26/11/10

DA RIO A LAS PALMAS: E' CARNEVALE!

Carnevale

No. Non ho sbagliato pagina del calendario, siamo ancora a novembre, ma è il momento adatto per organizzare il viaggio se intendiamo goderci i festeggiamenti del Carnevale in una delle due località al mondo dove questo evento è preso molto seriamente.

In Brasile il Carnevale venne importato dai portoghesi, era però una festa decisamente meno coinvolgente se pur di grande importanza per il Portogallo: l’entrudo. Ma questa usanza, tipicamente europea, di travestirsi e tirarsi (al posto dei più recenti coriandoli) acqua e farina, in Brasile si trasformò in un evento di grande rilevanza, una festa popolare conosciuta in tutto il mondo, che permette a tutti i suoi partecipanti di esprimere espressività e libertà. 

Accomuna tutti: non importano le differenze di razza, sociali, economiche, a Carnevale tutti festeggiano. Da alcuni anni è tornato ad essere un evento che coinvolge le strade e le piazze della città di Rio De Janeiro, e non più confinato nel “Sambodrodomo”. Un caos ben organizzato dalle 12 scuole di samba, che per tutto l’anno di esercitano, e mantengono il segreto sul tema che porteranno per le strade della città. Carri, costumi, coreografie e oltre due miliardi di telespettatori al mondo. 

Se vi è venuta voglia di assistere di persona a questo spettacolo ma non intendete andare così lontano, è possibile assistere ad un Carnevale altrettato festoso ed alternativo a poco più di quattro ore di volo dall’Italia: Las Palmas de Gran Canaria.

Un mese intero di festeggiamenti, balli e pura trasgressione. Si è assicurato negli anni un posto sul podio degli eventi più affascinanti legati al periodo del Carnevale. “Disfrutar”, letteralmente ‘approfittare’, è la parola d’ordine. Tutti partecipano, tutti sono colpiti dal clima di spensieratezza che caratterizza questo periodo. Ogni carro ha la propria “Regina”, seguita da moltissimi “comparsas”, i sostenitori, ai quali si uscisce la gente comune, che segue la parata per la città, che si arricchisce di colori e festeggiamenti. 

Ma qui, a Las Palmas, capitale dell’isola, le vere protagoniste sono le Drag Queen. L’evento, anche qui come a Rio, è preparato con dedizione e cura, e dura dall’alba al tramonto, trascinandosi dietro chiunque si trovi in strada. Turisti compresi. I festeggiamenti si concludono dopo quattro settimane con una sfilata di carri anche nella localita turistica di Playa Del Ingès, dove avviene anche l’elezione del “Turista dell’anno”, ed anche l’elezione del “Bambino del Carnevale”, a rafforzare il fatto che questo Carnevale canario è veramente per tutti.

Le Drag Queen hanno tre minuti per influenzare la giuria con le loro esibizioni che non hanno nulla da invidiare a quelle di veri artisti. Ricordiamoci che qui, a Gran Canaria, vi è un forte turismo gay e non vi sono discriminazioni, ma solo grande rispetto e tanti locali dedicati. Ma non aspettavi un Carnevale all’insegna del “tutto è permesso”, anzi. 

La trasgressione in questi festeggiamenti è permessa solo alle Drag Queen, che con i loro costumi di scena luccicosi e particolari, affascinano giuria e spettatori. Tutti, grandi e piccini. Attratti da queste esibizioni per nulla volgari ma molto curate, e poi non dimentichiamo la presenza di tanti altri carri legati ad altri temi, come la natura, il mare, i personaggi dei cartoni e, per i più grandi, i carri delle grandi marche di Rhum.

Se vi è venuta voglia di far parte di questi eventi gioiosi, colorati e decisamente “festosi”, affrettatevi a prenotare i vostri voli ed hotel! Per le date del Carnevale canario potete consultare il sito ufficiale Las Palmas Carnaval. Mentre per Rio de Janeiro potete controllare il sito del Rio Carnival

Artikel Terkait