti Colli Senesi DOCG e DOCG Riserva, Vin Santo DOCG.

- Strada del Vino nobile di Montepulciano: 

Il fil rouge che unisce questo percorso di enoturismo accompagna alle ricchezze storiche e naturali della Valdichiana Senese, un itinerario enogastronomico alla scoperta dell’origine dei suoi sapori tipici, ma anche terme, storia e benessere. La Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana comprende i Comuni di Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena, Trequanda e l’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese.

Le Strade del Vino della Toscana non finiscono qui però e contano anche: 

La Strada del vino e dei sapori Monteregio di Massa Marittima; la Strada del vino di Montecucco e dei sapori d'Amiata; la Strada del vino e dei sapori Colli di Maremma; Strada del vino di Cortona, le Strade del Vino del Chianti, che potete scoprire un po' proseguendo nella lettura qui sotto. 

LE STRADE DEL VINO DEL CHIANTI

Lo sapevate? L'affascinante territorio del Chianti potrebbe diventare Patrimonio Immateriale dell'Unesco. L'idea è stata lanciata durante l'Anteprima del Chianti Classico dal Consorzio a febbraio 2016. 

L'area del Chianti, d’altronde, non è solo uno straordinario paesaggio viticolo, ma anche una terra densa di storie e tradizioni. 

Per scoprirla ci sono anche itinerari enogastronomici ad hoc, come la Strada del vino Chianti Montespertoli o la Strada del vino e dell'olio Chianti classico. 

Il Chianti è una vasta area geografica che si snoda lungo la via Chiantigiana. 

Comprende numerosi centri urbani affascinanti, da Greve in Chianti (da non perdere qui il Museo del Vino, in Piazza Nino Tirinnanzi ) e poi Radda, Castellina, Gaiole in Chianti, "quartier generale" di un'altra grande tradizione, la rievocazione storica e corsa in bicicletta dell'Eroica, che ogni anno chiama centinaia di appassionati. 

Il Chianti Classico è una zona di circa 70 chilometri che dividono le due città d’arte toscane per eccellenza: Firenze e Siena

Colline dai dolci pendi, cantine, borghi e tanta arte. 

E quel vino divenuto famoso in tutto il mondo, che a ogni sorso parla di una miriade di terreni, tradizioni, storie e persone che lo hanno reso leggendario.

Artikel Terkait