11/06/14

NUOVI COSTI PER RILASCIO PASSAPORTI E NOVITA SUI VIAGGI DEI MINORI


Costi rilascio passaporto

Un recente emendamento, già approvato dalla Commissione Finanza della Camera e del Senato (emendamento al dl n.66/2014), ha apportato delle importanti modifiche al costo per l’emissione del passaporto.

Il prezzo per l’emissione del documento è stato aumentato significativamente, ma è stata abolita la norma che prevedeva di applicare una marca da bollo per il valore di 40,29 euro ogni anno a partire dalla data di emissione dello stesso per chi si recava al di fuori dell’Unione Europea. Non sarà quindi più necessario pagare il tributo annuale che ad oggi si sommava ad un costo di 42,50 euro per l’emissione del passaporto, con un costo iniziale di 82,79 euro per il primo anno.

L’emendamento ha introdotto un contributo amministrativo unico per il rilascio del documento, che sarà pari a 73,50 euro una tantum. Il prezzo per l’emissione del documento è quindi aumentato di quasi il 73 per cento, ma è stata azzerata la tassa annuale. A conti fatti si tratta di un risparmio notevole soprattutto per chi si reca di frequente in paesi non Ue, ma anche per coloro che utilizzano il documento solo saltuariamente, in quanto il costo di emissione è comunque inferiore rispetto a quello complessivo attuale.

Secondo chi ha promosso l’emendamento, il pagamento una tantum allinea il nostro paese al resto dell’Unione Europea, dove per l’emissione del documento non sono richiesti pagamenti di tributi annuali.

Per quanto riguarda l’espatrio dei minori di quattordici anni, è da segnalare un’importante novità entrata in vigore lo scorso 4 giugno. A partire da quella data per i cittadini italiani minori di 14 anni che viaggiano in paesi extra Ue non accompagnati da un genitore ma da una terza persona o vengono affidati ad una società di trasporto, dovrà essere compilato un apposito modulo (la dichiarazione di accompagnamento) cartaceo o dovranno essere apportate modifiche al passaporto del minore (solo nel caso di accompagnamento da parte di terzi).

La dichiarazione di accompagnamento può essere effettuata presso la Questura da parte dei genitori o da un tutore nel caso in cui il minore sia sottoposto a questo tipo di tutela ed è limitata al viaggio effettuato; andrà quindi richiesta per ogni viaggio. Questo tipo di dichiarazione non è invece necessaria per i viaggi all’interno del territorio nazionale e per i viaggi extra Ue effettuati con almeno uno dei genitori (o di un tutore).

Una precisazione: queste norme si applicano ai soli minori cittadini italiani.

Artikel Terkait