19/08/11

FAVIGNANA: L’ISOLA DEL RELAX

Favignana


Calette incontaminate bagnate dall’acqua cristallina, scenografiche grotte naturali e giardini colorati, sono le meraviglie da scoprire in questo lembo di terra nel cuore del Mediterraneo.

Favignana, la più grande delle isole Egadi, prende il nome dal Favonio, il vento caldo che accarezza queste coste, a poche miglia marine da Trapani. Romantica e appartata, l’isola è dominata dal monte Santa Caterina, sul quale si erge l’omonimo forte, e i suoi 33 chilometri di costa, sono un susseguirsi di baie, calette, grotte, spiaggette e scogli. 

L’isola, è caratterizzata dalla presenza del tufo, già impiegato in epoca romana, nella costruzione delle case in Sicilia e nord Africa. 

 
Le cave a cielo aperto e quelle nelle grotte, si alternano a coloratissimi giardini mediterranei. 

Disabitata per secoli, Favignana venne acquistata nel XVII secolo dai genovesi Pallavicini, che l’avviarono all’attività della pesca e dell’agricoltura. Nel 1874, le isole Egadi furono acquistate dal commerciante siciliano Ignazio Florio, che vi costruì uno stabilimento per la lavorazione del tonno. 

Il palazzo ottocentesco in cui risiedeva la famiglia, si trova a pochi passi dal porto e si avvista giungendo sull’isola in aliscafo o in traghetto. È visitabile, e vale la pena salirne le scale per ammirare il panorama che si gode dal suo terrazzo. 

Anche la tonnara Florio, che per oltre un secolo è stata la più grande officina ittica di tutto il Mediterraneo, è stata restaurata e aperta al pubblico. È uno splendido esempio di archeologia industriale e ospita mostre e installazioni artistiche.

L’altro luogo da visitare, sono le grotte di San Nicola, dove si ammirano testimonianze di epoche preistoriche. Ci sono poi i “bagni delle donne”, un’opera romana che consiste in una serie di vasche alimentate da canali sottomarini, nelle quali le signore potevano bagnarsi nelle acque sempre tiepide. 

Avvolta in un’atmosfera di tranquillità, l’isola è la meta ideale per una vacanza di relax, lontano dal caos delle rotte più battute dal turismo estivo. Si può godere delle sue bellezze a piedi o in bici, in quanto molte delle cale e delle spiagge sono raggiungibili solo attraverso strade sterrate. 

La spiaggia principale dell’isola, è Lido Burrone, di candida sabbia fine, attrezzata con lettini e ombrelloni. Chi cerca angoli più appartati, può scegliere tra le tante calette di scogli, come la splendida Cala Rossa, o quella ciottolosa dell’Approdo di Ulisse: angoli tranquilli, bagnati da un mare trasparente e limpido, ideale per gli amanti delle immersioni. 

La sera, si fanno romantiche passeggiate a piedi o in bici, tra gli inebrianti profumi di menta e gelsomino provenienti dai giardini nascosti tra i muri delle case bianche.

Artikel Terkait