16/04/15

MALESIA: PARADISI INCONTAMINATI

Malesia
La Malesia è un vero e proprio paradiso per vacanze lontano dalle rotte consuete, ideale per chi ama rilassarsi al sole su spiagge deserte o immergersi in ricchi fondali brulicanti di vita. 
Ecco un “concentrato di blu” da est a ovest, seguendo il fil rouge di quattro incantevoli isole, Redang, Perenthian, Tioman e Langkawi, dal variegato ecosistema di specie marine e con un’incredibile biodiversità.
 
Sulla costa orientale della penisola, Redang è una delle isole più famose della Malesia, nonché parco marino. Sono davvero numerosi i punti per le immersioni, ben 31, tutti famosi per gli splendidi giardini di corallo con gorgonie e anemoni in cui si nascondono coloratissimi pesci. 
L’isola è anche meta privilegiata per snorkeling, gite in barca e uscite in canoa. Redang è raggiungibile in traghetto da Kuala Terengganu (Shabandar Jetty) o con barca veloce da Setiu (Merang Jetty).

Isole Perhentian é situate a una ventina di chilometri dalla costa del Terengganu, Besar e Kecil sono caratterizzate da una fitta vegetazione e da spiagge bianchissime. 
Kecil è stata anche inserita tra le migliori 100 spiagge al mondo selezionate nel 2014 dall’autorevole testata americana CNN insieme alle altre perle malesi di Juara Beach a Tioman e di Pahang e Tanjung Rhu a Langkawi. 
Se Kecil è perfetta per chi preferisce una vacanza indipendente e low cost, Besar, la più grande delle due, offre maggiori strutture e servizi. Queste isole tropicali sono anche un must per praticare windsurf, vela, canoa e pesca d'altura, inoltre è possibile noleggiare barche per tour verso baie dalle acque turchesi.

Tioman, si trova nello stato di Pahang, a 58 Km al largo della costa orientale della penisola. Con la sua soffice sabbia bianca, le palme e i fiori selvatici, l’isola è un paradiso sia per chi vuole rilassarsi sia per i più avventurosi. 
Gli amanti delle immersioni la considerano uno dei posti migliori per il diving: intorno a Tioman si trovano infatti tanti isolotti: Pulau Chebeh, ad esempio, dove incontrare mante giganti, Pulau Soyak dove si esplora un relitto ricoperto da coralli o ancora Pulau Labas con enormi scogliere sia sopra che sott’acqua.

Langkawi, sulla costa settentrionale, è dal 2007 Unesco Global Geopark grazie al suo patrimonio geologico risalente a 550 milioni di anni fa. Che fare per scoprirla? Tour in barca lungo fiume Kilim nel Kilim Karst Geoforest Park dove avvistare, tra le mangrovie, macachi e granchi soldato, oppure immersioni nel Pulau Payar Marine Park, una riserva naturale protetta fantastica per snorkeling e diving. 
E per ammirare l’isola dall’alto, un’esperienza adrenalinica imperdibile è la salita con il Langkawi SkyCab, una delle più ripide funicolari al mondo.

Artikel Terkait