NOLEGGIO AUTO: LA GUIDA COMPLETA

Leggi Articolo
Autonoleggio

Oggi sono molti coloro che si rivolgono ad agenzie di autonoleggio o scelgono di prenotare online un’auto tramite le cosiddette società di brokeraggio, ma prima di stipulare il contratto con un’agenzia è bene informarsi su tanti aspetti quali l’età minima o massima prevista per il conducente, le modalità di pagamento, il chilometraggio previsto, il tipo di assicurazione, la modalità di restituzione dell’auto e tanti altri aspetti che affrontiamo in questa guida sull’autonoleggio.

Noleggiare un’auto è una pratica sempre più frequente e oramai agenzie di autonoleggio si trovano non solo in aeroporti, stazioni o grandi città, ma anche in centri di piccole dimensioni. 

La richiesta di noleggio può avvenire sia rivolgendosi direttamente in agenzia sia facendo richiesta tramite Internet, modalità che spesso prevede anche alcuni sconti sul prezzo del noleggio.

CHI PUÒ PRENDERE A NOLEGGIO UN’AUTO

Ma quali sono i requisiti indispensabili del guidatore per poter prendere a noleggio un’auto? C’è un’età minima per poter noleggiare un’auto e anche un’età massima? In caso di giovani guidatori o di guidatori con un’età più anziana sono previste dei sovrapprezzi?

Con questa guida sull’autonoleggio vogliamo dare risposta a tutte queste domande e a tante altre affinché ogni consumatore possa avere a sua disposizione tutte le informazioni più utili per poter prendere a noleggio un’auto.

ETÀ MINIMA

Per noleggiare un’auto è necessario aver compiuto 21 anni e inoltre molte agenzie di autonoleggio applicano un sovrapprezzo per chi ha un’età al di sotto dei 25 anni. Variazioni riguardanti i limiti di età del guidatore possono inoltre esserci in base anche al modello di auto che si intende prendere a noleggio.

Nel caso in cui per noleggiare un’auto inoltre non ci si rivolga direttamente ad un’agenzia di noleggio ma a un broker di noleggio auto, il supplemento per i guidatori al di sotto dei 25 anni viene comunicato tramite un disclaimer.

Oltre che per giovani guidatori, alcune restrizioni per l’età di chi prende a noleggio un’auto riguardano anche chi ha più di 65 anni per i quali può essere previsto un sovrapprezzo, mentre alcune agenzie non noleggiano auto a chi ha compiuto oltre 70 anni.

COME SI PRENDE A NOLEGGIO UN’AUTO

Per noleggiare un’auto, oltre che rivolgersi direttamente alla sede dell’agenzia, ci si può collegare anche online ai siti delle varie agenzie potendo a volte usufruire di sconti speciali fino anche al 15% rispetto alle tariffe ufficiali e confrontare in tempo reale i prezzi delle varie agenzie di noleggio scegliendo così quelle con i prezzi al momento più competitivi.

In alternativa si può contattare anche il call center dell’agenzia.

COME SI PAGA IL NOLEGGIO

Il tipo di pagamento accettato da tutte le agenzie di noleggio è quello con carta di creditoin quanto questa modalità di pagamento offre una garanzia certa e la cifra del pagamento viene prelevata dal conto corrente del cliente al ritiro dell’auto.

Nel caso si intendesse pagare con una carta di credito ricaricabile è bene pertanto informarsi se l’agenzia che si vuole contattare accetti anche questa modalità di pagamento. 

Carte prepagate come la postpay prevedono inoltre un importo massimo di pagamento di circa 2.000 euro e pertanto non potrebbero essere utilizzate nel caso di noleggi con costi superiori a questa cifra.

Solo nel caso di piccoli noleggiatori a volte si può pagare anche tramite contanti, ma i casi sono piuttosto rari.

TIPOLOGIE DI ASSICURAZIONE PER LE AUTO A NOLO

Prima di noleggiare un’auto per la propria vacanza o per un viaggio di lavoro è importante valutare attentamente quali sono le diverse tipologie di assicurazione previste dall’agenzia. Inoltre, per poter valutare bene quali sono gli aspetti più importanti dell’assicurazione è necessario valutare le esigenze personali e conoscere le varie opportunità previste in fatto di assicurazioni per autonoleggio.

Per franchigia si intende l’importo che rimane a carico del conducente nel caso di un incidente e che pertanto non è risarcito dall’assicurazione. L’importo della franchigia varia sia in base al tipo di contratto stipulato sia in base all’agenzia di autonoleggio e per questo è bene informarsi di caso in caso.

Alcune volte è prevista la possibilità di stipulare una polizza Damage Access Refund (Der)per l’abbattimento totale o parziale della franchigia.

Per massimale si intende la cifra massima che l’assicurazione rimborsa e nel caso in cui la cifra superasse il massimale, la differenza è pertanto a carico del cliente.

Nel prezzo del noleggio sono in genere previsti anche tre tipi di assicurazioni come:

- Theft Waiver (Tw)
assicurazione contro il furto dell’auto e nel caso l’auto noleggiata venisse rubata il cliente dovrà pertanto pagare soltanto la franchigia.

- Collision Damage Waiver (Cdw o conosciuta anche come Kasko)
assicurazione che copre i danni al veicolo in caso di incidente.

- Third Party Insurance (Tpi)
assicurazione con copertura verso terzi che copre appunto i danni causati a terzi nel caso di incidenti, in questo caso è bene valutare quale sia l’importo del massimale e quali costi siano previsti nel caso si volesse innalzare la cifra del massimale.

È importante essere a conoscenza del fatto che l’assicurazione non copre alcun tipo di danno qualora il conducente:

- guida sotto effetto dell’alcool o stupefacenti;

- ha causato danni per guida irresponsabile;

- il conducente non sia lo stesso da quello previsto nel contratto di noleggio.

GUIDA ESCLUSIVA E GUIDATORI AGGIUNTIVI: DIFFERENZE E CONVENIENZE

Un aspetto da appurare presso l’agenzia o comunque tramite il numero verde è quello che riguarda eventuali costi extra nel caso di guidatori aggiuntivi. I costi per la guida esclusiva o per guidatori aggiuntivi variano infatti in base all’agenzia di autonoleggio.

CHILOMETRAGGIO: ILLIMITATO O NO

In genere è sempre consigliabile che nel contratto di autonoleggio sia previsto un chilometraggio illimitato ovvero il guidatore non ha limiti di chilometri da percorrere con l’auto presa a noleggio. In caso contrario, ovvero se si stipula un contratto con chilometraggio limitato, se si dovesse poi superare il tetto di chilometri previsto si dovrà pagare una cifra supplementare per i chilometri in più percorsi.

LIVELLO DEL CARBURANTE

La prassi più comune è quella che prevede di ritirare l’auto con il pieno di carburante e di riconsegnarla con il pieno. Nel caso in cui il cliente restituisca all’agenzia l’auto con un livello di carburante inferiore a quello rilevato al momento del ritiro, dovrà poi pagare all’agenzia il costo della differenza.

In altri casi, ma sono più rari, l’auto viene fornita con un minimo di benzina e così il cliente dovrà provvedere a fare al più presto il carburante. 

La cosa migliore è quella di ritirare l’auto con il pieno di carburante in quanto non è facile altrimenti quantificare la quantità di carburante presente o da inserire prima della restituzione del mezzo.

RESTITUZIONE DELL’AUTO IN UN PUNTO DIVERSO: COSTI E VANTAGGI

Uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione è quello di informarsi su quale debba essere l’agenzia dove poter restituire l’auto presa a noleggio. In alcuni casi infatti è obbligatorio riportare l’auto nella stessa agenzia di dove si è ritirata e questo potrebbe ad esempio non corrispondere alle necessità del cliente.

Il servizio per cui si può riconsegnare un’auto in un’agenzia diversa da quella del ritiro è chiamato “one way” ed è bene sempre informarsi se ciò preveda dei costi aggiuntivi.

PATENTE DI GUIDA INTERNAZIONALE

Se si prende a noleggio un’auto in un Paese estero è bene preventivamente informarsi se è richiesta per la guida una patente internazionale.

Per conseguire una patente internazionale è necessario rivolgersi all’Ufficio della Motorizzazione Civile locale portando con sé la propria patente italiana. Sul sito Viaggiare Sicuri è possibile consultare l’elenco completo dei Paesi in cui è prevista la patente internazionale.

CHI CHIAMARE IN CASO DI FURTO O INCIDENTE

Nel caso di un incidente o di un furto si deve immediatamente contattare l’agenzia di noleggio oltre naturalmente alla polizia locale.

L’assicurazione base del contratto di noleggio in genere comprende anche il rimborso in caso di furto e danni al veicolo. 

La responsabilità però è a totale carico del guidatore nel caso in cui egli abbia assunto stupefacenti o abbia causato l’incidente in stato di ebbrezza o nei casi in cui abbia comunque causato l’incidente per negligenza.

È inoltre buona norma conservare tutti i documenti dell’auto noleggiata e il relativo contratto per poter successivamente ottenere il rimborso dovuto dall’assicurazione.

MODIFICARE IL NUMERO DI GIORNI DEL NOLEGGIO GIÀ INIZIATO

Nel caso in cui si verificasse l’opportunità che l’auto noleggiata servisse per un periodo di tempo maggiore rispetto a quello previsto nel contratto di autonoleggio, come è necessario procedere?

Il contratto di noleggio è possibile estenderlo per un periodo maggiore solo però nel caso in cui l’auto non fosse già stata impegnata con un altro cliente.

Se invece l’auto venisse riconsegnata in ritardo, in tal caso è previsto il pagamento di una penale: in genere il noleggio è calcolato sulla base delle 24 ore e nel caso di un veicolo che venisse restituito in anticipo non è previsto invece alcun tipo di rimborso.

AUTONOLEGGIO: RISCHI DA EVITARE

Prima di firmare il contratto di noleggio dell’auto è sempre bene leggere attentamente tutti i documenti e accertarsi di alcuni aspetti principali come:

- accertarsi cosa prevede e cosa esclude il tipo di assicurazione prevista e quali sono inoltre eventuali polizze aggiuntive che si possono includere e a quali costi;

- verificare il carburante presente al momento del ritiro del mezzo e richiedere quanto carburante dovrà essere presente al momento della riconsegna dell’auto;

- richiedere quale è il tipo di chilometraggio previsto: chilometraggio limitato o illimitato;

- esaminare con attenzione il veicolo sia per quanto riguarda lo stato della carrozzeria esterna sia per quanto riguarda l’interno dell’auto e segnalare tutti i casi di ammaccature sulla carrozzeria o guasti o danni all’interno del veicolo (ad esempio verificare se funziona l’aria condizionata, se funzionano le frecce e relativi segnali luminosi, se la tappezzeria presenta dei danni, se le spie del livello di temperatura e dell’olio sono funzionanti e corrette, se i finestrini si aprono e chiudono correttamente);

- prima di scegliere l’agenzia di autonoleggio verificare in Internet quali sono le agenzie con i prezzi più competitivi, in genere le agenzie di aeroporti o stazioni hanno un tariffario con prezzi maggiori anche di un 15% in più rispetto ad altre sedi della stessa agenzia;

- prenotare con anticipo il mezzo prescelto in quanto così non si rischia di dover ricorrere all’ultimo minuto a un’auto di un modello non consono alle esigenze personali e con la prenotazione online si può risparmiare fino a un 15% circa sul prezzo;

- pianificare il viaggio affinché sia possibile valutare con sicurezza se sia indispensabile scegliere un’agenzia che offra il servizio di riconsegna in una sede diversa da quella del ritiro;

- specificare al momento della prenotazione se siano necessari altri tipi di accessori come ad esempio seggiolini auto per bambini e che costi aggiuntivi prevedono;

- controllare al momento del pagamento che tutte le voci incluse nella fattura siano corrette.

AUTONOLEGGIO LOW COST

Esistono due tipologie di autonoleggio low cost:

- società di noleggio con un parco macchine proprio che viene periodicamente rinnovato e che rappresentano la realtà più diffusa per l’autonoleggio; fanno parte di questo tipo di società alcune note agenzie come Avis, Rent, Hertz, Europcar;

- società di brokeraggio che non possiedono un parco auto proprio ma che stipulano le tariffe e i contratti con le società di noleggio che hanno un parco macchine; fanno parte di questo tipo di società marchi come Easy Car, Holidayautos, EnoleggioAuto che è contattabile online.

Tra i vantaggi offerti dalle società di noleggio con parco macchine proprio ci sono:

- presenza del personale presso le varie sedi dell’agenzia con cui poter interloquire in modo diretto;

- possibilità di prenotare l’auto per un evento speciale per esempio per un matrimonio o un’altra cerimonia;

- possibilità di richiedere anche il conducente per l’auto;

- possibilità di ricevere l’auto anche al proprio domicilio.

Tra i vantaggi offerti dalle società di brokeraggio ci sono:

- possibilità di avere uno sconto anche fino al 15% con prenotazione ondine;

- in genere nessuna spesa aggiuntiva per la cancellazione della prenotazione o per la modifica della data della prenotazione;

- ricerca dell’offerta migliore nel mercato;

- diffusione dei centri assistenza in tutta Italia e in Europa.

LOS ANGELES: GUIDA ALLA CITTA' DEGLI ANGELI

Leggi Articolo
USA

Los Angeles è una delle città più popolari nell’immaginario collettivo occidentale, da visitare almeno una volta nella vita. 

Tuttavia la città californiana è anche una metropoli immensa e caotica, dove può risultare difficile orientarsi, con il rischio di perdere di vista le principali attrazioni sparse per tutta la città. 

Ecco una piccola, ma utile guida per coloro che decidono di visitare la Città degli Angeli:

Muoversi a Los Angeles

La metropoli californiana è dotata di una buona rete di trasporti pubblici (metropolitana, bus) tuttavia, date le dimensioni sconfinate dell’agglomerato urbano, il modo migliore per muoversi in questa città rimane il noleggio auto.

La Mecca del cinema

Los Angeles è considerata la capitale mondiale del cinema. Per conoscere il lato più famoso della città, una tappa d’obbligo è Hollywood Boulevard, il viale lungo il quale corre Hollywood Walk of Fame, il celebre marciapiede che rende omaggio alla più famose stelle del cinema. 

Altre attrazioni di Hollywood Boulevard da non perdere sono il Dolby Theatre, sede della cerimonia di consegna degli Oscar, il Chinese Theatre, il museo locale delle cere Madame Tussauds e l’Osservatorio Griffith da dove potrete ammirare l’omonima scritta monumentale, simbolo della città, situata sul Monte Lee.

I cinefili non potranno inoltre perdersi una visita agli Universal Studios, dove sono state girate le scene di film come King Kong 3D, The Simpsons 4D e Waterworld, senza dimenticare che dalla prossima primavera gli studi ospiteranno un parco dedicato al mondo di Harry Potter. 

Infine concedetevi una passeggiata per Beverly Hills, il quartiere noto per le lussuosissime ville dove vivono alcune delle più importanti star americane.

Musei e cultura

Los Angeles non presenta un vero e proprio centro cittadino; per questo motivo i suoi musei principali sono sparsi per tutta la città. 

Ecco quali sono quelli da visitare assolutamente:

- Getty Museum: questo enorme museo di arte antica è ospitato in due sedi: il Getty Center su una collina di Los Angeles e il Getty Villa di Malibù, che espone tra le altre cose spettacolari sculture romane, etrusche e greche.

- Los Angeles County Museum of Art: situato sul Wilshire Boulevard, il LACMA è uno dei più grandi musei d’arte degli USA, con oltre 10 000 opere che spaziano dalla preistoria all’arte contemporanea.

- The Museum of Contemporary Art: l’importante pinacoteca di arte contemporanea è suddivisa in tre siti: la sede principale di Grand Avenue ( quartiere Downtown Los Angeles), The Geffen Contemporary (nel quartiere Little Tokyo), MOCA Pacific Design Center a West Hollywood.

Vita da spiaggia

Se visitate la Città degli Angeli, non potete perdervi le sue mitiche spiagge, famose in tutto il mondo. 

Vi segnaliamo in particolare:

- Venice Beach: chiamato così per i suoi canali, il quartiere di Venice è famoso per la sua omonima spiaggia e per l’atmosfera bohémien e glamour che si respira nelle sue strade, dove gli artisti stanno gomito a gomito con surfisti, culturisti e cartomanti di ogni genere. Gran parte delle scene della serie televisiva Californication sono state girate qui.

- Huntington Beach: questa città costiera della vicina Contea di Orange offre ben 14 km di spiaggia ed è ritenuta una delle mete più amate dai surfisti di tutto il mondo.

- Malibù: altra spiaggia resa celebre dal cinema e dalla tv, Malibù si presenta con bagnini in costume rosso sulle torrette di sorveglianza in stile Baywatch e splendide ragazze in bikini che giocano a beach volley.

Divertimento

Los Angeles è conosciuta anche come la città del divertimento e delle stravaganze di ogni tipo. 

Tra i tanti parchi divertimento presenti nella metropoli, quelli da non perdere sono:

- Disneyland: inaugurato nel 1955, il primo parco divertimenti consacrato all’universo Disney, è un must per grandi e piccoli. Continuamente rinnovato con nuove attrazioni, Disneyland è considerato ancora oggi uno dei migliori parchi al mondo e presto offrirà ai visitatori una nuova aerea dedicata alla mitica saga di Guerre Stellari.

- Knott’s Berry Farm: molto popolare per le sue celebri montagne russe, questo parco tematico ha per filo conduttore il mondo del selvaggio West americano.

- Six Flags Magic Mountain: se siete in cerca di adrenalina e sensazioni forti, niente di meglio di questo parco, che presenta le montagne russe più emozionanti, tra cui l’ottovolante Goliath che viene percorso ad una velocità media di 130 km/h.

VIAGGIARE CON MINORI IN EUROPA E NEL MONDO

Leggi Articolo
Viaggiare con minori

La normativa relativa ai minori in viaggio è abbastanza complessa, perché è in continua evoluzione e varia a seconda della destinazione del viaggio, della cittadinanza di chi viaggia e del mezzo di trasporto utilizzato. 

Con questo articolo provo a fare un po’ di chiarezza, fornendovi tutte le informazioni utili al riguardo.

Avvertenze generali

Per evitare sorprese è sempre bene informarsi con largo anticipo. In caso di viaggi organizzati è consigliabile chiedere indicazioni direttamente all’agenzia o al tour operator mentre, se si ha in programma un viaggio fai da te, il suggerimento è di consultare le fonti ufficiali della Polizia di Stato, del Ministero degli Affari Esteri italiano e dell’Ue che sono indicati di seguito; un suggerimento che rimane valido anche dopo la lettura di questo articolo esauriente ed aggiornato con le novità introdotte negli ultmi anni, poiché, come già scritto, la normativa italiana ed europea in materia è in costante evoluzione.

Viaggiare in Italia con minori

Come regola generale, se si parte con un minore per un viaggio all’interno dei confini nazionali, non sono necessari particolari documenti per i bambini.
Tuttavia, se si decide di viaggiare in aereo, anche all’interno del Paese, è richiesto ai minori un documento individuale di riconoscimento. Secondo la normativa vigente, anche i minori di 15 anni possono richiedere il rilascio di unacarta d’identità individuale che è di durata triennale (per i minori da 0 a 3 anni) o quinquennale (per i minori fra i 3 e i 17 anni). Per ottenerla i genitori devono recarsi con tre fototessere presso l’Ufficio Anagrafe del Comune di residenza.

Viaggiare in Europa con minori

Dal 26 giugno 2012, per poter viaggiare all’interno dell’Unione Europea, i minori devono essere in possesso del passaporto individuale o della carta d’identità valida per l’espatrio (la validità per l’espatrio deve essere richesta espressamente alle autorità competenti). Se il minore ha meno di 14 anni e deve recarsi in una destinazione dell’Ue senza i genitori, occorre richiedere il rilascio di un’autorizzazione specifica da parte della questura. Altri dettagli sono reperibili sul sito dell’Ue.

Viaggiare con minori in Paesi extra-europei

Fino a poco tempo fa i genitori dei minori potevano iscrivere il figlio nel proprio passaporto. A partire dal 26 giugno 2012, questa procedura non è più valida (ma il passaporto col figlio iscritto rimane valido per il genitore fino alla sua naturale scadenza): ai minori in viaggio verso Paesi extraeuropei è richiesto il possesso di un passaporto individuale (quelli con durata decennale rilasciati prima del 25 novembre 2009 restano validi, a condizione che siano inclusi i dati dei genitori per i minori di 14 anni). Come per la carta d’intentità, anche per il passaporto esistono due tipologie di validità a seconda dell’età del bambino o ragazzo: triennale per i minori da 0 a 3 anni, quinquennale per i minori da 3 a 17 anni.

Per ottenere il rilascio di questo documento la procedura prevede l’assenso di entrambi i genitori (o il nulla osta del giudice tutelare). Se uno dei due genitori dà il proprio assenso, ma è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, può fornire all’altro genitore una dichiarazione scritta di assenso all’espatrio, insieme alla fotocopia del proprio documento d’identità, firmato in originale.
Sul sito Viaggiaresicuri curato dalla Farnesina, è possible verificare nel dettaglio i documenti necessari (ed eventualmente visti o permessi speciali) per visitare i vari Paesi del mondo.

Passaporto per minori: dove e come presentare domanda

La richiesta di passaporto va presentata in questura o, se il richiedente si trova all’estero, nelle rappresentanze diplomatiche. Secondo la normativa vigente i nuovi passaporti con microchip non prevedono l’acquisizione delle impronte e la firma digitalizzata per i minori di età inferiore ai 12 anni. Sono invece sempre presenti sul passaporto, a prescindere dall’età del minore, i dati anagrafici dei genitori viventi.

La documentazione necessaria per presentare la domanda è la seguente:

- un documento di riconoscimento valido del minore (è consigliabile portare con sé anche una fotocopia dello stesso);

- 2 foto formato tessera del minore;

- 1 contrassegno telematico di 40,29 euro che sostituisce la vecchia marca da bollo, ha valore annuale e va acquistato presso una rivendita di valori bollati, prima di recarsi all’Ufficio competente per il rilascio dei passaporti;

- ricevuta di pagamento di euro 42,50, effettuato tramite bolletino di conto corrente (bolletini pre-compilati sono reperibili negli uffici postali), intestato al Ministero dell’Economia e delle Finanze, con causale “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.

Il sito della Polizia di Stato, oltre a spiegare nei dettagli l’iter burocratico e fornire tutta la documentazione necessaria da compilare, consente al richiedente di ridurre i tempi di attesa, prenotando online il proprio appuntamento in questura.

Normativa vigente sull’accompagnamento dei minori in viaggio

I minori dai 14 ai 17 anni possono viaggiare senza accompagnatori sia all’interno dell’Ue che per destinazioni extra Ue.

Fino al compimento dei 14 anni, invece, i minori possono espatriare solo se:

- accompagnati da un genitore (o chi esercita la potestà genitoriale), previa iscrizione dei dati dei genitori o del tutore all’interno del passaporto del minore oppure esibizione al momento dell’espatrio dello stato di famiglia o dell’estratto di nascita o del documento di nomina del tutore;

- affidati ad un accompagnatore munito di dichiarazione di accompagnamento;

- affidati con dichiarazione di accompagno dai genitori o dal tutore ad un Ente (di solito la compagnia aerea).

La dichiarazione di accompagnamento deve riportare il nome dell’accompagnatore o Ente a cui viene affidato il minore, deve essere sottoscritta dai genitori o dal tutore, e va presentata in questura (meglio portare insieme alla dichiarazione i documenti dell’accompagnatore, dei genitori e del minore). Effettuata tale procedura la questura rilascerà un documento di autorizzazione, che andrà presentato dall’accompagnatore alla frontiera insieme al passaporto del minore in corso di validità.

Aggiornamento

Dal 4 giugno 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina riguardante la dichiarazione di accompagnamento; queste le principali novità:

- la dichiarazione di accompagnamento può riguardare un solo viaggio (da intendersi come andata e/o ritorno) dal Paese di residenza del minore con destinazione determinata e non può eccedere, di norma, il termine massimo di sei mesi;

- gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria possono indicare fino ad un massimo di due accompagnatori, che saranno tuttavia alternativi fra di loro;

- nel rendere la dichiarazione di accompagnamento, gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria possono chiedere che i nominativi degli accompagnatori, la durata del viaggio e la destinazione siano stampati sul passaporto del minore o in alternativa che tali dati siano riportati in una separata attestazione, che verrà stampata dall’Ufficio competente;

- nel caso in cui il minore sia affidato ad un ente o ad una compagnia di trasporto, al fine di garantire la completezza e la leggibilità dei dati relativi al viaggio, è rilasciata unicamente l’attestazione. Si suggerisce, prima di acquistare il biglietto della compagnia di trasporto di verificare che la stessa accetti che il minore sia ad essa affidato.

I PIU' IMPORTANTI CARNEVALI NEL MONDO

Leggi Articolo
Carnevale di Venezia

Manca poco all’inizio del carnevale, un evento che accende in molti il desiderio di partire alla scoperta delle manifestazioni più suggestive in giro per il mondo. 

Se ancora non avete scelto la vostra destinazione, questo articolo fa per voi: 

dalle sfilate delle scuole di samba di Rio all’eleganza delle maschere veneziane, passando per gli esilaranti carri allegorici di Viareggio o Tenerife, ecco alcuni dei più importanti carnevali nel mondo.

Rio de Janeiro

Famoso in tutto il mondo, quello di Rio de Janeiro è considerato il carnevale per antonomasia. I festeggiamenti si concludono con le attesissime parate delle principali scuole di samba della città che sfilano a ritmo di musica con tamburi, carri e costumi sfarzosi.

Ogni anno la parata finale ha luogo nel celebre Sambodromo, dove viene eletta la migliore scuola di samba del carnevale.

Venezia

Il carnevale nella città lagunare contende a quello di Rio il primato della celebrità. Sono infatti migliaia i visitatori che ogni anno volano a Venezia in occasione della manifestazione, attirati dal fascino degli splendidi costumi d’epoca, in una cornice unica al mondo.

Come da tradizione, le celebrazioni veneziane si chiudono con la passerella finale in piazza San Marco dei costumi e delle maschere vincitrici del concorso La maschera più bella.

Viareggio

Ironia e allegria sono i tratti distinitivi del carnevale ospitato nella città toscana, uno dei più grandi e movimentati d’Europa, grazie ai suoi celebri ed irresistibili carri allegorici di cartapesta, spesso ispirati all’attualità.

Le spettacolari parate dei carri avranno luogo dal 27 gennaio al 17 febbraio con la grande sfilata finale del Martedì Grasso.

Santa Cruz de Tenerife

Il carnevale che si svolge nella capitale delle isole Canarie è considerato uno dei più importanti al mondo; non a caso la città spagnola è gemellata con Rio de Janeiro ed aspira a veder riconosciuta dall’Unesco la propria manifestazione come “patrimonio dell’umanità”.

L’edizione di quest’anno aprirà i battenti il 7 febbraio, per terminare il prossimo 18 febbraio.

Colonia

E’ il carnevale più famoso della Germania e di tutta l’Europa centrale. Durante i festeggiamenti le scuole rimangono chiuse per alcuni giorni e gente di ogni età scende in strada, per ballare e sfilare in costume al seguito dei carri.

Il Martedì Grasso è il culmine delle celebrazioni, caratterizzate dal rogo di Nubbel, durante il quale vengono bruciate simbolicamente le cose vecchie e brutte del passato, come augurio per il futuro.