11/03/11

ANGUILLARA SABAZIA

Anguillara Sabazia

Adagiata sulla sponda sud-occidentale del lago di Bracciano, Anguillara Sabazia, dista appena 30 chilometri da Roma.

La sua storia, è profondamente legata a quella degli antichi popoli che un tempo abitavano il territorio. 

Ricerche archeologiche subacquee, del 1974, hanno riportato alla luce tracce del loro stanziamento, testimoniato da alcuni reperti e manufatti, ritrovati presso le sponde di Vicarello, Vigna Grande, Acquerelle e Marmotta. 

Risalgono al 5500 a.C. e appartengono ad un villaggio neolitico che si ergeva su palafitte, risultato essere il più antico dell’Europa occidentale. 
 
L’attuale centro storico si sviluppa su un promontorio, scelto per difendersi dalle incursioni dei barbari. 

La storia e il destino della cittadina, furono legate per molti secoli alla famiglia degli Anguillara, che governò fino al 1488. Nel corso degli anni passò nelle mani di diversi proprietari, fino a quando venne acquistata dai duchi Doria Eboli D’Angri e al suo nome venne aggiunto l’epiteto di Sabazia, per distinguerla da altre città omonime. 

Il centro storico sorge su antiche abitazioni di epoca romana, e vanta edifici e monumenti risalenti al periodo tardo-medievale e rinascimentale. Dal corso principale, si giunge alla Chiesa della Collegiata del XVI secolo, e superata la Porta di Castello, si trova il cinquecentesco Palazzo Baronale oggi sede comunale. 

Si inserisce in un complesso fortilizio e custodisce una serie di affreschi attribuibili alla scuola di Raffaello. Nel retro, svettano i bastioni del Torrione medievale, attuale sede del Museo della civiltà contadina e della cultura popolare. Custodisce circa 100 attrezzi agricoli, della pesca, della pastorizia e di uso domestico, dei primi del Novecento. 

Meritano una visita, la Chiesa dell’Assunta, dalla cui terrazza si gode di una splendida vista sul lago di Bracciano, e quella di San Biagio, nella parte bassa del paese. 

Sulla riva del lago, sorge la chiesa di S. Maria della Rena, con un’effige della Madonna delle Grazie e della Trinità, che pare abbia miracolosamente mosso gli occhi nel 1796. Fuori dal paese, il complesso di San Francesco, con una chiesa e un convento francescano. 

La pregevole architettura è inserita in un contesto tranquillo, incastonato nello splendido scenario del lago, le cui acque tranquille offrono numerose possibilità di svago: nuoto, canottaggio, windsurf, pesca e gite in barca. Tanti gli hotel Roma, o gli alloggi sul lago, simili agli alberghi Venezia, in cui soggiornare per una vacanza all’insegna del relax, nello splendido scenario paesaggistico di Anguillara.

Artikel Terkait